Home / Cultura / Cultura Popolare / A Treviènde

A Treviènde

di Angelo Iavicoli[1]

 A Treviènde

L’amòre mi’ pe ste paése biélle
è tante gruosse, dolce e calle assiè
ch’ fa trémà le còre e nen ze po’ sazije’.
Quande pe co’metive stièngh’ lendane
‘na voce dendra all’anema me dice:
– tu ch’ ce fijè èss’, arvà ‘na casa!
A di’ la veretà, so’ acch’scì attaccate
a le casette de le burghe andiche
ch’ mijè l’èijè tradite.
Le sòle ch’ z’arrizza la matina
da monte Rusce vièrse Cèrcachièna
sempre me vede affacciate a la fenèstra,
me dà n’ vuasce e puo va a la fatija
Treviènde è n’ paèse tante fine
ch’ quande l’ Segnore ijè decètte’
-sciegliète l’ poste a ddo’ vuo’ nasce-.
L’ Colle iss’ scegliètte, pecchè da chell’altura
peteva abbadà a l’ chendrade sèije
ch’ come figlie jè stanne sempre attuorne.
N’èra chendiénd’ de coma l’ Segnore l’avè fatte!
Isse velètt’ ca mièse a ‘na vallata
n’ fiume da spècchje ijè facésse.
Fu acchendendat’. E Trigne l’ chiamatte.
Puo…pe fenì l’opera d’arte
pregatt’ Dijè de faijè ne vestite,
none de seta, ma de natura viva:
de vuosch’ l’arrevesctètte e de vallune
e pe tenè l’aria e le cièle  pelite e frische
l’ viènte ja rialatte.
Vedètte ca tutte era buone,chill’ c’avè fatte.
Z’arrepesatte e puo decètte :-
Le rièst’ falle tu… ca tu siè brave !
S’è fatt’ tante bièlle st’ paèse
che tanda gende mo’ le vo’ vedè.
Pièce Culle castille che guarda la vallata
 n’cerca de nu nemiche che n’ce sta cchiu’.
Ze sente triste e inutele, ma ze vo fa vede’
p’arrachenta’la storia a chi la vo sape’.
Spicca r.’campanare, quase tocca r’ciele
 n’ch la sposa seja’che e’la cattedrale
 e nche’la cripta che iarranconta storie
de Roma antica e de Diana,
Se vije’sopra r’ Chijene, ne stije sopra la terra,
stije’  ‘mparadise: Vide mentagne e mare
l’Abruzze e ru Mulise
La notte nen ze capisce
ddo’ finisce r ‘ciele nch le stelle
e ddo’sta la terra e r’paijse
che come a nu presepe ridene tra loro
A chi le viseta. le semenièrie
fa parla le mure che sanne arracchenta’
quante zemarre ha viste e quante studie
nchille stanzune’dove Dije parlava.
Treviende ‘n’e’sule panorama e tanta storia
n’e’sule arte e centre de diocesi
te’.’na scalinata bella e larga
che cchiu’ tu sijeglie e cchiu’te va de ije
pecche’ te fa scopri’paliezze e chiese
ch e in altre vie tu nen puo vede’.
De chesta scalenieta fatta de preta ghienga
piace le fenestrune
 e altre cose ancora ch’ nen tè’ nesciune:
Intante la fentana caccia acca,
da le cannelle, acca trasparente.
La gente ascolta e canta la canzone,
passeija e repasseij sotte l’ellbere.
La luna chiena llumena la chijezza
fa n’ombra longa. E’ le’monumente:
vite spezzate pe la liberta’;

A Trivento

L’amore mio per questo bel paese
e’tanto grande, dolce ed ardente
da far tremare il cuore e renderlo insaziabile.
Quando, per qualche motivo, sto lontano
una voce dentro l’anima mi dice:
“Tu , cosa ci fai la’? Torna a casa!”
A dire il vero, sono cosi legato
alle casette del borgo antico
che mai le ho tradito.
Il sole che sorge la mattina
da monte Rosso, presso Querciapiana,
sempre mi vede affacciato alla finestra,
mi da’un bacio e poi va al lavoro.
Trivento e’un paese tanto intelligente
che quando il Signore gli disse:”
scegliti il sito dove vuoi nascere”,
il Colle scelse, perche’da lassu’
poteva proteggere le sue contrade
che, come figlie gli sono sempre intorno.
Non era soddisfatto di come il Signore l’aveva creato!
In piu’lui volle che in mezzo ad una vallata,
un fiume da  specchio gli facesse,
Fu accontentato  e Trigno lo chiamo’.
Poi per finire l’opera d’arte
prego’Dio di fargli un vestito
non di seta ma di natura viva,
Lo rivesti’di boschi e di torrenti
e per avere l’aria sempre fresca e pulita
gli regalo’il vento..
Vide che tutto era perfetto cio’che aveva fatto.
Si riposo’e poi disse:
Il resto fallo tu, perche’sei bravo!.
E’diventato cosi’bello questo paese
che tanta gente adesso lo vuol visitare.
Piace il castello che guarda la vallata
in cerca di un nemico che non c’e’piu’.
Si sente triste e inutile, ma si vuol far vedere
per raccontare la storia a chi la vuol conoscere.
Spicca il campanile, quasi tocca il cielo
sta con la sua sposa , la cattedrale
e con la cripta che gli racconta di Roma antica
e di Diana.
Se vai sul Piano non stai sopra la terra
ma in paradiso,vedi montagne e mare,
l’Abruzzo e il Molise.
La notte non si capisce dove finisce il cielo
con le stelle e dove sta la terra e i paesi,
che come in un presepe ridono tra di loro.
A chi lo visita,il seminario da voce ai muri
che sanno raccontare quante sottane nere(preti)
e  quanto studio in quelle stanze dove Dio parlava!
Trivento non e’solo storia e panorama,
non e’solo arte e centro di diocesi
ha una scalinata bella e larga
che piu’sali e piu’ti viene  voglia di andare su.
perche’ti fa scoprire palazzi e chiese
che in altre parti tu non puoi vedere.
Di questa scalinata di pietra bianca
piace il quartiere dei “Finestroni”
ed altre cose che nessuno possiede.
Intanto la fontana caccia acqua, dalle cannelle
acqua trasparente.
La gente ascolta e canta la canzone
Passeggia e ripasseggia sotto gli alberi
La luna piena illumina la piazza.
Fa un’ ombra lunga. E’il monumento:
vite spezzate per la liberta’!


[1] Angelo Iavicoli, abruzzese di Castiglione Messer Marino, sin da ragazzo mostra una particolare inclinazione verso le discipline umanistiche, in generale, e la poesia, in particolare. Vive tra Trivento (CB) e l’estero; appena può, va a ritemprare mente e cuore nel suo Abruzzo.

 

About Angelo Iavicoli

Angiolino Iavicoli, abruzzese di Castiglione Messer Marino, sin da ragazzo mostra una particolare inclinazione verso le discipline umanistiche, in generale, e la poesia, in particolare. Vive tra Trivento (CB) e l’estero; appena può, va a ritemprare mente e cuore nel suo Abruzzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.