Volontari per la Natura

0
847

Schermata 2016-01-27 alle 19.27.22

parco-nazionale-abruzzo-monti-marsicani

Ufficio Educazione e Volontariato
Cea del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise
Sede Operativa Villetta Barrea (AQ)
tel 0864 89102 fax 0864 89132

Escursioni e Trekking 
Società Cooperativa Camosciara
Via Gravare
67030 Civitella Alfedena AQ
cell:  349 3938773 – 329 2947809
web:    http://www.camosciara.com/index.php
seguici su fb: https://www.facebook.com/Camosciara.escursionietrekking.parco.abruzzo?ref=hl

[divider]

Informazioni Generali

Il Progetto “Volontari per la Natura” al Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise è un’iniziativa promossa per offrire a tutti un’esperienza unica di vita e di lavoro a contatto con un ambiente naturale integro, grazie al quale si avrà la possibilità di riflettere e di prendere coscienza di quei comportamenti individuali e sociali che pongono l’essere umano nel giusto ruolo all’interno dell’ecosistema Natura. Il Parco ha sempre puntato fortemente sul Volontariato, accogliendo ogni anno centinaia di partecipanti: studenti, operai, impiegati, ricercatori, insegnanti, liberi professionisti, pensionati che, spontaneamente e senza alcun fine di lucro, collaborano nei modi più diversi alle numerose e molteplici attività del Parco. Secondo le esigenze di servizio si avrà modo di effettuare attività di educazione ed interpretazione ambientale, sopralluoghi, contatti con il pubblico, reportage fotografici e televisivi, animazioni culturale, gestione e cura delle strutture, manutenzione dei sentieri, assistenza e informazioni ai visitatori, pulizie, ecc. il tutto con la supervisione ed il coordinamento del personale del Parco. Individualmente, in piccoli gruppi o in comitive organizzate, i Volontari del Parco crescono ogni anno soprattutto nella specializzazione e nella forza spirituale con la quale sostengono e animano ogni loro azione.

La partecipazione ad uno dei Programmi del Progetto di Volontariato è riservata a chiunque sia in grado di trascorrere un periodo di vita in montagna in perfetta autosufficienza e serenità. L’Ente Parco fornisce contrassegni ed una semplice attrezzatura indispensabile alle attività previste. Si tratta di passare dei giorni insieme ad altre persone motivate ed interessate alla difesa della flora e della fauna in una delle strutture messe a disposizione dagli Operatori del Parco, collaborando con le diverse attività di prevenzione, controllo, informazione, educazione, manutenzione, assistenza, il tutto secondo le esigenze di servizio. La partecipazione ai Programmi può avvenire in alcuni periodi dell’anno: secondo un calendario prefissato oppure mediante accordi preventivi presi direttamente con le associazioni.

                    Il Progetto di Volontariato è suddiviso in diversi Programmi:

  • JUNIOR: per chi partecipa la prima volta ad un turno di Volontariato al Parco ed ha un’età compresa tra i 18 e i 40 anni.
  • SENIOR: per chi partecipa per la prima volta e ha più di quaranta anni.
  • INTERNATIONAL VOLUNTEERS: è destinato ai partecipanti maggiorenni provenienti da altre Nazioni.
  • SPECIALISTI VOLONTARI: è riservato invece a chi ha già partecipato ai Programmi Junior, Senior, International e vuole ripetere l’esperienza.
  • FAMILY per i nuclei familiari.
  • SCUOLE e VOLONTARIATO: programma speciale concordato e destinato alle Scuole Primarie, Secondarie di primo e secondo grado, Università.
  • CAMPI NATURA per le Associazioni di Volontariato, gruppi Scout, ecc.

                      Le strutture ospitanti:

Anche per l’anno in corso le strutture che ospiteranno i volontari sono quelle messe a disposizione dagli Operatori dell’Ente dislocate sui tre versanti del Parco (Abruzzo – Lazio – Molise) e di seguito elencate:

Abruzzo:

– Ostello degli Elfi a Barrea

– Azienda Vallecupa a Pescasseroli

– Azienda Apistica “Le fate dei fiori” a Civitella Alfedena

– B&B “Prati del lupo” a Bisegna.

Lazio:

– Agriturismo “Le case Marcieglie” a San Donato Val Comino

– Ostello della Gioventù “Convento dei francescani” a San Donato Val Comino.

Molise:

– Rifugio del Falco loc. le Forme di Pizzone.                       

