Home / Cultura / Tradizioni / Feste e Tradizioni / Sant’Antonio di Padova – 13 giugno

Sant’Antonio di Padova – 13 giugno

di Domenico Meo [1],
tratto da Le Feste di Agnone – Palladino Editore, Campobasso 2001

Sant_Antonio_di_Padova_AV

«Sant’Antonio oltre ad essere patrono di Padova, è anche protettore delle messi in memoria della prodigiosa liberazione di un campo di grano dagli assalti di stormi di passeri, ma in realtà perché la sua festa cade in giugno; trova il fidanzato alle ragazze da marito, protegge orfani e bimbi, tant’è vero che un tempo molti bambini graziati o miracolati dal santo indossavano in seguito a un voto della madre il saio francescano; veglia sull’arrivo della posta e permette il ritrovamento degli oggetti smarriti; dà la vista ai ciechi, la favella ai muti, l’udito ai sordi: E può compiere, secondo la tradizione popolare, addirittura tredici miracoli al giorno».[2]

La festa dedicata a Sant’Antonio di Padova, viene solennizzata  nelle chiese di Sant’Antonio Abate (fino agli anni venti, si celebrava nella chiesa dedicata al Santo), San Francesco e Santa Maria di Costantinopoli.

Nella chiesa di Sant’Antonio Abate, il Santo, posto nel secondo altare a destra, è effigiato con il  saio e regge tra le braccia il Bambino. Nei due lunotti ai lati del finestrone dell’organo sono affrescati due dipinti riguardanti la vita del Santo: in uno Sant’Antonio parla agli uccelli e ai pesci in quel di Rimini, nell’altro  si vede la mula inginocchiarsi davanti all’Eucarestia.

Nella chiesa dei Cappuccini, il francescano risiede nella nicchia a destra dell’altare Maggiore,  ed oltre al saio, ha il giglio sotto il braccio, simbolo della purezza e della verginità, ed il libro, su cui è seduto il Bambino(quando il Santo versava in uno stato di salute precario, ebbe in visione Gesù Bambino).

Nella chiesa di San Francesco, il padovano è collocato nell’altare a sinistra del Maggiore. Esso fu eretto nel 1793 con le elargizioni dei mugnai;[3] il Santo reca un saio dorato, il giglio nella mano sinistra,  mentre con l’altra regge il libro ed il Bambino.

Nelle tre chiese, la festa viene celebrata solo con riti religiosi. A Sant’Antonio e i Cappuccini si svolge una processione per le vie della parrocchia; a San Francesco si osservano solo le celebrazioni liturgiche, mentre, negli anni venti, la festa, preceduta da una tredicina,  si concludeva con una solenne  processione lungo le vie cittadine a cui partecipavano le Confraternite e tantissimo popolo devoto.

 

______________________________
[1]
Domenico Meo, Abruzzese di Castelguidone (CH), ma agnonese di fatto, lavora alla Asrem di Agnone (IS). Si occupa, in termini scientifici, di dialetto, riti, usi e tradizioni popolari. Tanti i suoi libri, su cui giganteggia il Vocabolario della lingua di Agnone.
[2]A. Cattabiani, Santi d’Italia, Rizzoli, Milano 1993, p.115.
[3]N. Marinelli, Agnone Francescana, Agnone 1927, p. 39,  nota 2: «Presso l’altare di Sant’Antonio vi è questa lapide: Piis mulionum sumptibus erectum est A.D. MDCCXCIII. Per comprendere questa lapide bisogna aver presente che i Frati Minori Conventuali di Agnone avevano in Contrada Santa Lucia un mulino presso la riva sinistra del Verrino. La località, dove sono ora i ruderi del mulino, si chiama ancora Mulino dei Monaci. Ai mugnai addetti a tale mulino deve riferirsi in modo speciale, se non esclusivo, la presente lapide».

[ n.d.c.] Nei primi anni novanta, in seguito ai lavori di costruzione della  “Fondovalle Verrino”, dell’antico mulino non è rimasta nessuna traccia.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.