Home / Cultura / Cultura Popolare / Quand nengue e tira viend e la storiella della vacca e dell’uccellino

Quand nengue e tira viend e la storiella della vacca e dell’uccellino

A cura di Enzo C. Delli Quadri

neve e vento

Quand nengue e tira ru viend
Quando nevica e tira vento,
Questo modo di dire va inteso in senso fisico (climatico) e metafisico.

 

Raffaele Di Ciocco  ci ricorda che
Quand nengue e tira ru viend endra davendr a ru cunvient   
Quando nevica e tira vento, entra dentro al (tuo) convento (ripàrati)

Pasquale Gallucci ci ricorda che……..
Quand sciocca e tira viend, alla cella statt attiend
Quando nevica e tira vento, stai attento al tuo….pisellino

Rocco Catolino   ci ricorda che
Quand sciocca e tira viend vatt piscia e vatt colc
Quando nevica e tira vento, fa i tuoi bisogni e vai a coricarti

A meglio comprendere questo modo di dire soccorre la storiella della vacca e dell’uccellino.

Un uccellino, nella neve abbondante, stremato dal freddo e sul punto di morire, incrocia una vacca che gli fa cadere addosso una voluminosa e vaporosa cacca. L’uccellino, un po’ stordito, risente subito del calore di quanto cadutogli addosso, riprende vita e, felice della nuova situazione, inizia a cinguettare. Da lontano, un lupo lo sente, lo avvicina e se lo mangia.

La storiella ha tre morali:
•    Non sempre chi ti mette nella merda lo fa a fin di male
•    Non sempre, chi ti ci toglie, lo fa a fin di bene
•    In ogni caso, quando ti ci trovi, conviene che tu te stia riservato e in silenzio.

Ecco: la terza morale ben si attaglia al nostro modo di dire, e cioè: quando la situazione è pericolosa o difficoltosa o piena di imprevisti, conviene starsene riservati a casa propria o, in altri termini, conviene non esporsi.

Insomma

Quad nengue e tira ru vient endra daveddre a ru cunvient   
Quando nevica e tira vento, entra dentro al (tuo) convento (ripàrati)

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

2 commenti

  1. Ma quel poro lupo mica poteva morire di fame? Tutti serviamo a qualcosa a questo mondo, e che quando lo scopriamo non tutti ne rimangono contenti se non hanno fede. A buon intenditore poche parole.

  2. Quando l’uomo riesce ad essere forte anche nel dolore, vivendolo da solo, allora è davvero ammirevole e…stoico. !

Rispondi a Bellisario Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.