                      Le cifre del Volontariato in un anno

  • Circa 1.000 Volontari in servizio al Parco
  • 70 giornate dedicate alla pulizia: 1.000 kg di rifiuti raccolti.
  • 300 controlli e presidi nelle località più delicate del Parco.
  • Più di 100 giorni dedicati ai lavori per il Parco.
  • 50 incontri dedicati all’Educazione Ambientale.
  • Oltre 500 escursioni per il controllo del territorio.
  • Oltre 100 uscite con gli operatori per la marcatura dei sentieri

                      L’Equipaggiamento del Volontario

sacco a pelo o lenzuola

occorrente per cucire  
zaino block-notes  
binocolo (facoltativo) federa per cuscino e copri-materasso  
ü macchina fotografica (facoltativa) cappello di pile o di cotone  
borraccia guanti da lavoro  
torcia e pile ricaricabili sveglia  
giacca a vento tovagliolo e fazzoletti di stoffa  
maglione o pile saponi biodegradabili  
attrezzatura per la pioggia asciugamani  
scarponcini pronto soccorso personale  

Come diventare Volontari del Parco

Chi è interessato a partecipare ai turni di Volontariato del Progetto “Volontari per la Natura” dovrà farne richiesta all’Ufficio Educazione e Volontariato del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, Via Roma s.n.c. – 67030 Villetta Barrea (AQ) – tel. 086489102 email: centroservizi.villetta@parcoabruzzo.it – sito web www.parcoabruzzo.it

compilando l’apposita scheda. (allegata)

Successivamente alla comunicazione dell’accettazione da parte dell’Ente, i Volontari prescelti dovranno far pervenire un versamento da effettuarsi a mezzo bonifico bancario secondo i dati che verranno comunicati da questo Ufficio, specificando nella causale: Volontariato programma…    dal … al …

Queste le quote di partecipazione:

– per i Programmi: JUNIOR, SENIOR, INTERNATIONAL, SPECIALISTA, SCUOLE E VOLONTARIATO, FAMILY

€ 80,00  per il turno di 7 giorni
€ 100,00 per il turno di 9 giorni

Nota: Le quote di partecipazione costituiscono un parziale rimborso delle spese che la struttura sostiene per l’accoglienza dei volontari. L’organizzazione dei turni di volontariato e la polizza assicurativa in caso di infortuni, relativa alle attività programmate, resta di competenza dell’Ente Parco.

Il Volontariato per la sostenibilità

  • Preferire i mezzi pubblici per raggiungere il Parco e spostarsi con essi al suo interno.
  • Usare per la spesa una borsa di stoffa riutilizzabile.
  • Portare un tovagliolo di stoffa per i pasti rinunciando all’uso dei tovaglioli di carta.
  • Se a casa hai degli oggetti nuovi che non usi (ad es. federe per materassi e cuscini, padelle, pentole, ghette, zaini, ciaspole, attrezzi per il giardino, attrezzatura da officina, ecc.) portali e lasciali, possono essere utili ad altri Volontari.
  • Non sprecare il cibo
  • Mettere in atto atteggiamenti virtuosi come il risparmio, il riuso, il riciclo per ridurre gli sprechi.
  • Risparmiare energia elettrica e considerare l’acqua del rubinetto una risorsa preziosa.
  • Comprare prodotti biologici e locali.
  • Procurarsi pile ricaricabili, apparecchiature con pannellini solari (torce, caricabatteria, calcolatrici, ecc).
  • Utilizzare saponi e detersivi ecologici e biodegradabili.
  • Ridurre il più possibile gli imballaggi, le confezioni, i materiali non riutilizzabili, evitando i materiali “usa e getta”.

 

Come raggiungere le strutture

-Versante Abruzzese:
Da Roma, Pescara e Napoli:

In treno e pullman:
Treno: linea Roma-Pescara, fermata ad Avezzano (www.trenitalia.it) da dove partono le coincidenze dei pullman della compagnia ARPA (www.arpaonline.com) linea Avezzano-Castel di Sangro.
Treno: Napoli-Pescara, fermata a Castel di Sangro (www.trenitalia.it) da dove partono le coincidenze dei pullman della compagnia ARPA (www.arpaonline.it) linea Castel di Sangro-Avezzano.

In pullman:

Linea Pescara-Napoli e viceversa, compagnia SATAM (www.gruppolapanoramica.it) e ARPA (www.arpaonline.it) per gli orari, tel. ufficio informazioni 085-378140) fermata a Castel di Sangro da dove partono le coincidenze dei Pullman della compagnia ARPA. linea Castel di Sangro – Pescasseroli.

