Home / Cultura / Cultura Popolare / Trascurse ovvero Discussione ( Ma chi ti paga!!! )

Trascurse ovvero Discussione ( Ma chi ti paga!!! )

Racconto di Gustavo Tempesta Petresine

Trascurse DiscussioneZi ‘Ndogne eva une ca aveva sctate tand’iènne déndre na ‘na città. N’aveva viscte de cose!

Aveva viscte tanda genda ca ze credeva de cagniè re munne, e arremanètte dapuò: che ‘na mièna anniènde e una arréte. Chella genda ne la pajava nesciune e z’acchiappava pure le mazzate quanda jéva a prutesctà ‘mmiézze a ‘na chièzza.

Arraccundànne chille cose arre paisiène: chille ze la redévene de core, decènne: chi ie le faceva fa, pure senza esse pajate. Ie viscte miè ca cocchedùne ‘nziembre, ca c’aveva farre re puatte ne ie allenguàva la diecemila lira! 

Zi ‘Ndogne vuleva fa ‘n’ualdre raggiunamende e vulènne parlà gna era use arre paese sié, spusctètte re trascùrse arre Mulise. Le facètte ascì bielle, dolge dolge, annienze a ‘ne quarteciélle. Vive tu e vive ie, senza ca l’ualdre se sendésse da fotte, sciugliètte la lenga e cumenzètte a chiacchiariè de bbona lena.

Ie m’arrecorde ca arre ’64 – decéva- quanda Sammartine e ciérte ièldre decèttere ca re Mulise z’aveva separà darre Abbruzze… Mo dimme tu:

“se ‘na cosa arremana unita è gné la coccia de ‘ne crisctejène, ca quanda ‘na cossa o ‘ne vruacce sende ‘ne delore, o quanda ‘na mièna s’acciacca ‘ne dite: manna tutte r’aiute a rreparà le male e ascì re arrechemborta e r’arresàna.”

Quanda, invece ‘na coccia ze spacca, se fiène du’ pacche: una dice ca è mèglie dell’aldra, ajetta la sendiénza e ‘penza che miézze cerviélle, uarda che n’uocchie suole, parla che la lenga chiorta e manghe ce sènde chiù. Z’arrenghiude déndre a ‘ne cuorpe mutilate, d’addù da tiembe e angora auoje: ‘na cossa, ‘ne vruacce e ‘na miéna se ne scappene addù sctà terra bbona. Ascì arremana suòle miézze pelandrone, miézze ruffejene, miézze de gni cosa.”

“Addù sctà la devesione z’arrecchisce e ze ‘ngrassa re marpeione”

Ogni tande ze ne scéva che qualche decetura, ze l’ammendava pure isse suòle, pe fa ‘scì ‘na resata da ‘ne trascurse ca era tutt’aldre ca ‘na barzelletta.

Re paisiéne re uardavene che l’uocchie pigliangule, gna pe dice: “ d’addunna ve quisse! Lassere ie ca quisse z’è fatte frasctiére! N’azzecca manghe chiù a parlà re dialètte! Va truvénne d’ammenà ‘na préta pe coglie re cunziénze alla parte sea! Chisà chi re paja!

Zi ‘Ndogne z’alzètte dalla seggia, acchiappètte re becchiére e tracannènne l’uldema occia de vine ze ne jette. ‘Na ‘ngusctia r’acchiappètte, ca mendre camenièva pe la via penzava a: chill’uocchie ca ne videne,  chille recchie ca ne vuone sendì,  chille lenghe ca parlene chiorte. Ammenètte ‘na zambàta a ‘na préta pe la raja, arrefunnènnece pure la scarpa.

.

La discussione (Traduzione)

Zi ‘ndogne era un uomo che essendo vissuto in città aveva incontrato tante storie. Aveva incontrato tante persone che credevano di cambiare il mondo, rimanendo, poi, deluse. Quelle persone non le pagava nessuno e si prendevano anche le botte quando andavano in piazza a protestare.

Raccontando quelle cose ai paesani, quelli ridacchiavano di gusto dicendo: ti sembra possibile che qualcuno non avesse fatto con loro un patto, retribuendoli anche con denaro!

Zi’Ndogne voleva avviare una certa discussione, e volendo parlare nel dialetto del suo paese, spostò l’argomento sul Molise. Lo fece in modo pacato davanti a un quarto di vino. Bevi tu che bevo anch’io, evitando che gli interlocutori si risentissero, sciolse la lingua e cominciò a parlare di buona lena.

Io mi ricordo che nel ’64 –diceva- quando Sammartino e altri decisero che il Molise doveva separarsi dall’Abruzzo… Adesso ditemi: se una cosa rimane unita è come la testa di una persona che avvertendo un dolore da una gamba, un braccio, o quando una mano si schiaccia un dito, interviene a riparare il male e a portare sollievo.

Quando invece, una testa è spaccata, diventa due mezze teste. Una dice che è meglio dell’altra, pensa con mezzo cervello, vede con un occhio solo e parla con la lingua storta non sentendoci nemmeno più bene. Questa si chiude allora in un corpo mutilato dove da tempo: una gamba, un braccio, una mano stanno fuggendo verso condizioni di vita migliori.

“dove c’è la divisione si arricchisce e ingrassa il marpione”

A tratti volgeva qualche locuzione. Le inventava anche, per sdrammatizzare qualche diatriba.

I paesani lo guardavano con fare da “presa in giro” come a fargli capire: da dove vieni! Ormai sei diventato forestiero, non appartieni più al nostro territorio! Hai dimenticato pure il dialetto! Cerchi consenso per i tuoi tornaconti, ma chi ti paga!

Zi’Ndogne si alzò dalla sedia, afferrò il bicchiere e tracannò il poco vino rimasto. Andò via accompagnato da un risentimento antico per: quegli occhi che non volevano vedere, quelle orecchie sorde alle parole, quelle lingue abituate a sparlare e a ripetere solo cose sentite. Gettò un calcio rabbioso ad un sasso rimettendoci anche una scarpa.

______________________________
[1] Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti. Il suo lavoro più bello: il libro di poesie “Ne Cande”

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine

About Gustavo Tempesta Petresine

Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti.

Un commento

  1. Flora Delli Quadri

    “miézze ruffejene” no, ruffejene n’dutt!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.