Home / Cultura / Personaggi altosanniti / Teologo, inquisitore e vescovo di Trivento: il francescano Pietro dell’Aquila “Scotello”

Teologo, inquisitore e vescovo di Trivento: il francescano Pietro dell’Aquila “Scotello”

Pietro dell’Aquila è stato uno dei teologi più eminenti del Trecento italiano ed uno dei più illustri vescovi di Trivento. Nato nel 1275 a Tornimparte, in provincia dell’Aquila, entrò giovanissimo nell’Ordine Francescano ed a soli quindici anni, concluso il noviziato, fu inviato a Napoli per approfondire le discipline teologiche ed umanistiche presso lo Studio Generale dell’Ordine.

I suoi superiori ne colsero immediatamente le straordinarie qualità intellettuali e lo inviarono a Parigi dove conseguì i titoli accademici di Baccelliere, di Maestro e nel 1310 di Dottore in Teologia. A Parigi conobbe l’opera e la dottrina di Giovanni Duns Scoto. Subito dopo rientrò in Italia nel convento di Todi dove pose mano alle sue opere teologiche fondamentali. Infatti è qui che Pietro scrive e completa nel 1334 la sua opera monumentale, il Commento ai quattro libri delle Sentenze di Pietro Lombardo. A quest’opera poderosa, dove viene sintetizzato in modo mirabile il pensiero di Giovanni Duns Scoto (che solo nel Cinquecento ebbe sei edizioni), seguirono il Compendium super librum Sententiarum e l’Expositio in libri ethicorum Aristotelis.

La sua fama di teologo oltrepassò le Alpi e presto venne soprannominato lo “Scotello” per significare il suo stretto legame e culturale con Duns Scoto, tanto che, ancora lui vivente, era ricorrente tra gli studiosi questo distico “Si vis Subtilis apices decerpere Scoti/ Hoc aquilae Petri solvito dives opus” (“Se vuoi godere la sottigliezza del Sottile Scoto/ devi interpretare la meravigliosa opera di Pietro dell’Aquila”).

Oltre che teologo insigne Pietro dell’Aquila ricoprì anche importanti incarichi di governo nella Chiesa del tempo. Nel 1334 fu superiore provinciale del suo Ordine in Toscana. Il 22 gennaio 1344 venne nominato cappellano alla corte di Napoli dalla regina Giovanna I. Nel 1346 venne nominato inquisitore apostolico a Firenze. Il 12 febbraio 1347 venne eletto vescovo di Sant’Angelo dei Lombardi.

Il 30 maggio 1348, con la bolla Credite vos, papa Clemente VI lo promuove vescovo di Trivento, dove rimarrà per tredici anni, fino a quando la morte lo colse in Agnone, dove è attualmente sepolto, l’8 novembre 1361. Lo stesso giorno in cui era morto nel 1308 Giovanni Duns Scoto!

Editing: Francesco Di Rienzo

Copyright: www.triventinamente.it

About Francesco Di Rienzo

Francesco Di Rienzo è nato a Napoli da genitori capracottesi. Lavora come responsabile dell'ufficio stampa di una delle più importanti società italiane nel settore dei beni culturali. Conduce da circa 25 anni studi e ricerche su Capracotta e sull'Alto Molise. Eletto nel Consiglio Direttivo del CAST ALMOSAVA il 21 settembre 2012, è uno dei fondatori dell'Associazione "Amici di Capracotta", di cui ricopre attualmente l'incarico di segretario. È autore di diverse pubblicazioni sulla storia e sulle tradizioni di Capracotta. È socio della Società Napoletana di Storia Patria

2 commenti

  1. Grazie Francesco, molti di noi ti sono grati perchè consenti di riempire molte nostre lacune storiche e sociali.

  2. Francesco Di Rienzo

    Grazie Enzo. C’è ancora tanto da scrivere…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.