Home / Cultura / Cultura Popolare / Poesie / San Bernardino in Agnone: il ciliegio

San Bernardino in Agnone: il ciliegio

di Massimo Gargiulo[1]

IL CILIEGIO

Laggiù,
verso il fondovalle a piè di Agnone
ove serpeggia gorgogliando
il placido Verrino,
pallido ed effimero un prunus avium
fioriva nel tenero maggio molisano.

 

 

 

E quando rosseggiavano
i grappoli di turgide ciliegie,
un nugoletto di scavezzacolli,
come passeri frullanti,
scendeva furtivo giù per il pendìo
a beccheggiare
intorno ai rami bassi
gravidi e pendenti.
Era la festa d’una incosciente primavera.
L’esuberante rapina alla prodiga natura.

 

 

D’improvviso, l’eco pendolante
tra i monti silenti e addormentati
d’una secca schioppettata.
Ed il frullare veloce e fuggitivo
dei convittori di San Bernardino.

 

 

Ma sul pendio
austero giustiziere
Don Gennaro
con la bacchetta nera ci aspettava,
la sua penitenziale “Santa Justa”.
E le ciliegie ch’erano ancora asprine
divenivan amare!

 

______________
[1] Massimo Gargiulo: nato a Napoli, città dove vive, ha trascorso, da studente, l’adolescenza e la prima giovinezza ad Agnone, ospite del Convitto Vescovile di San Bernardino, quando ancora il Molise e Abruzzo erano un tutt’uno. L’amore per la nostra regione è rimasto intatto nel tempo e lo induce a trascorrere molto del suo tempo libero in terra d’Abruzzo. I suoi hobby sono la poesia e la pittura.

[2]San Bernardino:  antico convento di Agnone (IS) che è stato per molti anni Convitto Vescovile e ha ospitato studenti medi provenienti da tutte le parti d’Italia. Il Rettore era Don Gennaro Di Nucci di Capracotta.

EditingFlora Delli Quadri 
Copyright  Altosannio Magazine

 

About Flora Delli Quadri

Flora Delli Quadri, Molisana di Agnone (IS), prof.ssa di Matematica in pensione. Si occupa di cultura e politica; pur risiedendo altrove, ha conservato intatto l'amore per il suo paese d'origine che coltiva in forma attiva.

Un commento

  1. Dove sei stato nascosto finora? Apprezzo la tua sensibilità, i tuoi ricordi, le tue nostalgie del celeberrimo convitto e di don Gennaro, il giustiziere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.