Con mezzo proprio: 

Da Roma: autostrada A 24 / A 25 Roma-Pescara, uscita ad Aielli-Celano proseguendo per Pescina.
Da Pescara: autostrada A 25 Pescara-Roma, uscita a Popoli-Sulmona proseguendo per Sulmona, Roccaraso, Castel di Sangro, Alfedena
Da Napoli: autostrada A1 Napoli – Roma uscita Caianello proseguire in direzione Venafro e di seguito Castel di Sangro.

-Versante Laziale:

In pullman: (da verificare rispetto al luogo di partenza)
In treno:     (da verificare rispetto al luogo di partenza)

Con mezzo proprio:

indicazioni da verificare a seconda del luogo di provenienza

.

-Versante Molisano

In pullman: (da verificare da verificare rispetto al luogo di partenza)
In treno:     (da verificare rispetto al luogo di partenza)

Con mezzo proprio:

indicazioni da verificare a seconda del luogo di provenienza

JUNIOR

… dal 19 aprile 1993

La partecipazione al Programma Junior è riservata a chi ha un’età compresa tra i 18 e i 40 anni. Le attività vengono effettuate attraverso pattuglie di 2 – 3 persone.

Le buone pratiche dei Volontari

  1. I Volontari del Parco devono innanzitutto essere un esempio di comportamento per i visitatori, rispettando per primi tutti i regolamenti in vigore.
  2. Non è consentito portare a seguito parenti, amici, conoscenti e accompagnatori.
  3. Non è possibile portare cani o altri animali domestici.
  4. I programmi previsti dall’Ente Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise vanno seguiti, rispettando tempi e modalità prescritti.
  5. I Volontari devono assicurare la permanenza e il servizio al Parco per tutta la durata del periodo prescelto e indicato sulla scheda di partecipazione.
  6. Durante il servizio è vietato fumare e l’uso dei telefoni cellulari è limitato allo stretto indispensabile.
  7. L’Ente Parco affiderà ai Volontari, per il periodo della permanenza al Parco, materiale e attrezzature da utilizzare esclusivamente per le finalità del Volontariato e da riconsegnare in perfette condizioni nei tempi previsti.
  8. Qualora si verificassero danni alle strutture ospitanti e alle attrezzature messe a disposizione dall’Ente, i responsabili dovranno rimborsare il danno provocato.
  9. La pulizia e l’ordine, sia dei locali che delle aree frequentate dai Volontari, vanno rispettati.
  10. Lo stile di comportamento, sia nei confronti del personale dell’Ente Parco che dei visitatori, dovrà essere sempre molto chiaro e trasparente.
  11. La divisa e i contrassegni del Volontariato vanno indossati durante le attività.
  12. L’Ente Parco non assume alcuna responsabilità per gli incidenti e danni arrecati dai Volontari, che ne risponderanno in prima persona.
  13. I Volontari prescelti dovranno far pervenire, entro una settimana dalla comunicazione dell’accettazione al turno assegnato, copia della quota di partecipazione relativa all’accoglienza. Il mancato rispetto del termine indicato comporta l’esclusione della partecipazione al turno assegnato.
  14. La quota di partecipazione non verrà rimborsata qualora l’interessato rinunci a partecipare.
  15. Ciascun Volontario, all’arrivo al Parco, dovrà obbligatoriamente versare in cassa comune un minimo di 5,00 euro per ogni giorno di permanenza come fondo iniziale per l’acquisto degli alimenti e dei prodotti per la pulizia della struttura. Il Gruppo di Volontari nomina un responsabile cassiere al quale verrà affidato il fondo e la gestione delle spese. Il cassiere dovrà: redigere l’elenco di chi ha versato l’importo; condividere con gli altri volontari le regole da adottare per una buona gestione della cassa; conservare gli scontrini per giustificare a tutti le spese sostenute; rispettare le esigenze e i gusti alimentari di tutti; rimborsare al volontario che decidesse di anticipare la partenza, le quote giornaliere versate in anticipo e non usufruite.
  16. Va attuato qualsiasi metodo, programma, progetto, attività che preveda il risparmio delle risorse e un soggiorno ecocompatibile e sostenibile.
  17. La partenza dei partecipanti deve avvenire entro l’ora prestabilita dell’ultimo giorno del turno assegnato.
  18. In caso di comportamento scorretto e mancata osservanza dei punti sopraelencati, l’Ente Parco si riserva di sospendere dal servizio i Volontari interessati.

CON LA FIRMA DELLA SCHEDA DI PARTECIPAZIONE I VOLONTARI ACCETTANO QUANTO SOPRA ESPOSTO

       

SENIOR

Il Volontariato in ogni momento

La partecipazione è riservata a chi abbia superato i 40 anni.

