Home / Cultura / Cultura Popolare / XIX Canto dell’Altosannio

XIX Canto dell’Altosannio

di Gustavo Tempesta Petresine

eco

XIX Canto dell’Altosannio

Il tempo non si muove più da giunchi,
l’acqua ristagna con la sua Mefite.
Un eco antico mi sconquassa il petto,
ridonda, e poi mi gracida nel cuore.

fa parte del suo libro  “Ne cande[1]

____________________________________________________
Ne Cande...Copertina[1]Ne cande, nasce da un percorso accidentato, da un ritrovare frammenti e “cocci” di un vernacolo non più parlato come in origine, da mettere insieme in un complicato puzzle. I termini sono proposti cercando di rispecchiare la fonetica che fu propria del parlare dei nostri nonni, ascoltati in prima persona e qui proposti. Il “canto lieto”, quello che trattava di feste, amori e piccola ironia dove si contemplava il fluire non privo di stenti, di un vivere paesano, è svanito negli anni.

_________
Copyright 
Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

About Gustavo Tempesta Petresine

Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti.

Un commento

  1. CARO POETA, GUSTAVO TEMPESTA, Infernalmente dantesco QUESTO TUO CANTO, MA SEMPRE BELLO! LA SUA ECO RESTA IMPRESSA SULLA PELLE E NELLA MEMORIA!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.