Scura Maje – Povera me – Antico Canto Abruzzese

4
2792

a cura di Enzo. C. Delli Quadri

Scura-maja

Il canto viene  riproposto, qui di seguito, in 3 VIDEO, uno più interessantedell’altro:

  1. Nel primo,  il canto è interpretato, rispettando l’originale, dal cantautore abruzzese Adriano Tarullo.
  2. Nel secondo la canzone è arrangiata dal grande musicista Nino Rota (sue le musica de La Doce Vita, Amarcord, ecc) e utilizzata da Lina Wertmuller nel film “Film D’Amore E D’Anarchia”
  3. Nel terzo la canzone, attribuita erroneamente a Nino Rota (lui l’ha solo arrangiata in chiave moderna), diventa una vera e propria lirica nella voce della cantante greca Elli Paspala

Questo canto è stato denominato in vari modi (Mara maje, Scura maje, con la i, con la j, tutto attaccato Maramaje, etc..) e si hanno varianti letterali e musicali nei diversi centri abruzzesi. Il titolo in italiano sarebbe POVERA ME.

Scura maja – Povera me

Nel diciottesimo secolo si ha una primissima testimonianza del testo trascritto del lamento funebre (in questo caso denominato Scura mai = Povera me), grazie alla pubblicazione di un libro di poemi dialettali a opera di Romualdo Parente poeta di Scanno, riportata alla luce da un’edizione di Giorgio Morelli il quale specifica che questo esempio di lamento funebre era ”espressione di un’antica costumanza che doveva essere stata, tra i nostri progenitori, più che un uso, un rito”.

Antonio De Nino, celebre erudito abruzzese ((Pratola Peligna, 15 giugno 1833 – Sulmona, 1 marzo 1907), ci fa sapere che il pianto si componeva di 17 strofe e che, intorno al 1830, era stato scritto da Sebastiano Mascetta di Colledimacine (Chieti).

Nelle prime quattro la donna esprime tutta la sua disperazione per la scomparsa del marito e per il suo nuovo stato sociale che la costringe alla più completa solitudine materiale e morale. Prima, infatti, poteva contare su una piccola e rustica abitazione ora è priva di qualsiasi riparo e, soprattutto, di cibo per sé e per i figli che, di notte, implorano, ma invano, il pane. A nulla è valso il ricorrere alla pietà del “cumpare”, il testimone di matrimonio che, per consuetudine, in caso di morte del coniuge era tenuto a soccorrere la vedova. Alla strofa settima ella si paragona, vivente il marito, ad un’orsa opulenta mentre, dopo la sua scomparsa, è diventata secca come un’alice e nessuno, neppure più un cane, si accorge del suo dramma e nessuno più si rivolge a lei con dolcezza. Il pianto termina con la speranza che possa presto trovare un altro compagno, non importa se brutto come uno sterpo. 

“1.
Scura maja, scura maja!
Te si’ muort’ chigna facce?
Mo me stracce trecce e facce,
Mo me jatte ’ngoj’ a taja:
Scura maja, scura maja!
2.
Primma tenea ’na casarella,
Mo ’ntieng’ chiù reciette.
Senza fuoche e senza liette,
Senza pane e cumpanaja:
Scura maja, scura maja!
3.
M’ha lasciata ’na famija
Scàuza e nuda, appetitosa;
E la notte ci sgeveja
Vûne ju pane e i’ ne’ l’aja:
Scura maja, scura maja!
4.
Ieri jeje a ju cumpare,
A cerché la carité,
Me feceje’ ‘na strellota
Me menaje ’na staja:
Scura maja, scura maja!
5.
Sci’ mmajtt’, sci’ mmajtt’,
Quanno bene ch’ ’nt’ aje fatte!
Pe’ lu scianghe de la jatta
Pròpia straja m’aj’ a faja
Scura maja, scura maja!
6.
E la notte a l’impruvisa,
Quann’ durme, a l’ensaputa,
Aja ’ntrà’ pe’ la caùta,
Tutt’ le scianghe me t’aja vaja:
Scura maja, scura maja!
7.
Stava grassa chinta a ’n’orsa,
Me so’ fatta scecca scecca
’Nc’ è nu cone che me lecca,
Chi me scaccia e chi m’abbaja:
Scura maja, scura maja!
8.
A ju ciel’ che ’nci aje fatt’?
A ju munne puverella,
So’ remasta vudovella,
Mo m’arraja, mo m’arraja:
Scura maja, scura maja!
9.
Oh! ju ciele, famm’ascì,
Pe’ marite nu struppone
Ca se n’aje ju muntone,
La cacciuna sempre abbaja:
Scura maja, scura maja!.”.
“1.
Povera me, povera me!
tu sei morto e io come faccio?
ora mi straccio trecce e faccia,
ora mi getto in collo a te:
povera me, povera me!
2.
Prima teneva una casetta,
ora non ho più ricetto,
senza fuoco e senza letto,
senza pane e companatico:
povera me, povera me!
3.
M’ha lasciata una famiglia
scalza, nuda e affamata;
e la notte si sveglia
vuole il pane e io non l’ho:
Povera me, povera me!
4.
Ieri andai dal compare,
a cercare la carità,
mi fece una sgridata
mi batté con una stanga:
Povera me, povera me!
5.
Sii maledetto, sii maledetto,
quanto bene ti ho fatto!
per il sangue di una gatta
proprio strega m’ho a fare
Povera me, povera me!
6.
E la notte all’improvviso,
Quando dormi, all’insaputa,
ho da entrare pel buco della porta,
tutto il sangue ti ho da bere:
Povera me, povera me!
7.
Stavo grassa come un’orsa,
mi son fatta secca secca
non c’è un cane che mi lecca,
che mi scaccia e che mi abbaia:
Povera me, povera me!
8.
Al cielo cosa ho fatto?
al mondo poverella,
sono rimasta vedovella,
ora mi arrabbio, ora mi arrabbio:
Povera me, povera me!
9.
Oh! Cielo, fammi uscire
per marito uno sterpone
che se non hai il montone,
la cucciola sempre abbaia:
Povera me, povera me!”.

 

 Primo video. Il canto viene interpretato da Adriano Tarullo, un cantautore abruzzese, che cerca di attenersi al canto originale così come tramandato.  (cliccare QUI)

Nel secondo video Il canto viene interpretato da Anna Melato nel film “Film d’Amore e d’Anarchia” di Lina Wertmuller del 1973, con l’arrangiamento del maestro Nino Rota (cliccare qui)

Il terzo video è della cantante greca, Elli Paspala, la quale trova ispirazione dalla scena del film della  Wertmuller. Erroneamente la canzone viene attribuita a Nino Rota.(cliccare QUI)


Copyright Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

4 Commenti

  1. La terza versione ha una traduzione totalmente sbagliata facendo diventare un grido di dolore (mare mmaje = povera me) in Maremma Maremma Maremma, trasferendo cioè di sana pianta un canto prettamente regionale da una regione all’altra con una faciloneria che non ha uguali 

  2. L’errore è stato chiaramente commesso dall’editore del video il quale, nella sua ignoranza, invece di scrivere “mare  mmà”  con la cadenza sulla a finale, che significa povera me, ha scritto Maremma. Ma di tutto questo fa giustizia la cantante che non dice Marèmma (con l’accento sulla e), ma Mare mmà, appunto con l’accento sulla a finale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.