Le buone pratiche dei Volontari

  1. I Volontari del Parco devono innanzitutto essere un esempio di comportamento per i visitatori, rispettando per primi tutti i regolamenti in vigore.
  2. Non è consentito portare a seguito parenti, amici, conoscenti e accompagnatori.
  3. Non è possibile portare cani o altri animali domestici.
  4. I programmi previsti dall’Ente Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise vanno seguiti, rispettando tempi e modalità prescritti.
  5. I Volontari devono assicurare la permanenza e il servizio al Parco per tutta la durata del periodo prescelto e indicato sulla scheda di partecipazione.
  6. Durante il servizio è vietato fumare e l’uso dei telefoni cellulari è limitato allo stretto indispensabile.
  7. L’Ente Parco affiderà ai Volontari, per il periodo della permanenza al Parco, materiale e attrezzature da utilizzare esclusivamente per le finalità del Volontariato e da riconsegnare in perfette condizioni nei tempi previsti.
  8. Qualora si verificassero danni alle strutture ospitanti e alle attrezzature messe a disposizione dall’Ente, i responsabili dovranno rimborsare il danno provocato.
  9. La pulizia e l’ordine, sia dei locali che delle aree frequentate dai Volontari, vanno rispettati.
  10. Lo stile di comportamento, sia nei confronti del personale dell’Ente Parco che dei visitatori, dovrà essere sempre molto chiaro e trasparente.
  11. La divisa e i contrassegni del Volontariato vanno indossati durante le attività.
  12. L’Ente Parco non assume alcuna responsabilità per gli incidenti e danni arrecati dai Volontari, che ne risponderanno in prima persona.
  13. I Volontari prescelti dovranno far pervenire, entro una settimana dalla comunicazione dell’accettazione al turno assegnato, copia della quota di partecipazione relativa all’accoglienza. Il mancato rispetto del termine indicato comporta l’esclusione della partecipazione al turno assegnato.
  14. La quota di partecipazione non verrà rimborsata qualora l’interessato rinunci a partecipare.
  15. Ciascun Volontario, all’arrivo al Parco, dovrà obbligatoriamente versare in cassa comune un minimo di 5,00 euro per ogni giorno di permanenza come fondo iniziale per l’acquisto degli alimenti e dei prodotti per la pulizia della struttura. Il Gruppo di Volontari nomina un responsabile cassiere al quale verrà affidato il fondo e la gestione delle spese. Il cassiere dovrà: redigere l’elenco di chi ha versato l’importo; condividere con gli altri volontari le regole da adottare per una buona gestione della cassa; conservare gli scontrini per giustificare a tutti le spese sostenute; rispettare le esigenze e i gusti alimentari di tutti; rimborsare al volontario che decidesse di anticipare la partenza,       le quote giornaliere versate in anticipo e non usufruite.
  1. Va attuato qualsiasi metodo, programma, progetto, attività che preveda il risparmio delle risorse e un soggiorno ecocompatibile e sostenibile.
  1. La partenza dei partecipanti deve avvenire entro l’ora prestabilita dell’ultimo giorno del turno assegnato.
  2. In caso di comportamento scorretto e mancata osservanza dei punti sopraelencati, l’Ente Parco si riserva di sospendere dal servizio i Volontari interessati.

CON LA FIRMA DELLA SCHEDA DI PARTECIPAZIONE I VOLONTARI ACCETTANO QUANTO SOPRA ESPOSTO

SPECIALISTA VOLONTARIO

Le tue abilità al servizio della Natura

La partecipazione a tale Programma è riservata a chi ha già partecipato ad uno dei Programmi Junior, Senior o International. Le attività di volontariato vengono effettuate singolarmente o in pattuglie di 2 – 3 persone. Il Volontario presta la propria attività per un periodo di 7 o 9 giorni insieme ad altre persone motivate ed interessate alla difesa della flora e della fauna. Tra le attività da svolgere: supporto agli operatori del Parco nella gestione dei diversi programmi di volontariato, contatti con il pubblico, assistenza a ricerche scientifiche, attività speciali con i visitatori; il tutto secondo le esigenze di servizio.

