Home / Cultura / Cultura Popolare / Ru Murtalə e Ru Pəstillə

Ru Murtalə e Ru Pəstillə

a cura di Enzo C. Delli Quadri
con foto di Tommasino Iocca
e poesia di Emilio Spensieri[1]

mortaio antico

Ru Murtalə (il Mortaio – utensile) è essenzialmente un recipiente, dal fondo tondeggiante, in legno duro o bronzo o in pietra, marmo, porcellana nel quale vengono poste le sostanze, che, poi, vengono triturate dall’azione di Ru Pəstillə  (il Pestello), una corta mazzetta costituita da un’impugnatura e da una estremità più larga e pesante.

Veniva utilizzato per sbriciolare il pane duro, il sale grosso o il pepe, e, in alcuni casi anche cereali di diverso titpo. Oggi lo ritroviamo solo come pezzo di antiquariato da utilizzare come posacenere o soprammobile.

Mortaio

Ru Murtalə 

N’gopp’a la ciummenera affumechita
mo’ c’è rremascte sule ru murtale
cupierte de la tela de ru ragne
che ffa la uardia cim’a ru pestille
Selenzie attuorne e addore de vecchiaja:
trestezza de passate che nen torna,
vuce de cos’antiche senza suone
tante stanne luntane  ‘ent’a ru tiempe.
Da quanne z’è stutate e ‘ncenerite
ru fuoche che ardeva a ru camine?
Da quanne n’ha ullite la pegnata?
‘ Ncopp’a la ciummenera ru murtale,
che fa da testemonie, nen responne.
Quanta sale ha pesate pe’ tant’anne,
quanta sapùre ha date a le pietanze.
quanta gioie de casa ha frantumate,
quanta dulure appriesse z’ha purtate
ru vatte e ggira gi  ‘ de ru pestille!
Mo’ senza fume dorme ru camine,
ze fa sempre cchiù vritte ru murtale,
ru ragne dorme ‘n cim’a ru pestille.

 

Il Mortaio

Sopra al caminetto affumicato
ora c’è rimasto solo il mortaio
coperto dalla tela di un ragno
che fa la guardia sopra al pestello.
silenzio intorno e odore di vecchiaia:
tristezza di passato che non torna,
voce di cose antiche senza suono
tanto sono lontane nel tempo.
Da quando si è spento e incenerito
il fuoco che ardeva nel camino?
Da quando non ha bollito la pentola?
Sopra al caminetto il mortaio,
che fa da testimone, non risponde.
Quanto sale ha pesato per tanti anni,
quanti sapori ha dato alle pietanze,
quante gioie di casa ha frantumato,
quanti dolori appresso s’è portato
il battere e gira gira del pestello!
Ora senza fumo dorme il camino,
si fa sempre più sporco il mortaio,
il ragno dorme sopra al pestello.

 

______________________
[1] poeta di Vinchiaturo( 1911- 1993)

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright: Altosannio Magazine 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.