Preghiera

2
807

 Testo e musica di Gustavo Tempesta Petresine [1]

Prejera

La luna l’assemeglie a sfoglia fina
mendre re ciele setaccia la farina
‘n gime asse munne vuoite ca sctà sotte
addù re iuorene è addevendate notte.

Ije sacce ca nen sctié ‘mbise a ‘ne mure
o ‘n gime arre marme fridde de n’aldare. 
Tu scié ‘mmièse alla gènda, ca la ‘ngusctia
ha avvelenièta e può ha lassàta suòla.

Te parle che la vocia ascì arrachìta,
te cande chi gna fusse ‘na préjera,
ca doppe re trapàzze de re juòrne vé la sera
che ri penziére e che la notte scura.

Famme addevendà farina fina
Le grane ca te porte arre mulìne;
amméscchece re liévete e famme essere pane
ca me siezia pe sèmbe chescta fame.

Velésse fa chille ca fa re viénde:
sciusciuà e zelluà che l’acca de la fonda
e arremerié la luna, ca me sembra sfoglia fina,
mèndre re cièle setaccia la farina.

preghiera

Preghiera

La luna l’assomiglio a sfoglia fina
mentre il cielo setaccia la farina
sopra questo mondo vuoto di sotto
dove il giorno è diventato notte. 

Io so che Tu non stai appeso al muro
o sopra il marmo freddo di un altare.
Tu stai in mezzo alla gente, che l’angoscia,
ha avvelenata e poi lasciata sola.

Ti parlo con la voce rauca,
canto a Te, come fosse una preghiera;
dopo il trapazzo del giorno viene sera
con i pensieri e con la notte scura. 

Fa che diventi farina fina
Il grano che io porto al tuo mulino,
mischiaci il lievito e fammi essere pane,
che mi sazia per sempre questa fame. 

Vorrei fare quello che fa il vento:
soffiare e scherzare con l’acqua della fonte;
rimirare la luna che assomiglio a sfoglia fina
mentre il Tuo cielo setaccia la farina.

____________________________
[1] Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti.

[divider] Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine [divider]

 

 

2 Commenti

  1. Senza parole. Questo deve fare la poesia. Lasciarti a baocca aperta. Gustavo ha una vena così brillante che condivido e poi leggo, in questo caso ascolto. Bellissima preghiera

  2. Una bella poesia di Gustavo Tempesta Petresine.
    Un canto all’amore, un canto alla vita, un canto al dolore … che ci stringe il cuore e che l’autore presenta come una struggente preghiera …, utilizzando le immagini degli elementi semplici della vita di ogni giorno, della natura.
    Grazie, Gustavo Tempesta Petresine!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.