Il Programma si prefigge di costituire un albo di “Volontari Specialisti” che saranno inseriti in una rete di collaborazione italiana ed europea per realizzare progetti finalizzati alla protezione della natura. I Volontari potranno specializzarsi in interpretazione ed educazione ambientale, manutenzione dei sentieri, attività di accoglienza e informazione nei centri di visita, volontari-interpreti che informano i turisti nei punti maggiormente frequentati, monitoraggio ambientale, comunicazione ambientale, gestione dei conflitti, organizzazione di progetti ed eventi, promozione di comportamenti eco-sostenibili, tecnici e riparatori. L’albo verrà impiegato per organizzare nuclei specializzati di volontari che possano intraprendere progetti o azioni di intervento specifiche presso il Parco o in altre aree che necessitano di tutela, di sensibilizzazione ambientale o di coinvolgimento delle popolazioni locali. Il progetto prevede un percorso che si realizza nelle seguenti tappe:

– prima fase: partecipazione al Progetto “Volontari per la Natura” in uno dei Programmi Junior, Senior, International per un periodo di 7 o 9 giorni. Conoscenza generale del progetto di volontariato, del territorio, socializzazione e condivisione di valori, obiettivi e capacità dei volontari, predisposizione alla collaborazione;

– seconda fase: partecipazione la programma “Specialista Volontario”; partecipazione libera a corsi, seminari, attività, esperienze finalizzate alla specializzazione;

– terza fase: inserimento dei volontari nell’albo relativamente alla specialità acquisita e partecipazione ai progetti.

Le buone pratiche dei Volontari

  1. I turni di Volontariato possono ripetersi durante l’anno.
  2. I Volontari del Parco devono innanzitutto essere un esempio di comportamento per i visitatori, rispettando per primi tutti i regolamenti in vigore.
  3. Non è consentito portare a seguito parenti, amici, conoscenti e accompagnatori.
  4. Non è possibile portare cani o altri animali domestici.
  5. I programmi previsti dall’Ente Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise vanno seguiti, rispettando tempi e modalità prescritti.
  6. I Volontari devono assicurare la permanenza e il servizio al Parco per tutta la durata del periodo prescelto e indicato sulla scheda di partecipazione.
  7. Durante il servizio è vietato fumare e l’uso dei telefoni cellulari è limitato allo stretto indispensabile.
  8. L’Ente Parco affiderà ai Volontari, per il periodo della permanenza al Parco, materiale e attrezzature da utilizzare esclusivamente per le finalità del Volontariato e da riconsegnare in perfette condizioni nei tempi previsti.
  9. Qualora si verificassero danni alle strutture ospitanti e alle attrezzature messe a disposizione dall’Ente, i responsabili dovranno rimborsare il danno provocato.
  10. La pulizia e l’ordine, sia dei locali che delle aree frequentate dai Volontari, vanno rispettati.
  11. Lo stile di comportamento nei confronti del personale dell’Ente Parco, dei visitatori e degli altri Volontari dovrà essere sempre molto chiaro e trasparente.
  12. La divisa e i contrassegni del Volontariato vanno indossati durante le attività.
  13. L’Ente Parco non assume alcuna responsabilità per gli incidenti e danni arrecati dai Volontari, che ne risponderanno in prima persona.
  14. I Volontari prescelti dovranno far pervenire, entro una settimana dalla comunicazione dell’accettazione al turno assegnato, copia della quota di partecipazione relativa all’accoglienza. Il mancato rispetto del termine indicato comporta l’esclusione della partecipazione al turno assegnato.
  15. La quota di partecipazione non verrà rimborsata qualora l’interessato rinunci a partecipare.
  16. Ciascun Volontario, all’arrivo al Parco, dovrà obbligatoriamente versare in cassa comune un minimo di 5,00 euro per ogni giorno di permanenza come fondo iniziale per l’acquisto degli alimenti e dei prodotti per la pulizia della struttura. Il Gruppo di Volontari nomina un responsabile cassiere al quale verrà affidato il fondo e la gestione delle spese. Il cassiere dovrà: redigere l’elenco di chi ha versato l’importo; condividere con gli altri volontari le regole da adottare per una buona gestione della cassa; conservare gli scontrini per giustificare a tutti le spese sostenute; rispettare le esigenze e i gusti alimentari di tutti; rimborsare al volontario, che decidesse di anticipare la partenza,       le quote giornaliere versate in anticipo e non usufruite.
  1. Va attuato qualsiasi metodo, programma, progetto, attività che preveda il risparmio delle risorse e un soggiorno ecocompatibile e sostenibile.
  1. La partenza dei partecipanti deve avvenire entro l’ora prestabilita dell’ultimo giorno del turno assegnato.
  2. In caso di comportamento scorretto e mancata osservanza dei punti sopraelencati, l’Ente Parco si riserva di sospendere dal servizio i Volontari interessati.

