Home / Tag Archives: Nebbia

Tag Archives: Nebbia

La negghia – La nebbia

Poesia di Gustavo Tempesta Petresine tratta dal libro  “Ne cande”[1]  La negghia E  già te véde fuménne chiène ammònde, e de felzùne te ficche alle cavùte. E  t’arrengìme e sctrusce, e t’accarìzze vraccia d’abbìte, jèrve e fundanèlle. Può t’abberrìte attòrne a chi camìna, coma pe r’annascònne a qualche uaje e arrepàràrl …

Read More »

Rapsodia d’autunno.

di Esther Delli Quadri Autunno italiano. Agnone si veste di nebbia, diventa leggera, traspare da un velo. Indistinto, l’antico rintocco s’involava nel bianco. Si perde. Nel bosco brumoso su argentea corteccia una lacrima scivola lenta. Poi, resta in  attesa, sospesa, una gemma  d’inverno. E mentre il mattino lo veste di …

Read More »

Nebbia di Novembre

Lattiginoso il bianco mar di nebbia  s’insinua ovunque  S’empiono valli e colli di umido silenzio. Tutto è ovattato qual ricordo lontano  Tutto sparisce all’ affannato sguardo  come dal cuor l’amore.  Le mani e l’ anima  di lacrime e di nebbia  restano intrise. Sol col sole spariscono il bagnato e l’affanno. …

Read More »

Il sogno, dopo un’avventura in un cimitero

A cura di Benedetto di Sciullo [1] tratto dalla rubrica Lo spazio di tutti del sito faldus.it, editing Giovanni Mariano [2]   Quello che ci accingiamo a narrare è, in effetti, il completamento della storia “A Fallo un settembre” già precedentemente pubblicata a “puntate” in questa stessa sezione del sito (per leggerlo clicca QUI). Si consiglia quindi, a …

Read More »

La nèjja – La nebbia

Poesia di Michele Di Ciero [1], tratta dal libro “Poeti Dialettali di Agnone” curato da Domenico Meo[2] La nèjja La nèjja cupróiva la vallə, scumbarsə cullóin’e mundagnə, də sóttə, də sópra, dəvìellə macciùocchə də gghjènga gammacia. Dapùo chjénə, chjìenə sə sméuuə, sə frìccəca, sə tòrc’e s’abbərróita, sə scòprə nu ticchjə …

Read More »

Ti invito al viaggio

Poesia di Gustavo Tempesta Petresine [1] Ti invito al viaggio nel mio paese dove ti inebria un canto. La luce zodiacale dell’inoltrato crepuscolo conserverà del giorno, per te uno sfrido di sole. Ti invito al viaggio dove né bene e male spartiscono la gioia e il dolore. Cime di vento …

Read More »

Dal cratere aquilano – Se fondeva nebbia a fumo

Alfredo Fiorani[1] . Se fondeva nebbia a fumo, laggiù a San Bernardino, delle legne non più era mattino ed io fuori coll’amato fido strumento di tortura. Alberi in viale, foglie a terra la guerra incominciava: si serravano file d’auto davanti al rosso e ribollivano in petto; eppure ultime rose canine nell’abituro …

Read More »