So’ d’ Ddije ‘ste creature – Sono di Dio queste creature

1
1031

Bruno Marinelli [1]

Creature di Dio

So’ d’ Ddije ‘ste creature    

Dentr’a ‘na chiana tonna de ru vosch
deceva: “ Com’è bella la natura!”.
… Uardava ‘n’atre juorne ch’ nasceva
e, vijate, ‘resciatava l’aria pura…
Ru ciele se vestiva, chiane, chiane,
addò ch’ la muntagna se tuccava,
ch’ chiù de ciente tinte de culure
e, come vrasce, tutt s’avvampava.
E mane a mane addeventava azzurre,
re cieglie cumenzavane a cantà,
…se stava ‘rabbvanne la campagna,
e r’uocchie r’ se stavane a ‘ncantà…
Dell’albere chiù avte, le cime
uardavane la luce d’ ru sole,
… ma tutta ‘ llumnata eva la chiana,
‘ddo raccuglieva pane-casce e viole…
Deceva: “So’ d’ Ddije ‘ste creature”
sentenne ch’ ‘nu merle ciufulava,
e susperava appriesse a ‘na farfalle
ch’ da ‘nu sciore a ‘n’atre se pusava.
Vedette, può, ‘na serpa arrutulata
ch’ se gudèa ru sole, cuijèta,cuijèta,
e mentre susperava e letanijàva
la coccia re squacciatte ch’ ‘na preta.

Sono di Dio queste creature

Dentro una radura rotonda del bosco
diceva: ”Com’è bella la natura!”.
…guardava un altro giorno che nasceva
e, beato, respirava l’aria pura…
Il cielo si vestiva, piano, piano,
dove con la montagna si toccava,
con più di cento tonalità di colori
e, come brace, tutto si infuocava.
E mano a mano diventava azzurro,
gli uccelli cominciavano a cantare,
… stava riprendendo vita la campagna,
e gli occhi gli si stavano a incantare…
Le cime degli alberi più alti
guardavano la luce del sole,
… ma tutta illuminata era la radura,
dove coglieva le primule e le viole…
Diceva: “Sono di Dio queste creature”,
ascoltando un merlo che fischiava,
e sospirava seguendo una farfalla
che da un fiore ad un altro si posava.
Vide, poi, una serpe arrotolata
che si godeva il sole quieta, quieta,
e mentre sospirava e litaniava
la testa le schiacciò con una pietra.

_________________________________
[1] Bruno Marinelli, molisano di Rionero Sannitico, costretto ad abbandonare gli studi universitari per dedicarsi al lavoro in banca, ha operato nel sindacato, senza mai abbandonare la sua passione per la poesia dialettale.

Copyright Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

 

1 COMMENTO

  1. Brusco finale d’una poesia bucolica, tutta di colore, profumo e luce che estasiava l’anima, quasi un cantico di san FRANCESCO…ma sempre il PREGIUDIZIO è duro da sconfiggere! Purtroppo il serpente dà ancora l’idea della tentazione e con essa della paura di cadere in TENTAZIONE …Sì proprio nel momento in cui vuoi più godere, arriva biblicamente parlando l’ESSERE NEGATIVO…ma basterebbe riflettere che–pure i serpenti, specie se non pericolosi o attaccanti andrebbero rispettati e salvaguardati- So’ d’ Ddije ‘ste creature.-

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.