Home / Tag Archives: Enzo C Delli Quadri (page 28)

Tag Archives: Enzo C Delli Quadri

Pace e Sonno

di Modesto Della Porta[1] Pace e Sonne L’àvetra notte ‘Ntonie di Fanelle s’arisbijà sentenne nu remùre. Smuvì la cocce, e tra lu chiare e scure, vidì nu latre ‘nche nu scarapelle, che jave sbuscichènne le vedelle dentr’a li stipe e pe’ le tiratùre. “Nu latre? Chi sarà ‘stu puverelle!.”, pinzà. …

Read More »

Lana Saltata

Scritto di Raffaele Buzzelli [1] Un tempo, a Castel di Sangro, c’erano “morre” di pecore e maggio era il periodo della loro tosatura, l’operazione con cui viene tolto il vello dal corpo delle pecore. È un’operazione molto importante e delicata: il vello deve risultare il più compatto e spesso possibile, …

Read More »

Uno sguardo in versi sull’Altosannio: Pescocostanzo

Tanka [1] di Marisa Gallo Pescocostanzo Pescocostanzo un delizioso borgo dell’Aquilano. Strade e balconi in fiore e fresca gioventù… Il vecchio borgo, dopo un sisma terribile nel tempo antico, da maestri lombardi ricostruito ad arte. Che ben fu appresa… Chiese, case, palazzi, con  segni storici culturali e visibili: legno, ferro, …

Read More »

La pastora Alina e il vigliacco

Scritto di Luciano Pellegrini Così scrivevo in un articolo pubblicato su Altosannio Magazine il 28 luglio 2017 (http://www.altosannio.it/una-pastora-forte-e-coraggiosa/) “In Valle Giumentina, situata fra i comuni di Abbateggio Pe e Caramanico terme, nel Parco Nazionale della Majella, c’è una pastora di 35 anni che accudisce un gregge di pecore e capre. Il suo nome è Alina, …

Read More »

Nenguende

Poesia di Tommaso Giuliante Nenguende Muntagna chiare, juorne arlucende. Lu vicchiarelle guarde la marine; si spanne pi lu ciele matutine li nùvile ca sponde da Urjente. Trummente da la marine nu vende sforze e ciùffile da la matine, lu vjecchie cacce ‘na rocchie di spine, ‘rcape lu ticchie a core cundende. …

Read More »

Canneto

Poesia di Elisabetta Vignone [1] Canneto La’ dove la montagna dirada verso il mare si estende una verde campagna. Tra il parco e la fontana, nascosta tra gli scavi, dorme una villa romana. Tra gli ulivi, i ciottoli e le ghiaie un campanile antico tra gli alberi compare. Oasi di …

Read More »

I Tholos in Altosannio

A cura di Enzo C. Delli Quadri I tholos (o meglio capanne a tholos in Altosannio e in Abruzzo, caciare nelle Marche) sono strutture realizzate, da pastori transumanti o contadini, con la pietra a secco (senza alcun collante); ricordano, per struttura, i trulli pugliesi e i nuraghe sardi. Non sono …

Read More »

Lu médeche brave

Poesia di Rodrigo Cieri [1] tratta dal suo libro “Memoria è Anima” Campobasso 2017. Lu médeche brave Lu médeche ch’è brave da ‘ssettate, guardenne tra PC e scrivanìe, capisce gna ze sente lu ‘mmalate, je scrive la ricette e dice: «addìe!» Ma pure pe’ telefone je conte le battite de …

Read More »

Dieciassèttə də Jənnàrə    

Poesia di Gustavo Tempesta Petresine [1], tratta dal suo volume “Ne Cande” [2] Dieciassèttə də Jənnàrə    ‘Nə ‘ndrəmədicchie cə sctà sembrə vuonə ‘mmiézzə a ‘na chiézza chə rə fuocaraccə, chə genda ca fa onorə a sand’Anduonə e ‘na catozza ca piglia e ammena sclocchə dendrə alla nottə jəlata də Jənnare …

Read More »

Il bimbo del 43…

Racconto di Raffaele Buzzelli [1] Dopo la distruzione della chiesa della Madonna degli Eremiti [2], gli scampati castellani, sfollati nel bosco di Scodanibbio di Castel di Sangro, si affrettarono a fare capanne per ripararsi e sopravvivere. Gli uomini di notte tornarono alla chiesa per vedere lo scempio perpetrato dai tedeschi …

Read More »

La segheria di Val Fondillo: un’ avventura industriale durata quasi mezzo secolo

di Davide Boccia [1] tratto da www.pescasseroliew.it Lo sfruttamento dell’ ingente patrimonio boschivo presente all’ interno del territorio comunale di Opi cominciò già attorno la metà del XIX secolo quando, come ricorda Nicola Vincenzo Cimini nel suo libro dedicato alla storia di Opi, il Decurionato opiano (l’ amministrazione comunale dell’ …

Read More »

Re fuoche de Sant’Antuone Abbate

Poesia di Angelomaria Di Tullio E’ na tradezione che dura da tiempe ed è na festa che… n’ada murì ! RE FUOCHE DE SANT’ANTUONE ABBATE Na tradeziòne che z’arrepéte ogne anne reguarda re fuoche de Sant’Antuone Abbate . Stà chi le fà re diciassètte Jiennare e chi ‘nvece coma a re …

Read More »