CON LA FIRMA DELLA SCHEDA DI PARTECIPAZIONE I VOLONTARI ACCETTANO QUANTO SOPRA ESPOSTO

 

FAMILY

Un’esperienza unica

In occasione del decimo anniversario dell’Anno Internazionale della Famiglia (ONU), l’Ente Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise decise di promuovere, a partire dal 2004, una nuova iniziativa per offrire ai nuclei familiari appassionati di natura un’esperienza unica di vita e di lavoro a contatto con un ambiente naturale integro ed incontaminato. Si tratta di passare un periodo di 7 o 9 giorni in difesa della flora e della fauna, alloggiando presso una struttura recettiva e collaborando con operatori e tecnici nelle molte attività di prevenzione, controllo, informazione, educazione, assistenza, manutenzione.

Il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise è un prezioso esempio di biodiversità; i suoi boschi e le sue vette sono abitate dalla fauna selvatica più importante d’Italia: orsi, lupi, cervi, linci, camosci, aquile. Nel Parco sono concentrati tutti i caratteri naturalistici che contraddistinguono l’Appennino centrale: cime montuose e valloni aperti, pareti e gole impervie, anfiteatri rupestri di intenso fascino come quello della Camosciara, estesi ghiaioni, ruscelli e fiumi incontaminati saranno gli scenari di tutti i giorni.

Il programma di Volontariato Family è rivolto ai gruppi familiari i cui componenti siano in grado di trascorrere un periodo di vita in montagna, in perfetta autosufficienza e serenità. Il termine “familiari” ha un significato ampliato: non solo genitori e figli, ma anche zii e nipoti, nonni e nipoti, genitori con figli e nonni, mamma e figlio/a, padre e figlio/a, sorella o fratello maggiorenne e sorella o fratello minorenne, insomma adulti con bambini e ragazzi. La presenza dei giovanissimi e il legame di parentela caratterizza questa esperienza e le attività in programma sono destinate innanzitutto a rafforzare i legami tra i componenti del nucleo familiare, con lo scopo di avvicinare tutti al mondo della natura.

Le attività del Programma FAMILY

Le attività proposte sono organizzate per favorire la partecipazione di tutto il gruppo tenendo conto delle diverse età di adulti, bambini e ragazzi, si svolgono con la supervisione ed il coordinamento del personale del Parco e secondo le esigenze di servizio. I minorenni sono comunque sempre affidati alle cure ed alla responsabilità dei propri familiari per tutta la durata del periodo di volontariato.

Sono inoltre previsti momenti di tempo libero per chi desidera scoprire con la propria famiglia la realtà e la cultura del posto.

Le attività potranno essere le seguenti:

  • passeggiate in natura rivolte alla conoscenza dei diversi ambienti del Parco, dal fiume alla foresta;
  • controllo del territorio mediante semplici escursioni;
  • riconoscimento botanico;
  • osservazione dei mammiferi imparandone a riconoscere le tracce ed i segni di presenza;
  • contatti con il pubblico e attività speciali con i visitatori;
  • visite ai piccoli paesi di montagna, ai Centri di Visita ed alle Aree Faunistiche del Parco;
  • piccoli lavori di manutenzione e di giardinaggio;
  • raccolta dei rifiuti e pulizia dei sentieri più frequentati dai turisti;
  • tutti aiuteranno nella gestione della cucina (in comune con gli altri Volontari), lavando i piatti, sistemando i locali comuni, facendo la spesa nei negozi del posto;
  • partecipazione ai programmi di educazione ad uno stile di vita sostenibile attento all’uso delle risorse (raccolta differenziata, uso corretto dell’energia elettrica e dell’acqua, ecc);

Le strutture ospitanti offrono una sistemazione semplice e in camere multiple. L’uso cucina e i servizi sono in comune con gli altri Volontari. All’interno delle strutture saranno favoriti momenti di ritrovo e di riflessione e per riscoprire il piacere di stare tutti insieme.

