Home / Cultura / Cultura Popolare / Duilio Martino: Terra mia…d’ Abruzzo

Duilio Martino: Terra mia…d’ Abruzzo

Duilio Martino[1]

borgo

Terra mia…d’ Abruzzo 

Vagando solingo non vedo il futuro
son secchi i gerani su quel vecchio muro
rarissime l’ombre tra i vicoli stretti
residui di fumi dai bei caminetti.
Un’esca mortale che ha ben funzionato
il chiaro di luna nel pozzo celato
per ombre affamate l’offerta del pasto
dal gran populista del mare del Vasto.
Sull’aspera terra pruneti e ginestre
ma il piccolo “artista”(*) non segna finestre
un passero solo beccando nel grano
non coglie più mele la pargola mano.
Insidian soltanto la vita rurale
le menti carenti dell’umile sale
D’annunzio e Silone soltanto ricordi
Feriti i miei monti e tutti stan sordi.

(*) bambino


[1] Duilio Martino, Abruzzese di Fraine (CH), ha sempre coltivato la passione per la sua terra di origine e per l’arte, in primis la poesia, alla quale ha dedicato una fetta importante della sua vita.

editing: Enzo C. Delli Quadri

 

About Duilio Martino

Duilio Martino, Abruzzese di Fraine (CH), ha sempre coltivato la passione per la sua terra di origine e per l’arte, in primis la poesia, alla quale ha dedicato una fetta importante della sua vita.

Un commento

  1. Enrica Sciullo

    Bellissima… amara… realista!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.