Home / Cultura / San Cristanziano

San Cristanziano

Scritto di Vincenzo Sammartino

Nota di Enzo C. Delli Quadri
Vincenzo Sammartino, studente universitario presso l’Università di Pisa, facoltà di informatica umanistica di cui è appassionato tanto da non considerarlo un vero studio quanto una passione insieme a quella per i motori, ha dovuto superare un primo scoglio: l’esame di “laboratorio di scrittura web” che consisteva nella costruzione di una pagina web di Wikipedia. Non ha avuto dubbi. Ha subito rivolto la sua attenzione verso il martire cristiano romano San Cristanziano che insieme con il suo concittadino ascolano Sant’Emidio frequentò il territorio dell’alto Molise e in particolare Agnone, paese natale di Vincenzo. Su San Cristanziano troviamo tanta bibliografia e su questo sito sono molti gli scritti che gli sono stati dedicati ma non esisteva una pagina web riepilogativa che potesse essere pubblicata su Wikipedia. Oggi, grazie a Vincenzo Sammartino questa pagina esiste.

Segue il link della pagina web cui si può accedere per consultarla. Ma, trattandosi di argomento di interesse del nostro sito, ho voluto trascriverla per intero.

https://it.wikipedia.org/wiki/San_Cristanziano?fbclid=IwAR3OCLePL91rzh2npxwK_Gc85SoWvXvYRZzq55piCEBeO72uSQa9NWws9HY#Culto_e_festeggiamenti

San Cristanziano

San Cristanziano (Ascoli280 – Ascoli13 maggio 310) è stato un diacono e martire cristiano romano vissuto nella tarda antichità, tra il III e il IV secolo d.C. Egli è venerato come santo dalla chiesa cattolica, che gli attribuisce la protezione dei fedeli dalle tempeste e dalla grandine.

Statua di San Cristanziano nella Chiesa di San Marco in Agnone (Is)

Indice

  1. Biografia
  2. Culto e festeggiamenti
    1. Agnone
    2. Casalciprano
    3. Maltignano
  3. Arte e monumenti
  4. Note
  5. Bibliografia

Biografia

Non essendoci un’agiografia ufficiale molte informazioni della sua vita non sono sicure, ma attraverso le varie fonti[1][2] si può ricostruire parte della sua biografia.

san Cristanziano nacque ad Ascoli, dove visse gran parte della sua vita, venne istruito, battezzato e promosso all’ordine diaconale da Sant’Emidio che lo tenne sotto la sua protezione. Il nome Cristanziano gli venne attribuito dal Santo per denotarlo come primo e più antico Cristiano battezzato. Servì fedelmente Sant’Emidio fino al martirio di quest’ultimo.

San Cristanziano finì la sua vita terrena nel martirio più atroce: subì infatti barbare sevizie, fra le quali quella della confittura di schegge di canne tra le unghie.[3] Fu martirizzato con la decapitazione il 13 maggio dell’anno 310 nella contrada di Ancaria (Ascoli)[4] sotto la Tirannide dell’imperatore Massenzio e la Persecuzione di Diocleziano.

«Una turma di arditi Idolatri gli si fe’ d’incontro credendo i sacrileghi di incantare nel cuore invincibile di Cristanziano timidezza e terrore e così guadagnarlo. Ma andarono delusi. Non potete, fratelli, farmi cosa più grata, risponde pronto Cristanziano, che la morte offrirmi, questa da gran tempo sospiro per autenticarmi con essa infallibil fede di Gesù Cristo. […] Accadde questo martirio in Ascoli al dì 13 maggio ed egli era sull’età di anni 30 […].»
(“F.A. Marucci al Vescovo di Trivento Giusepppe Pitocco – Ascoli 1758”)

Alcune fonti riportano come data di morte il nove maggio 310, giorno in cui egli divenne uno dei santi Patroni della città di Ascoli e la sua Passione venne onorata con una processione dal Duomo di Ascoli Piceno al Tempio Parrocchiale di San Vittore.[5]

«Poco di poi riportò la medesima Palma un’ altro gran Campion della Fede, detto Cristanziano, promosso all’ ordine Diaconale da S. Emidio, ed Ascolano di Patria; e perchè il nono di Maggio’ fù il trionfale della sua Passione, l’istesso giorno è Festivo in quella Città, che avendolo annoverato fra’ segnalati suoi Protettori, l’ onora con una solenne Processione, portantesi annovalmente in tal tempo dal Duomo, dove s’ asconde il suo pregiato Deposito, sino al Tempio Parochiale di S. Vittore, e lo invoca divotamente nelle Tempeste, come provato stabilmente miracoloso contra le Grandini, i Fulmini, ed altri Nembi.»
(“Paolo Antonio Appiani, Vita di S.Emidio, Vescovo d’Ascoli e Martire p. 148”)

Le spoglie si trovano nella Cattedrale di Sant’Emidio in Ascoli Piceno.[6]

Culto e festeggiamenti

La festa di san Cristanziano si celebra il 13 maggio in tutti i paesi che lo venerano come santo Patrono.

