Home / Cultura / Cultura Popolare / Rə viérnə – L’inverno

Rə viérnə – L’inverno

di Gustavo Tempesta Petresine [1]

Rə viérnə

Ma chigna è brutt viernə sci mmaldìtt!
Acquanda vidə suol ghienghə e nirə.
N’ nze vedə chiù re culm de re titt
E nen ce sctienə foglie a quillə pirə.

Ca puozz ittà lu sanghə tiembə bruttə!
D’addrétə alla fenèsctra, che trisctezza!
E nenguə angora, malànnə ca je vattə.
Me sa ca m’haia fa le vine cuottə.

E so le quattre e già z’è fattə scurə!
Oh che scumbdazionə déndr all’alma!
Z’è fattə notte e fa le fridde purə
Re core ‘m biétt sembra ca ze tarma.

Ma la salgiccia déndrə alla vessora
Già sfreghelejéa e sa de vuonə.
Ce manga pochə pe ze coce ə allora
‘nziembrə arrə fièschə me la candə e sonə.

L’inverno

Ma com’è brutto inverno, sia maledetto
quando vedi sol bianco e nero
e non si vede più la cima del tetto
e non ci sono foglie a quell’albero.

Possa tu morire brutto tempo
da dietro la finestra, che tristezza
e nevica ancora, gli venga un accidente,
penso che occorra del vino cotto.

E son le quattro e già s’è fatto scuro,
oh che sconquasso dentro l’anima
è giunta la notta e fa un gran freddo
il cuore, in petto, sembra che geli.

Ma la salsiccia dentro la padella
sta sfrigolando e Sto arrivando! di buono,
Manca poco che sia cotta e allora
insieme al fiasco, me le canto e suono.


[1]  Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright: Altosannio Magazine

About Gustavo Tempesta Petresine

Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti.

Un commento

  1. Antonia Anna Pinna

    E si, la vita mescola sempre tanti ingredienti e ce li serve con candore; e a noi non resta che abbozzare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.