Home / Cultura / Una foto, un ricordo, un detto.

Una foto, un ricordo, un detto.

di Leonardo Tilli

Foto di Antonino Orlando, pubblicata in Roccaspinalveti: “Vita sociale e politica anni ’70.”

Nelle foto vedo tanta gioventù, tanto entusiasmo, tanti giovani volti, tutti attenti, che “vivevano” gli eventi presenti, e che già erano proiettati negli avvenimenti successivi e in un “futuro di cambiamento”, in cui tutto poteva rinnovarsi … Il pensiero, le esperienze del passato possono aiutare a pensare “il futuro” … Tutto il resto, secondo me, è come nella vita dell’uomo, è come l’acqua che passa sotto i ponti

  • qualche volta è chiara, 
  • qualche volta è impetuosa,
  • qualche volta è tanta,
  • qualche volta è “stanca”, (poca),
  • qualche volta è torbida, 
  • qualche volta “zampilla”,
  • qualche volta è piena tumultuosa che tutto travolge e sommerge … 

La “storia” insegna: “tutto passa”, “tutto diviene”, “tutto scorre” (Pánta rheî o Panta rei, celebre aforisma attribuito a Eraclito)

Gli antichi, facevano notare come guardando l’acqua del fiume, in un certo punto, si osserva che scorre, che continua a scorrere, ma che mai la nuova acqua che arriva e scorre, nello stesso punto, potrà essere l’acqua passata prima! … Quella che noi possiamo chiamare: “acqua vecchia”. Sembra una cosa scontata, che tutti sappiamo, che tutti conosciamo.

Lo stesso paragone, rapportato alla vita dell’uomo, ci porta a pensare. …La vita dell’uomo è costellata da tanti fatti, da tanti avvenimenti, da tante circostanze, da tante relazioni in famiglia e fuori, sociali, culturali, di lavoro ed altro. … Ma, secondo l’esempio “antico” dell’acqua, anche nella vita dell’uomo, mai potranno verificarsi “due cose” uguali, identiche, perchè noi cambiamo, le persone con cui abbiamo relazioni cambiano, pur rimanendo negli stessi posti, qualche cosa cambia, nella stessa comunità di persone, ci possono essere anche nuove persone, nuovi interessi, nuove esigenze ecc. …Se si ritengono valide queste argomentazioni, queste osservazioni e questi principi, dal punto di vista del pensiero, possono essere trasferiti in tutti gli ambiti umani ed umanizzati. … 

Da noi, nei nostri territori, tutta questa mia dissertazione  dette da me, viene sintetizzata, dalla saggezza popolare, in un detto: “La Pinca che non si fa a Pasqua, … non si fa più” … Nel senso che si potrà fare un altro dolce, un altro “affare”, un’ altra cosa, ma mai più quel dolce, quell’affare, quella cosa! 

About Leonardo Tilli

Abruzzese di Fraine (CH), universitario a Urbino, conseguita la Laurea, è costretto a emigrare a Bergamo, in Lombardia, dove dapprima esercita il ruolo di Professore e, poi, di Preside, fino al collocamento a riposo. Ora si diletta a riscoprire antiche mai sopite emozioni legate alla sua amata terra nativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.