Home / Cultura / Cultura Popolare / In verità……fu il vino

In verità……fu il vino

Poesia di Tiberio La Rocca[1]

Un bicchiere di Montepulciano d'Abruzzo

Con questa Poesia il nostro Tiberio di Poggio Sannita ha vinto il terzo premio nella seconda edizione del Premio di Poesia Città di Tollo “Il sapore goliardico del vino”, Sezione lingua italiana.

In verità……fu il vino 

Signore, chiese Adamo al Creatore,
ma in Paradiso, voi…..cosa bevete?
Io vedo che qui c’è solo un ruscello,
ma, d’altre bevande qui, non disponete?

Perché, disse il Signore assai adirato,
che c’è che non va bene, è acqua pura
qui sopra al Paradiso è tutto a posto,
qui non c’è inquinamento alla natura.

Lo so, rispose Adamo, questo è certo,
però qualcosa c’è di inconfessato
altri mi ha detto “no, non bere acqua,
qui in Paradiso….c’è un nettare pregiato”.

Tu non berrai quel nettare, giammai,
tuonò il Signore con la voce dura
se lo farai, assieme alla tua donna,
sarai scacciato da questa natura.

La storia si concluse, lo sappiamo,
con l’uomo che cedé alla tentazione
e che non si limitò solo all’assaggio,
ma bevve veramente a profusione.

Da questo poi è derivato il tutto,
tutto è dipeso da un’ubriacatura
non fu la mela che generò il peccato,
ma il “dolce nettare” che vien dalla natura….

________________________
[1] Tiberio La Rocca, Molisano di Poggio Sannita (IS), coltiva da sempre la passione per la poesia e in particolare per il dialetto di origine; ha pubblicato molte raccolte di poesie, con le quali ha ottenuto riconoscimenti e premi.

Copyright Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

 

About Tiberio La Rocca

Tiberio La Rocca, Molisano di Poggio Sannita (IS), coltiva da sempre la passione per la poesia e in particolare per il dialetto di origine; ha pubblicato molte raccolte di poesie, con le quali ha ottenuto riconoscimenti e premi.

2 commenti

  1. Bella ma proprio bella: viva, frizzante come il vino del paradiso

  2. Fu EVA a tentare ADAMO, VERO, ma lei era nata dalla costola di lui! Stessa genia!
    Bella poesia, fresca e frizzante, mi ha richiamato alla mente i bei versi di Carducci da LA CHIESA DI POLENTA:
    …”Come ne la spumeggiante
    vendemmia il tino

    ferve, e de’ colli italici la bianca
    uva e la nera calpestata e franta
    sé disfacendo il forte e redolente
    vino matura…”
    Complimenti e CIN CIN…

Rispondi a MARISA GALLO Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.