Home / Cronaca / Attualità / Economia e Politica / Politica / Nazionale / Ulisse Di Giacomo, Michele Petraroia e gli altri

Ulisse Di Giacomo, Michele Petraroia e gli altri

di Enzo C. Delli Quadri

 

Si sciolgono gli iceberg, di fronte a una situazione che solo ciechi, sordi e opportunisti non vogliono riconoscere.

 

Michele Petraroia e Ulisse Di Giacomo

 IL MOLISE SCELGA LA MACRO – REGIONE ADRIATICA, CON CORAGGIO E SENZA ESITAZIONI !

 Il coordinatore regionale del PDL, Ulisse Di Giacomo ha rilanciato con nettezza la proposta della Macro-Regione Adriatica prevedendo forme di cooperazione istituzionale rafforzata tra Molise, Abruzzo e Marche. Nei giorni scorsi, l’ex-Presidente della Regione, e già sindaco di Isernia negli anni della costituzione della seconda provincia molisana, Enrico Santoro, innalzando il livello del confronto politico locale, ha sostenuto, la necessità di immaginare un riordino amministrativo in linea coi tempi e con il periodo di crisi che assilla l’Europa e l’Italia.

Ulisse Di Giacomo

Questi appelli sono stati preceduti dagli studi della Fondazione Agnelli che già nel 1990 ipotizzò la Marca Adriatica, del CENSIS, del CNEL, dell’Istituto G. Tagliacarne, dalle Camere di Commercio, dalla Confindustria e da diversi amministratori regionali e locali che ne hanno avviato l’istruttoria col contributo scientifico di Università e associazioni di scopo come ALMOSAVA, MAIELLA MADRE e altri. Un recente confronto sul tema si è svolto a Pescara il 25 luglio scorso ed ha visto intervenire sia il Presidente delle Marche, Spacca, che il Presidente del Molise, Iorio. Come a dire che, da tempo, è aperto un confronto culturale, a più livelli, sul riordino amministrativo del sistema regionale e delle autonomie locali.

Sulla fusione del Molise con Marche e Abruzzo ai sensi dell’art. 132 della Costituzione, è stata discussa una Mozione a mia firma nella seduta consiliare del 1 febbraio 2012, dove venni invitato a stralciare quel punto per far adottare a maggioranza la Delibera n. 13/2012 sul recepimento della legge 148/2011 ( riduzione a 20 dei consiglieri regionali, superamento delle comunità montane, avvio delle Unione dei Comuni quali enti intermedi territoriali ).

Michele Petraroia

Dopo l’approvazione della legge sulla soppressione delle province ( art. 17 DL 95/2012 AS 3396 ) ho protocollato l’allegata Mozione sul riordino del sistema delle autonomie locali in Molise, ipotizzando in un’unica provincia, 6 Unioni dei Comuni sul territorio di Isernia e 11 Unioni dei Comuni su quello di Campobasso, con deleghe di funzioni, di risorse e di personale. Auspico una rapida seduta d’Aula in materia stante la scadenza al 2 ottobre del termine per il riordino delle province fissato dalla legge. Adottando tale scelta amministrativa con una sola provincia e 17 Unioni dei Comuni, si eviterebbe di perdere tempo e soldi su contenziosi di dubbia utilità, e si condividerebbe la costituzione della Macro – Regione Adriatica con Abruzzo e Marche, per accedere con tempestività ai finanziamenti specifici previsti dall’Unione Europea nel nuovo Quadro Comunitario  2014 – 2020, fermo restando il successivo obiettivo di una fusione tra le tre regioni ai sensi dell’art. 132 della Costituzione.

Campobasso, 17 agosto 2012

                                   Michele Petraroia

————————————————-

Le posizioni di Ulisse di Giacomo (PDL) e di Michele Petraroia (PD),  mi trovano, non d’accordo, ma d’accordissimo. Finalmente si rompe un tabù tra i due schieramenti politici maggiormente rappresentativi.
Un avvertimento. Le unioni auspicate dei comuni non siano  tracciate su carta in modo disomogeneo, ma tengano conto della cultura della lingua e della storia dei vari territori.
In particolare si tenga conto della specificità del territorio dell’ALMOSAVA.
Gli amministratori di questo territorio riprendano a cucire la tela che ALMOSAVA ha messo a loro disposizione, senza tentennamenti, per evitare di trovarsi in coda rispetto a decisioni prese da altri.

Agnone 18 Agosto 2012

                              Enzo C. Delli Quadri

Enzo Carmine Delli Quadri


About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.