Home / Cultura / Cultura Popolare / Vind’ènnə – Vent’anni

Vind’ènnə – Vent’anni

Poesia di Domenico Meo[1] tratta dal libro “Poeti Dialettali di Agnone” curato da Domenico Meo

  Vind’ènnə

Ru tiémbə pàssa ə camójna:
ajjə arrəvjéatə alla vəndójna.
Álla schéula, a fatəjéa, a dəvərtirmə:
finə e méuuə n’ajjə scteàtə mé firmə
Də tuttə n’ajjə e n’émə cumbənjéatə
e cértə vòldə nn’émə manghə artərjéatə.
N’ammətamiéndə o na cənétta:
òjva ógni sàjra na scənétta.
Chiécchjarə, fèttə e battìutə
e tuttə lə bbòjnə chə c’émə vulìutə.
Ògni  càusa sə supəreàta,
ma a vind’énnə avéssa scteà la fərmeàta.
Sèmbrə a chisctə s’avéssa armanójjə
pə tənajjə póca pənziérə e pə fà tuttə lə fatójjə.
Sci ggióvənə, tə siéndə fòrtə, allègrə e cundiéndə
e pó surrìdərə ca ndə mànganə rə diéndə.
A tənajjə sèmbrə vind’ènnə fóssə tròppə bbiéllə:
ma chə ru tiémbə cə s’àra pəleà la còccia gné rə ciéllə.

venti-anni3-300x198

Vent’ anni 

Il tempo passa e cammina
sono arrivato alla ventina.
A scuola, a lavorare, a divertirmi
sino ad ora non sono stato mai fermo.
Di tutto ne ho e ne abbiamo combinato
E certe volte non siamo neanche tornati a casa.
Un invito o una cenetta:
era ogni sera una scenetta.
Chiacchiere, fatti e battute
e tutto il bene che ci siamo voluti.
Ogni cosa si è superata
ma a venti anni ci dovrebbe essere la fermata.
Sempre a questi si dovrebbe restare
Per avere pochi pensieri e per fare tutti i lavori.
Sei giovane, ti senti forte, allegro e contento
E puoi sorridere che non ti mancano i denti.
Ad avere sempre venti anni sarebbe troppo bello:
ma con il tempo ci si deve pelare la testa come gli uccelli.

_______________________________________
COPERTINA POETI DIALETTALI 3[1] [1] Domenico Meo. Nasce a Castelguidone (CH) il 27 settembre 1961 e abita ad Agnone dall’età di due anni. Consegue il diploma di perito tecnico industriale nel 1980 e dall’anno successivo lavora in ospedale. Con trasporto e passione, da oltre trent’anni, si interessa di dialetto e tradizioni popolari. Negli anni Ottanta, con Antonino Patriarca, conduce su Radio Agnone Uno il programma di folklore Ru canzuniérə d’Agnéunə. Si cimenta con il teatro in vernacolo proposto dalla compagnia teatrale le 4C. Nel 1987, con amici, fonda il Gruppo Folklorico “Rintocco Molisano”. L’8 dicembre 1996, in collaborazione con la conduttrice di Radio Vaticana Franca Salerno, commenta la Ndocciata in Piazza San Pietro. È ospite di varie trasmissioni televisive locali e nazionali. Ottiene riconoscimenti e premi di poesia dialettale in Abruzzo, Calabria, Molise, Sicilia e Toscana e alcuni suoi versi fanno parte della Letteratura Dialettale Molisana (vol. II, 1995) e delle antologie poetiche Dialetti d’Italia (voll. II e III). Il dialetto agnonese compare nei libri di poesie Pe tutte ci steà. . . améure, 1984 e Sendemiénde de chéure, 1986, nonché nel suoVocabolario del dialetto di Agnone, 2003. Altri lavori che disaminano usanze e culti ancestrali del mondo popolare sono: Le ndòcce di Agnone. I fuochi della Vigilia di Natale, 1996; Le feste di Agnone, 2001; Riti e feste del fuoco. Falò e torce cerimoniali in Molise, 2008 e poi la cura del volume Tradizioni popolari di Agnone, Lucia Amicarelli e Folklore di Agnone, Michele Di Ciero, 2013.

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.