Home / Cronaca / Attualità / Economia e Politica / Sparisce la provincia di Isernia. Non è un dramma!!!

Sparisce la provincia di Isernia. Non è un dramma!!!

di Albino Iacovone, ex Sindaco di Castelverrino

.

Nota di Enzo C. Delli Quadri:  Riporto,  qui di seguito,  un intervento che Albino Iacovone scrisse il 26 agosto 2011, un anno fa e che oggi trova rispondenza nelle decisioni legislative del Governo Monti, in un’ ottica di consolidamento della finanza pubblica. Mi sono permesso di aggiungere alcune frasi che rendono attuale il suo discorso e lasciare, tra parentesi, quelle originali.

.

Com’è noto, soprattutto agli economisti, l’istituzione e/o la soppressione di servizi deve partire da una analisi costo/benefici.

Ed allora, se inseriamo questo importante principio, nella discussione in atto “ Provincia di Isernia sì, Provincia di Isernia no” e osserviamo la realtà che ci circonda, personalmente, ritengo – proprio in questo contesto di “ vacche magre” – che la soppressione della Provincia di Isernia, proprio per quel principio cui prima accennavo, non è (sarebbe) una catastrofe, per i cittadini comuni.

Forse lo è per chi è abituato a coltivare il proprio orticello!

Orbene, la Provincia di Isernia è costituita da n. 52 comuni, quasi tutti sotto i 2.000 abitanti (per semplificare); inoltre,  da Venafro ad Agnone ( sempre per semplificare) la distanza è solo di circa 70 Km. Quindi un fazzoletto di territorio.

A fronte di una macchina amministrativa e burocratica dispendiosa e, penso, esagerata (24 Consiglieri, 8 assessori, Società partecipate, Agenzie, staff personale del Presidente, parco macchine, consulenti e/o dirigenti lautamente retribuiti – richiamando quanto letto sui giornali, un dirigente esterno percepirebbe solo (sic!) 160.000,00 Euro  – pensate, un piccolo comune non spende tanto per le spese correnti!!  – etc. etc.), ecco, a fronte di tutto questo, La Provincia di Isernia si occupa prevalentemente di manutenzione delle strade provinciali e di edilizia scolastica di 2° grado. Per il resto, pur con qualche altra iniziativa lodevole ( se penso al sociale ), è poca cosa rispetto ad una azione incisiva e determinante per lo sviluppo dell’area interessata.

Dunque, è inutile girarci intorno, le funzioni e i compiti svolti incidono poco sul tessuto sociale ed economico e, forse, attraverso una diversa attribuzione ed articolazione, potrebbero fruttare meglio.

Certo, se la nostra Provincia, esercitasse concretamente e compiutamente tutte quelle funzioni che sono solo sulla carta, previste agli artt. 19 e 20 del T.U. n. 267/2000, potrebbe avere un senso il mantenimento.

 Poiché, nella sostanza, non è così è, quindi, ovvio che questo Ente sia stato chiuso (evidente che prima o poi questo Ente dovrà chiudere i battenti).

 

In tempi diversi tutti ci siamo battuti e tutti eravamo entusiasti della istituzione avvenuta il 3 marzo 1970. Oggi i tempi sono mutati ed è necessario ragionare!

 (Non ne farei un dramma, qualora dovesse arrivare la soppressione o una razionalizzazione).  Non è un dramma la sua soppressione perché sono convinto che soluzioni alternative, meno costose e più produttive per la popolazione ( purtroppo esigua) possono venire fuori.

Tante possono essere queste soluzioni, e naturalmente non è possibile elencarle in questo contesto.

La prima che mi viene in mente è questa: I Comuni ( entità storica che difficilmente potrà essere toccata), anche e soprattutto in uno spirito di associazionismo e/o unione ( come del resto già previsto fin dalla prima riforma delle Autonomie locali, legge 142 del 1990 – ora TUEL n .267/2000 ) potrebbero far fronte agli stessi servizi e compiti della Provincia, naturalmente con gli stessi ( o anche ridotti) trasferimenti statali e regionali che attualmente vengono accreditati alla stessa. E’ chiaro ed evidente che il discorso è complesso e non potrà che investire le stesse funzioni della Regione.  La Regione, da parte sua,  deve assolvere solo a compiti legislativi e deve delegare e trasferire la gestione ai Comuni che , in unione tra loro, sono certo potrebbero assolvere tutte quelle funzioni che oggi vengono svolte ( anche sovrapponendosi) da una pletora di Enti (Provincia, Comunità Montane, consorzi, agenzie, EPT etc.).

 L’aspetto occupazionale ( da preservare ) e la conservazione del posto di lavoro per tutti i dipendenti attualmente in servizio sarebbe assicurato con la collocazione negli stessi Comuni e negli altri Uffici statali ove vi è necessità come, ad esempio, nell’Amministrazione della Giustizia che, come tutti sanno, è lenta e macchinosa anche per carenza di personale amministrativo e di cancelleria.

 Sono consapevole che l’argomento di cui si sta discutendo è certamente meritevole di approfondimento e valutazione e nessuno può immaginare di avere la soluzione a portata di mano.

 Una riflessione seria, scevra da ogni pregiudizio ideologico e di parte, è ormai ineludibile ed ognuno deve assumersi la propria responsabilità e l’onere di lottare per l’unico scopo: il bene comune e una prospettiva di vita per i nostri giovani.

 In ogni caso, non sfugga a nessuno, che con l’attuazione completa del federalismo parlare di Provincia di Isernia è riduttivo, laddove a rischiare seriamente è l’Autonomia Regionale che, sicuramente, non potrà reggere gli eventi e le ripercussioni nazionali, europee e direi mondiali.

 Ormai, credo, le MACROREGIONI sono una strada inevitabile! “”

 

Albino Iacovone, ex Sindaco di Castelverrino

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.