Va

Canzone con versi, musica e voce di Gustavo Tempesta Petresine [1]

sogni-di-dio-post

Va

Va, re tiémb’ passa e n’arretorna arret’
e mangh’ fa fermat’ gné ‘ne tren’
ca z’arreposa a ogni sctazion.
Va, re tiemb’ passa e te’ n’addor’ de felrìt’,
porta rimpiànd’ de chill’ ca ‘n sié fatt,
de l’occasiùne ca sié perdùt’.
Piénz’ e arrepiénz’
e a puoin’ sctritt’ vuò trattené la rena
ma sié arremàsct’ che le miène vuojit’
e na canzona ca t’arrecuord’ appena

Amor’, amor’, amor’,
ma quanda tiemb’ c’haje durmìt’
sarà ca ‘ss’uocchije tunn’ e nire
de nott’ me l’hje sunnàt’;
Sarà ca quanda fa matìna
jenn’ sendènn’ ‘ne rumor’,
la coccia m’arreporta arret’.
amor’, amor’, amor’ amor’!

Davéndr’ a ‘ne tratùr’,
tu ce sié miése tutt le cos’
‘nziémbr’ a ‘ne foglie scritt’ a matita
déndr’ a ‘na buscta chelor de rosa.
E ‘ne becchiér’ miése crepat’
addùnna nen ce può chiù vev’;
e ‘na pallétta de vitrije chiéra,
quanda la scuotr’ casca la neve.
Piéz’ e arrepiénz’
e a puoin’ sctritt vuò trattené la rena
ma sié arremàsct’ che le miène vuojit’
e ‘na canzona ca t’arrecuord’ appéna.

Amor’, amor’ amor’,
ma quanda tiemb’ c’haje durmìt’
sarà ca ‘ss’uocchije tunn’ e nire
de nott’ me l’hje sunnàt’;
Fors’ ca tutt’ le cos’ bell’
te l’arrecuord’ gna fuss’ mò:
le tié arrencghiùs’ déndr’ a re tratùr’
all’annascùs’ déndr’ arre cumò…

A seguire c’è la traduzione

 

Va

Va, il tempo passa e non torna indietro;
non fa nemmeno fermate come il treno
che si riposa in ogni stazione.
Va, il tempo passa con un odore di stantìo;
porta il rimpianto di quello che non hai vissuto,
delle occasioni che hai perso.
Pensi, e pensando,
a pugni stretti vuoi trattenere la sabbia,
ma sei rimasto con le mani vuote
e una canzone che ti ricordi appena.

Amore, amore, amore
ma quando tempo ho dormito?
Forse i tuoi occhi tondi e neri
di notte, li ho sognati?
Sarà che quando fa mattina,
ascoltando un rumore, la testa mi riporta indietro,
Amore, amore amore.

Dentro un cassetto:
hai messo tutte le cose,
insieme ad un foglio scritto a matita
in una busta di colore rosa.
Un bicchiere scheggiato
dove non ci puoi più bere
e una sfera di vetro chiaro…
quando la scuoti cade la neve.
Pensi, e pensando,
a pugni stretti vuoi trattenere la sabbia,
ma sei rimasto con le mani vuote
e una canzone che ti ricordi appena.

Amore, amore, amore
ma quando tempo ho dormito?
Forse i tuoi occhi tondi e neri
di notte, li ho sognati?
Sarà che tutte le cose belle:
tu le ricordi come fosse adesso;
le hai conservate dietro un cassetto
di nascosto, dentro un comò.


[1] Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti.

Copyright  Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Un commento

  1. Come può un poeta pensare quante e quali sensazioni suscita in chi legge o ascolta la sua anima? La parola finale di questa poesia,- “COMO’ , elemento essenziale del corredo di una donna e quindi madre, dei nostri paesi d’una volta, in me ha risvegliato la coscienza non di un amore carnale:uomo –donna, ma l’ affetto tenero: filiale –materno… Le mani che più non sono toniche, per cui fra le dita scivola via la sabbia, sono forse quelle un po’ rigide d’una madre anziana, che certo non torna indietro nel tempo….COME NIENTE DEL RESTO TORNA INESORABILMENTE INDIETRO.
    Ecco non aggiungo altro per dire che questo canto, e non ultima la sua musica lenta e flebile, mi ha fatto pensare alla MADRE di UNGARETTI
    “E il cuore quando d’un ultimo battito
    avrà fatto cadere il muro d’ombra
    per condurmi, Madre, sino al Signore,
    come una volta mi darai la mano.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.