Home / Cultura / Cultura Popolare / Ru vascə

Ru vascə

Poesia di Amicarelli Donato[1]
tratta dal libro “Poeti Dialettali di Agnone” curato da Domenico Meo[2]

Il bacio è stato dipinto da Francesco Hayez nel 1859
Il bacio – dipinto di Francesco Hayez del 1859

Ru vascə

Chə dé šta spina chə m’é méssa ngórə
da quàndə chélla séra m’é vasciàtə?
Quàndə c’arpènzə sèndə nu calórə
gna fóssə chə m’avéssə mbriacatə.
C’arpènzə, mə fa malə e c’ajjə guštə,
ca quìrə vascə datə all’andrasatta
é gné rru fumə chə èššə dall’arruštə:
tə štóna, tə šturdiššə e cə vìe matta.
La nòttə nə ngə dòrmə o mə rə sònnə
e quàndə mə rə sònnə m’arrəsbégliə;
ssə chirə vìescə rə putéssə arpónnə
rə cagnarrìa chə l’aria a mègliə a mègliə.
Chə ššiabbəndétta chéssa ggiuvəndù!
chə t’appəccìetə ngùorpə ssa passiónə;
nnə mə lassà ca ssə mə mìenghə tu
mə manga amórə, fédə e dəvuziónə.
L’amórə chə ció fa nə nzə cummanna
é gné nu fùochə chə s’appiccia mbìettə;
l’amórə sénza vìascə é na cundanna
n’uniónə nata puffa quàscə a dəspìettə.

Il bacio

Che cos’è questa spina che mi hai messo in cuore
da quando quella sera mi hai baciato?
Quando ci ripenso sento un calore
come se mi fossi ubriacato.
Ci ripenso, mi fa male e sono contento,
che quel bacio dato all’improvviso
è come il fumo dell’arrosto:
ti stona, ti stordisce e ci vai matta.
La notte non ci dormo o lo sogno
e quando lo sogno mi sveglio;
se quei baci li potessi conservare
li cambierei con l’aria di bene in meglio.
Che sia benedetta la gioventù!
che ti ha acceso in corpo quella passione;
non mi lasciare ché se mi manchi tu
mi manca amore, fede e devozione.
L’amore è risaputo non si comanda
è come un fuoco che si accende in petto:
l’amore senza baci è una condanna
un’unione nata male quasi a dispetto.
 

__________________________________
[1] Amicarelli Donato, molisano di Agnone. Laureato in legge. Imprenditore, gestiva il lanificio ereditato dal padre e  un negozio di lana e abbigliamento. Uomo forte, vero e schietto, si dedicò con passione alla poesia dialettale. La prematura morte del figlio segnò non poco l’avvocato-poeta, che affidò alla sua “triste” penna il ricordo di lui. Morì il 3 luglio 1975.
[2] Domenico Meo, Abruzzese di Castelguidone (CH), ma agnonese di fatto, lavora alla Asrem di Agnone (IS). Si occupa, in termini scientifici, di dialetto, riti, usi e tradizioni popolari. Tanti i suoi libri, su cui giganteggia il Vocabolario della lingua di Agnone.

Copyright  Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

 

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Un commento

  1. Carnale ed eterea questa poesia! In gioventù il fuoco della passione è tanto e i baci sono come la brezza del mare che accarezza la pelle! Spontanei e IRRINUNCIABILI condiscono con dolce sapore la vita degli innamorati. NON C’E’ INNAMORATO che NON l’abbia provato. E la poesia lo ricorda a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.