Home / Tag Archives: Enzo C Delli Quadri (page 30)

Tag Archives: Enzo C Delli Quadri

Presepe

Poesia di Esther Delli Quadri [1] Presepe Maria, se la portò il mare. Al petto il suo neonato, livido e freddo, figlio di un dio violento, assetato di sangue e armato di coltello. Alla loro capanna, stipata di gente che urlava il suo dolore, li strappò la spuma gelida di un’onda più …

Read More »

Primo Canto dell’ Altosannio

Questo Bellissimo Primo Canto  di Gustavo Tempesta Petresine[1] fa parte di un suo libro di poesie intitolato “Ne cande”[2] I° Canto dell’ Altosannio  In queste foglie popolate di vento ha messo nido lo stormire del tempo. E aleggia, fischietta e penetra rovi contorti di atavica solitudine. Qui Dio, è la …

Read More »

A mezza vocche – A mezza bocca

di Bendetto di Sciullo [1] e Giovanni Mariano [2] Na femmene chi tineve na vagliona cirelle, abbitave vicine a ‘na sore di lu marite. Una donna che aveva una bambina piccola, abitava vicino ad una sorella del marito. La cugnate stave sola esse e, quasi tutte li juorre la ive a truvà …

Read More »

La strina (la strenna)

A cura di Paola Giaccio [1] La strina – strenna natalizia, è un regalo che è d’uso fare o ricevere nel periodo natalizio, regalo che nei secoli a venire, partendo dall’epoca romana, ha cambiato totalmente le sue caratteristiche. All’inizio ebbe un carattere e un significato religioso. A tal proposito, Varrone racconta che fu Tito …

Read More »

L’agrifoglio

A cura di Paola Giaccio [1] L’agrifoglio (Ilex aquifolium L.) è una pianta rustica e sempreverde nativa dell’Europa. È facile individuarla allo stato selvatico in tutte le aree boschive, comprese ovviamente quelle dell’Altosannio. Tra le piante natalizie è senza dubbio una delle più amate e conosciute. Nel linguaggio dei fiori …

Read More »

A fine anno, a casa del medico ..…

di Giovanni Paglione [1] Siamo all’ultimo giorno dell’anno e, nel paese nel quale mio padre era medico condotto, era uso a mezzanotte portare gli auguri al proprio medico per un felice fine anno e felice anno nuovo. Ai rintocchi del campanone, a mezza notte, nel piazzale antistante la nostra casa …

Read More »

La Canzone de lo Capodanno

di Luigi Casale [1] (in fondo all’articolo sono riportati il testo integrale curato da Benedetto Croce e  il video musicale della canzone). ’A ’nferta, dal verbo latino, in-fero (= porto dentro, porto verso) significa l’offerta (ob-fero: più o meno identico significato), ed era, in tutto il napoletano, l’elemosina, la carità, …

Read More »

Ma che è ‘stu scontentu ?

Versi di di Maria Luisa Frasca Musica di Camillo Berardi MA CHE E’ ‘STU SCONTENTU ? Ma che è tuttu questu scontentu ? Pecchè sbatto contr’a ‘nu muru ? Ju tempu s’ha fattu cchiù lentu ju celu s’ha fattu cchiù scuru. ‘Na vote me credea che se potea spazia’. Ju munnu …

Read More »

Le fregnacce (Pasta al forno)

Pubblicato da Famedisud Ecco per voi una delle paste al forno più gustose e nutrienti della tradizione abruzzese: le fregnacce. In pratica sono dei fagottini di pasta fresca ripieni di carne, conditi con un sughetto piccante realizzato con la passata di pomodoro preferibilmente fatta in casa. Un primo piatto preparato secondo …

Read More »

S’ cùoc’n’ l’ sagn’ e tacchìun’

Poesia di Giuseppe Delli Quadri [1] dal libro “Poeti Dialettali di Agnone” curato da Domenico Meo[2]   S’ cùoc’n’ l’ sagn’ e tacchìun’ Sótt’ alla ciumm’nòira šta vullènn’ ru cuttrìell’ ch’ sémbra nu vapéur’; la mamma ch’ l’ j’nèštr’ št’att’zzènn’, ru such’ rušš’ bbubb’jajja e ch’addéur’! Gna s’amménan’ l’ sagn’ t’ …

Read More »

Storie de na prete

Poesia di Rodrigo Cieri [1] tratta dal suo libro “Memoria è Anima” Campobasso 2017. Storie de na prete Mmezze a ll’acque so’ štate pe’tant’anne de lu fiume che scorre a lu paese. A vvolte m’avvulgeve nche la piene e le sentive dentre tutte quante. A vvolte me passave accarezzenne e …

Read More »