Home / Cronaca / Attualità / Eventi e Notizie / Notizie / La Transumanza patrimonio dell’Unesco

La Transumanza patrimonio dell’Unesco

di Fabrizio Fusco

Transumanza 2014 - Foto di e con Gabriele Amicarelli
Transumanza 2014 – Foto di e con Gabriele Amicarelli

Quattordici regioni europee insieme per un unico obiettivo. Promuovere la candidatura Unesco della civiltà della Transumanza e del paesaggio rurale dei tratturi. Iniziativa unica nel suo genere che non ha precedenti nella storia UNESCO.

Si è tenuta ad Oporto, in Portogallo, la tre giorni di lavori dedicati al progetto di cooperazione “Vie e Civiltà della Transumanza Patrimonio dell’Umanità”. Dal 5 al 7 maggio, i partners hanno completato il lavoro per la realizzazione del programma già avviato dal dicembre 2012. Obiettivo prioritario è la candidatura immateriale e materiale a patrimonio Unesco, una candidatura internazionale che vede unite quattordici regioni europee con i rispettivi Local Action Group (Gruppi di Azione Locale in Italia) in una esperienza condivisa, unica nella storia dell’Unesco. Grande impegno da parte di tutti i partners per raggiungere a giugno del 2015 questo ambizioso traguardo.

Non si è discusso solo di Unesco, ma di un nutrito programma di iniziative promozionali e di valorizzazione dei tratturi e della transumanza. Nei prossimi mesi sarà presentato un ricco calendario di eventi locali, che vede la transumanza protagonista nei territori dell’Italia Centro-Meridionale (Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata e Campania), Portogallo, Francia, Spagna, Grecia e Svezia. Valorizzazione della cultura e delle tradizioni locali finalizzata a creare un circuito turistico innovativo e di originale interesse.

Tra gli strumenti che i GAL utilizzeranno per attivare la diffusione delle informazioni del progetto, una piattaforma tecnologica web avanzata, con applicazioni e georeferenza dei territori, che metterà in risalto le risorse disponibili nelle regioni dell’Europa dove ancora si pratica l’antico rito della transumanza.

Infine i GAL partners del progetto hanno discusso della creazione di un organismo giuridico unico per la gestione delle attività previste nel programma esecutivo. GEIE o Fondazione europea potrà garantire nei prossimi dieci anni una gestione congiunta di azioni promozionali ed allo stesso tempo commerciali in grado di sostenere i territori e organizzare le risorse finanziarie future per creare nuova occupazione.

_____________________________
[1] Fabrizio Fusco, nativo di Roma, ma con sangue abruzzese nelle vene, giornalista, direttore della testata giornalistica on line Teleaesse.it, cultore di storia locale e di relazioni sociali

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.