Nella sua novena si ripete il versetto “libera tutti noi dalle tempeste“.

Anticamente san Cristanziano era chiamato in dialetto locale “tatéunǝ” (nonno, inteso in senso patriarcale, ovvero il punto di riferimento della famiglia). La tradizione popolare conserva un detto legato ai giorni che vanno dal 10 al 13 maggio. Tali giorni vengono chiamati rispettivamente “Catàllǝ, catàllittǝ, catàlleunǝ e tatéunǝ” (maestro[7], piccolo maestro, grande maestro e nonno)[8] a cui sono abbinati i rispettivi Santi Nicola, Placido, Emidio e Cristanziano (tutti santi con la mitra). Tali giorni rappresentano una previsione del meteo apotropaica, infatti secondo la tradizione se piove durante uno di questi giorni continuerà il maltempo fino a San Giovanni (24 giugno).[9][10]

Nel giorno della sua festa si gusta la prima “mazzarella di ciliegie” che annuncia la stagione dei frutti. In dialetto locale: “quande vojje tateunǝ, arroiva la sctaggéunǝ“.

Anticamente egli era venerato in Lombardia, nella città di Lodi e nel territorio marchigiano. Nel territorio dei Caraceni (o Frentani)[11] si trovava un “nobil tempio” intitolato a Sant’Emidio e San Cristanziano.[12]. Tale territorio anticamente faceva parte delle terre di Ascoli.[13]

Agnone

Nella cittadina di Agnone il culto di san Cristanziano nasce nel XV secolo, portato dai mercanti ascolani che intrattenevano intensi vincoli di artigianato e commercio con la cittadina agnonese.[14]

Il 13 maggio ricorre la festa del Patrono principale della cittadina di Agnone (i compatroni sono Santa Teodora, San Filippo confessore e San Placido martire)[15], si tratta della prima fiera dell’anno che ha una notevole importanza a partire dai cittadini del centro urbano, passando per i contadini dell’agro fino ad arrivare agli abitanti dei paesi vicini. 

I giorni precedenti la festa si poteva notare come tutti i luoghi centrali (Corso Vittorio Emanuele, Piazza Vittoria, Via Roma ecc.) venivano occupati dai rivenditori ambulanti che dovevano partecipare alla fiera; questo perché molti provenivano da paesi lontani e volevano assicurarsi la possibilità di posizionare la propria “bancarella” in un punto centrale, in modo da ottenere una forte vendita. Oggi a causa del diffondersi dei mezzi di trasporto veloci e del calo demografico del paese questa usanza è caduta in disuso.

Nella Chiesa di San Marco, per tutta la stagione dei raccolti, si usa esporre la statua di san Cristanziano, dal suo stesso altare, alla venerazione dei fedeli.

«Fra le cappelle[16] vi è quella nobile di san Cristanziano Vescovo e Martire del Piceno (oggi Marca[17]) Padrone[18] e Primo Protettore della Città appresso a Dio, specialmente contro le tempeste»
(“Il cronista delle memorie raccolte da Don Lorenzo Paolantonio[19] p.41″)

Fino agli inizi del Novecento la festa iniziava già dal novenario di preghiera quando, dalle 13 parrocchie di Agnone le Statue venivano portate nella Chiesa di San Marco dove sostavano lungo le tre navate fino al giorno del festeggiamento. Alle ore 12 dello stesso giorno, dopo la messa tenuta dall’ Arciprete, partiva la processione che si snodava lungo le vie principali della cittadina e riportava tutte le statue nelle loro parrocchie.

Le Statue erano disposte in ordine ascendente, le statue di dimensioni più piccole come san Vito (sandǝ Vetucce[20]) venivano portate dai bambini, fino a giungere alle statue più grandi dei Vescovi come san Nicola, san Placido e sant’Emidio che precedevano il clero del luogo allora numerosissimo (il Vescovo, circa 20 sacerdoti semplici, i rispettivi parroci e l’arciprete) e la popolazione locale. Tale tradizione è estinta dal 1933.[21]

La processione del 13 maggio si concludeva nella chiesa di Maiella perché secondo vox populi “san Benedetto doveva salutare la sorella santa Scolastica”.[22] Tale tradizione è estinta dalla fine del XX secolo.

Sul piano strettamente religioso non può essere trascurato il ricordo del Breve Apostolico di Papa Pio VI (1776), che arricchiva la festa di san Cristanziano con le maggiori indulgenze per la durata di otto giorni (13-20 maggio).

