Home / Cultura / Cultura Popolare / l’Altomolisano Sabelli, il musicista che ha ricostruito “The Wall” dei Pink Floyd

l’Altomolisano Sabelli, il musicista che ha ricostruito “The Wall” dei Pink Floyd

Articolo tratto da “Primo Piano”a firma NaLi

Vittorio Sabelli


Non chiamatela cover; “The Dark Side of The Wall” è qualcosa di concettualmente e sostanzialmente diverso da una rivisitazione, seppur personalizzata, dello storico album “The Wall” dei Pink Floyd

Il musicista Vittorio Sabelli[1], insieme alla sua “R-Evolution Band”, ha invece voluto intraprendere un ambizioso percorso attraverso l’opera più famosa dei Pink Floyd, facendola propria, grazie a un lungo processo di destrutturazione e ricostruzione durato due anni. Il risultato è nel terzo disco di Sabelli, che si discosta notevolmente dalle sonorità modern – jazz del precedente “Versus”.

Pink Floyd

In “The DarkSide of The Wall”, Vittorio Sabelli e la “R-Evolution Band”manipolano, stravolgono e ricreano integralmente quel capolavoro assoluto rappresentato da “The Wall” scivolando armonicamente da un “Another Brick In The Wall pt. 1” stravolto in chiave etno-rock a quella più speed metal/hardcore/free jazz della seconda parte, passando dall’electronic/hurban di “Young Lost” e dal reggae di “Run Like Bells”, riadattata dall’originale “Run Like Hell”; una varietà stilistica e sonora che però non compromette la linearità di un progetto armonico studiato nei minimi dettagli. Dopo 34 anni dall’uscita dell’album più conosciuto dei Pink Floyd, Vittorio Sabelli e i musicisti della “R-Evolution Band” riescono in quello che risulta estremamente difficile per la maggior parte degli artisti, cioè confrontarsi con un “testo sacro”, senza risultare“blasfemi”.

Sabelli ci è riuscito,“distruggendo” “The Wall” e ricostruendolo, mattone su mattone, secondo un’interpretazione personale che nella varietà di stili che la contraddistingue, mai si allontana dal nucleo più intimo dell’album originale,anzi, “pretende”di far luce sui suoi aspetti incogniti e più complessi.

Il disco, uscito per l’etichetta“Wide Production” il 12 giugno, sta facendo proseliti negli ambienti underground, in Italia e all’estero. La pagina Facebook della band o dello stesso Sabelli sono infatti già invase da foto di appassionati di ogni dove col disco nelle pose più disparate. Dopo tanto lavoro e tre mesi in studio di registrazione, la R-Evolution Band (per l’occasione ampliata a tredici elementi) presenterà il nuovo progetto in prima assoluta il 4 agosto nell’ambito del ‘Ficulle Rock Festival’, in apertura al concerto del leggendario batterista americano Billy Cobham.

C’è da scommettere che anche i “puristi” e i più intransigenti fans della band britannica rimarranno piacevolmente colpiti dai risultati di questo ambizioso progetto.

NaLi


[1]Altomolisano di Agnone, Diplomato con il massimo dei voti presso il Conservatorio “L. Perosi” di Campobasso si perfeziona con Paolo Beltramini, Ciro Scarponi, Gervase de Peyer e Richard Stoltzman.

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.