Le buone pratiche dei Volontari

  1. La partecipazione ai campi è consentita ai minori a condizione che siano accompagnati da parenti maggiorenni che ne assumono la tutela per tutta la durata del soggiorno.
  2. La presenza di un bambino o di un ragazzo e i legami di parentela definiscono la partecipazione degli adulti a questo specifico programma di Volontariato.
  3. I Volontari del Parco devono innanzitutto essere un esempio di comportamento per i visitatori, rispettando per primi tutti i regolamenti in vigore.
  4. Non è consentito portare a seguito parenti, amici, conoscenti e accompagnatori.
  5. Non è possibile portare cani o altri animali domestici.
  6. I programmi previsti dall’Ente Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise vanno seguiti, rispettando tempi e modalità prescritti.
  7. I Volontari devono assicurare la permanenza e il servizio al Parco per tutta la durata del periodo prescelto e indicato sulla scheda di partecipazione.
  8. Durante il servizio è vietato fumare e l’uso dei telefoni cellulari è limitato allo stretto indispensabile.
  9. L’Ente Parco affiderà ai Volontari, per il periodo della permanenza al Parco, materiale e attrezzature da utilizzare esclusivamente per le finalità del Volontariato e da riconsegnare in perfette condizioni nei tempi previsti.
  10. Qualora si verificassero danni alle strutture ospitanti e alle attrezzature messe a disposizione dall’Ente, i responsabili dovranno rimborsare il danno provocato.
  11. La pulizia e l’ordine, sia dei locali che delle aree frequentate dai Volontari, vanno rispettati.
  12. Lo stile di comportamento nei confronti del personale dell’Ente Parco, dei visitatori e degli altri Volontari dovrà essere sempre molto chiaro e trasparente.
  13. La divisa e i contrassegni del Volontariato vanno indossati durante le attività.
  14. L’Ente Parco non assume alcuna responsabilità per gli incidenti e danni arrecati dai Volontari, che ne risponderanno in prima persona.
  15. I Volontari prescelti dovranno far pervenire, entro una settimana dalla comunicazione dell’accettazione al turno assegnato, copia della quota di partecipazione relativa all’accoglienza. Il mancato rispetto del termine indicato comporta l’esclusione della partecipazione al turno assegnato.
  16. La quota di partecipazione non verrà rimborsata qualora l’interessato rinunci a partecipare.
  17. Ciascun Volontario, all’arrivo al Parco, dovrà obbligatoriamente versare in cassa comune un minimo di 5,00 euro per ogni giorno di permanenza come fondo iniziale per l’acquisto degli alimenti e dei prodotti per la pulizia della struttura. Il Gruppo di Volontari nomina un responsabile cassiere al quale verrà affidato il fondo e la gestione delle spese. Il cassiere dovrà: redigere l’elenco di chi ha versato l’importo; condividere con gli altri volontari le regole da adottare per una buona gestione della cassa; conservare gli scontrini per giustificare a tutti le spese sostenute; rispettare le esigenze e i gusti alimentari di tutti; rimborsare al volontario, che decidesse di anticipare la partenza, le quote giornaliere versate in anticipo e non usufruite.
  1. Va attuato qualsiasi metodo, programma, progetto, attività che preveda il risparmio delle risorse e un soggiorno ecocompatibile e sostenibile.
  1. La partenza dei partecipanti deve avvenire entro l’ora prestabilita dell’ultimo giorno del turno assegnato.
  2. In caso di comportamento scorretto e mancata osservanza dei punti sopraelencati, l’Ente Parco si riserva di sospendere dal servizio i Volontari interessati.

CON LA FIRMA DELLA SCHEDA DI PARTECIPAZIONE I VOLONTARI ACCETTANO QUANTO SOPRA ESPOSTO

SCUOLA e Volontariato

C’è sempre da imparare

Questo Programma di Volontariato nasce grazie alle iniziative pilota di alcune Scuole e in particolare degli insegnanti che attraverso le attività di volontariato avvicinano i giovani studenti alla realtà culturale, ambientale quotidiana di un’area protetta. In cambio i ragazzi ne ricevono benefici soprattutto educativi, istruttivi, formativi riportandoli all’interno del loro ambito scolastico, familiare e sociale. La partecipazione al Programma può avvenire nei periodi indicati dalla Scheda di partecipazione. Obiettivi, proposte di attività, idee, periodi, vengono preventivamente concordati tra la Scuola e l’Ente Parco. L’Ente Parco organizza i turni e le strutture ospitanti metteranno a disposizione l’alloggio. Il Volontario presta la propria attività nel periodo stabilito. La struttura ospitante offre una sistemazione semplice, favorendo momenti di ritrovo e di riflessione per riscoprire il piacere di stare insieme. L’uso cucina è in condivisione con gli altri Volontari.