Un’altra consuetudine, non più in uso, era quella eseguita la sera della vigilia della festa, prima dei Vespri, quando il Sindaco portava a deporre ai piedi del santo Patrono la chiave della città, che veniva restituita il giorno successivo durante la processione.[23]

Casalciprano

Nella cittadina di Casalciprano non si riesce a risalire al momento esatto in cui sia iniziato il culto verso il santo a causa della scarsità di fonti storiche; probabilmente essendo S. Cristanziano discepolo prediletto di S. Emidio (protettore del terremoto), Casalciprano, zona soggetta a terremoti, lo ha eletto suo protettore.[3]

Nel giorno della sua festa vengono benedette delle piccole crocette di canna che vengono distribuite ai fedeli e, una volta conficcate nel terreno dei campi, li difendono dalle avversità atmosferiche. 

Ad ogni approssimarsi di temporale gli scongiuri si facevano con la preziosa reliquia, alla porta della Chiesa di S. Maria. Questa credenza nasce dal momento del suo martirio, quando una terribile grandinata si abbatté su una contrada, e terminò soltanto per intercessione del Santo che, alzando la mano, allontanò il temporale che altrimenti avrebbe devastato le campagne.[3]

Maltignano

Nella cittadina di Maltignano si svolge il Palio degli Arcieri in onore del santo Patrono. Si tratta di un corteo medievale che coinvolge le varie contrade del paese, 4 partecipanti per contrada, che si sfidano nei sei giochi proposti con il fine di totalizzare il maggior punteggio.[24]

Arte e monumenti

Nella città di Agnone una statua del santo si trova nella Chiesa Matrice di San Marco Evangelista. Si tratta di una statua in legno dipinto con intarsi in lamina d’oro dall’altezza di 2,10 metri racchiusa dall’altare in legno policromo dorato del XVII secolo in stile Barocco. Probabilmente l’altare fu realizzato da artisti del luogo. L’altare possiede delle colonne tortili che reggono la trabeazione superiore. Sono fiancheggiate da due cariatidi che reggono lo stemma araldico della città. Le colonne riportano due stemmi identici, fregiati d’una A (iniziale di Agnone) su fondo verde.

In una pergamena, sotto il titolo di “Altare di san Cristanziano, principale protettore della Città” è scritto: “Segue l’altare di San Cristanziano Vescovo e Martire, concesso all’Università di Agnone, la quale a sue spese ha eretto l’altare, il quadro di tela e la statua di legno indorato.” L’ultima informazione lascia pensare che non si tratta della statua attuale, bensì una statua precedente probabilmente distrutta con l’incendio del 1610.

Si possono notare delle somiglianze con l’altare della Confessione che si trova nella Basilica di San Pietro a Roma dell’artista Gian Lorenzo Bernini.[25] Il pastorale e la mitria lignei che indossa ferialmente sono sostituiti il giorno della festa con delle insigne in argento. La statua possiede alcuni attributi iconografici come il libro delle Sacre Scritture, la palma del martirio e le chiavi della città a segno di custodia e protezione di Agnone. Caratteristica è la croce pettorale in filigrana d’argento del tesoro di san Cristanziano che le viene appesa al collo il giorno della festa.

La nicchia in cui si trova la statua può essere nascosta da una tela; questo artifizio permette di proteggere la statua e consente di ottenere un notevole effetto scenico in stile sipario.

Nella tela il santo si trova al di sopra di un vasto caseggiato in atto di benedizione, rivestito dei segni pontificali, i lineamenti del volto sono addolciti rispetto a quelli tesi e austeri della statua; di lato si trovano due angeli: uno legge un libro carico di fiori, l’altro richiama il martirio. Si tratta della figurazione del racconto degli antichi, che avevano visto sul cielo di Agnone questa figura con mitra e barba.[26]

Secondo la tradizione la statua proviene dalla Chiesa di san Pietro Celestino (odiernamente Maiella) che conservava tale statua sotto il nome di san Benedetto (padre del monachesimo e fratello di santa Scolastica); tale chiesa era dismessa e in disuso e la statua fu portata nella Chiesa di San Marco (dove si trova attualmente) dove venne rindorata e rivestita del pivialerosso in cartapesta e portata alla venerazione sotto il nome di san Cristanziano.

Nell’affresco della cupola della Cattedrale di Ascoli (sec. VIII) sono rappresentati alcuni santi che furono martirizzati nello stesso anno, al centro vi è la Madonna Assunta in cielo, ai lati troviamo i santi Emidio, Cristanziano, Germano, Euplo, Valentino e Benedetto.

Un’altra immagine di san Cristanziano si ritrova nell’affresco della Chiesa Madre di Lisciano dell’anno 1475.

Maltignano se ne conserva la reliquia in una preziosa teca d’argento.[27]

Note

About Vincenzo Sammartino

Vincenzo Sammartino, molisano di Agnone, appassionato di cultura popolare, informatica e motori, studia presso la facoltà di informatica umanistica all'università di Pisa per diventare programmatore di computer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.