Home / Cultura / Cultura Popolare / Rə  verdə – Rio Verde

Rə  verdə – Rio Verde

di Gustavo Tempesta Petresine [1]

Sorgente di Rio Verde a Pescopennataro
Sorgente di Rio Verde a Pescopennataro

 Rə  verdə

Iə saccə ‘n acca
ca scorrə e glugghəjéa
‘mmiézzə allə prétə
ca zə porta ‘n zìnə.
E va sbattènnə e ‘mbonnə
e sciacquəjéa
accumbagnènnə
la canzona méa.

 

Area pic-nic di Rio Verde a Pescopennataro
Area pic-nic di Rio Verde a Pescopennataro

Rio verde

Conosco un’acqua
che scorre gorgogliando
in mezzo ai ciottoli
che si porta in seno.
Va sbattendo, bagna
e sciacquetta;
accompagnando
la canzone mia.

Questa poesia è tratta dal libro di Gustavo, NE CANDE edito da Edizioni SIMPLE  (si trova su internet)

3 Ne Cande...Copertina

_____________________________________
[1] Gustavo Tempesta Petresine, Nativo di Pescopennataro, si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati gli apprezzamenti e i premi che consegue continuamente.  Il suo libro di poesie più bello e completo si chiama “‘Ne cande,”

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine

About Gustavo Tempesta Petresine

Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti.

Un commento

  1. Mercede Carlomagno

    Dove sono andate le donne di Poggio Sannita che portavano le vrangloo?

Rispondi a Mercede Carlomagno Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.