Le buone pratiche dei Volontari

  1. La partecipazione ai campi è consentita ai minori a condizione che siano accompagnati da maggiorenni quali: insegnanti, genitori, tutor che ne assumono la tutela per tutta la durata del soggiorno.
  2. I partecipanti devono essere muniti di un documento di riconoscimento valido.
  3. Per il minore sarà responsabilità del Tutore munirsi della relativa autorizzazione scritta del genitore.
  1. I Volontari del Parco devono innanzitutto essere un esempio di comportamento per i visitatori, rispettando per primi tutti i regolamenti in vigore.
  2. Non è consentito portare a seguito parenti, amici, conoscenti e accompagnatori.
  3. Non è possibile portare cani o altri animali domestici.
  4. I programmi previsti dall’Ente Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise vanno seguiti, rispettando tempi e modalità prescritti.
  5. I Volontari devono assicurare la permanenza e il servizio al Parco per tutta la durata del periodo prescelto e indicato sulla scheda di partecipazione.
  6. Durante il servizio è vietato fumare e l’uso dei telefoni cellulari è limitato allo stretto indispensabile.
  7. L’Ente Parco affiderà ai Volontari, per il periodo della permanenza al Parco, materiale e attrezzature da utilizzare esclusivamente per le finalità del Volontariato e da riconsegnare in perfette condizioni nei tempi previsti.
  8. Qualora si verificassero danni alle strutture ospitanti e alle attrezzature messe a disposizione dall’Ente, i responsabili dovranno rimborsare il danno provocato.
  9. La pulizia e l’ordine, sia dei locali che delle aree frequentate dai Volontari, vanno rispettati.
  10. Lo stile di comportamento, nei confronti del personale dell’Ente Parco, dei visitatori e degli altri Volontari dovrà essere sempre molto chiaro e trasparente.
  11. La divisa e i contrassegni del Volontariato vanno indossati durante le attività.
  12. L’Ente Parco non assume alcuna responsabilità per gli incidenti e danni arrecati dai Volontari, che ne risponderanno in prima persona.
  13. I Volontari prescelti dovranno far pervenire, entro una settimana dalla comunicazione dell’accettazione al turno assegnato, copia della quota di partecipazione relativa all’accoglienza. Il mancato rispetto del termine indicato comporta l’esclusione della partecipazione al turno assegnato.
  14. La quota di partecipazione non verrà rimborsata qualora l’interessato rinunci a partecipare.
  15. Ciascun Volontario, all’arrivo al Parco, dovrà obbligatoriamente versare in cassa comune un minimo di 5,00 euro per ogni giorno di permanenza come fondo iniziale per l’acquisto degli alimenti e dei prodotti per la pulizia della struttura. Il Gruppo di Volontari nomina un responsabile cassiere al quale verrà affidato il fondo e la gestione delle spese. Il cassiere dovrà: redigere l’elenco di chi ha versato l’importo; condividere con gli altri volontari le regole da adottare per una buona gestione della cassa; conservare gli scontrini per giustificare a tutti le spese sostenute; rispettare le esigenze e i gusti alimentari di tutti; rimborsare al volontario, che decidesse di anticipare la partenza, le quote giornaliere versate in anticipo e non usufruite.
  1. Va attuato qualsiasi metodo, programma, progetto, attività che preveda il risparmio delle risorse e un soggiorno ecocompatibile e sostenibile.
  1. La partenza dei partecipanti deve avvenire entro l’ora prestabilita dell’ultimo giorno del turno assegnato.
  2. In caso di comportamento scorretto e mancata osservanza dei punti sopraelencati, l’Ente Parco si riserva di sospendere dal servizio i Volontari interessati.

CON LA FIRMA DELLA SCHEDA DI PARTECIPAZIONE I VOLONTARI ACCETTANO QUANTO SOPRA ESPOSTO

CAMPI NATURA

Il Servizio Educazione e Didattica dell’Ente Parco, nell’ambito di una strategia che promuove attività di educazione ed interpretazione ambientale, favorisce il soggiorno di Associazioni attraverso speciali programmi educativi. I Campi Natura, che si possono svolgere durante tutti i periodi dell’anno, hanno lo scopo di avvicinare i partecipanti alla conservazione della natura attraverso l’impegno quotidiano e l’acquisizione di abitudini e comportamenti ecocompatibili.

Gli Operatori del Parco, in collaborazione con i responsabili del Gruppo, elaborano un programma di attività che mirano:

  1. alla conoscenza e all’informazione attraverso dimostrazioni teoriche-pratiche, escursioni guidate di diversa durata e difficoltà, proiezioni, visite alle strutture informative ed educative come centri di visita, aree faunistiche, in cui vengono esposte le problematiche della conservazione della natura ed i principali aspetti ambientali ed organizzativi del Parco;
  2. all’azione vera e propria sul territorio attraverso il controllo, l’informazione al pubblico, la manutenzione dei sentieri, l’osservazione naturalistica, la pulizia.

SCHEDA DI PARTECIPAZIONE

Schermata 2016-01-27 alle 19.13.05

Schermata 2016-01-27 alle 19.13.10

[divider] Editing: Enzo C. Delli Quadri [divider]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.