Home / Cultura / Vejle – Vòile – Velo

Vejle – Vòile – Velo

Poesia di Antonia Anna Pinna

in dialetto di Villalago

Vejle

Ne vejle de fièrre me tè n’gatenata
la fegura meja
m’balsamata da secule de prevazioune

L’uocchie meje so ma du fessoure de  na maschera
pe vedeje quile puche che m’è permisse

La vocca meje è ma na sfèssa
pe ne fiate mupe

L’ogna meje nen nzò capace
de fa male

La pedata meje tè ne pejese
de na vejta ch’n’ne la meja.

_______________________

in dialetto di Agnone a cura di E. C. Delli Quadri
a dimostrazione di una base dialettale che unisce tutto l’Altosannio

Vòile

Nu vòile de fiérre me tè ingatenéata
la feghìura maja
‘mbalsamata de secule de privaziéune

R’uocchie moja so che du fessìue de na maschera
Pe vedàje appena appena chelle che m’è permisse 

La vocca maja è gne na sféssa
Pe’ nu sciéate  mìupe

L’ogna maja nen nzò capéace 
De fa méale

La pedéata maja tè ru póise
De na vóita che nen é la maja

________________________

In lingua

Velo 

Un velo di ferro, tiene prigioniera
la mia figura
imbalsamata da secoli di negazioni.

I miei occhi sono fessure di maschera
per guardare il poco consentito.

La mia bocca un taglio 
per un respiro muto.

Le mie unghie incapaci
di graffiare.

Il mio passo ha il peso
di una vita non mia.

____________________________
Copyright: Altosannio Magazine
EditingEnzo C. Delli Quadri

About Antonia Anna Pinna

Antonia Anna Pinna, Abruzzese di Villalago (AQ), lavora in Banca d’Italia. Ama la scrittura e, in particolare, la poesia che nasce dal suo profondo amore per ogni forma di vita, dal suo essere donna, madre e moglie.

Un commento

  1. Un velo pietoso copre in genere le brutture…Ma in questa delicata poesia il”pietoso” VELO racconta la sofferenza, il dolore, la premura di una madre amorevole!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.