Reginella Campagnola

Canzone del lontano 1938,ma tutt’ora molto in voga. Autori:E. Di Lazzaro C.Bruno

 

il toscano Buti fu interprete del più grande successo ascrivibile al filone “strapaesano”: la ballabilissima polka creata da C. Bruno ed Eldo Di Lazzaro.   In “Reginella campagnola” il molisano Di Lazzaro adottò come eroina una contadina dell’“Abruzzo d’or”: la pastorella di Di Lazzaro, che scendeva in città con l’asinello ma poi tornava dalle amiche al paesello, era solita cantare con voce armoniosa:
“Se vuoi vivere felice, vieni a vivere quassù”.
Il brano sembra scritto appositamente per il gaio suono della fisarmonica, e non a caso è diventato un classico dei balli contadini. Forse inconsapevoli della sua origine, alcune tifoserie calcistiche ne hanno adottato l’aria per intonare ritornelli dedicati al campione o all’avversario di turno

Il testo

All’alba quando spunta il sole,
là nell’Abruzzo tutto d’or…
le prosperose campagnole
discendono le valli in fior.

O campagnola bella,
tu sei la Reginella.
Negli occhi tuoi c’è il sole
c’è il colore delle viole,
delle valli tutte in fior!…
Se canti la tua voce,
è un’armonia di pace,
che si diffonde e dice:
“se vuoi vivere felice
devi vivere quassù!…”

Quand’è la festa del paesello,
con la sua cesta se ne va…
trotterellando l’asinello,
la porta verso la città.

O campagnola bella…
………………………………..

Ma poi la sera al tramontare,
con le sue amiche se ne va…
è tutta intenta a raccontare,
quello che ha veduto là in città.

O campagnola bella…
………………………………..

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Un commento

  1. Quanti ricordi!… quanta nostalgia!…Un canto che rasserenava i cuori..e che cantavamo tutti in coro sui sentieri della mia bella terra molisana… 

Rispondi a Malitte Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.