Home / Cronaca / Attualità / Poeti dialettali. Nuovo lavoro di Domenico Meo

Poeti dialettali. Nuovo lavoro di Domenico Meo

Poeti dialettali

L’11 maggio prossimo, a partire dalle ore 17.00, nel Teatro Italo Argentino di Agnone sarà presentato il volume Poeti dialettali di Agnone di Domenico Meo (13 poeti, 136 poesie con traduzione, 2 CD audio allegati). A mettere in versi l’idioma locale sono: Giuseppe Delli Quadri, Donato Amicarelli, Camillo Carlomagno, Felice Di Rienzo, Valentino Nero, Sergio E. Labanca, Felice Pannunzio, Michele Di Ciero, Ugo D’onofrio, Giuseppe Merola, Franco Porrone, Antonino Patriarca e Domenico Meo. La selezione, fra circa settecento composizioni di cui più di un terzo inedite, è stata lungamente meditata per numero e qualità. Per facilitare la comprensione dei testi e non ridurne la fruizione ad una zona troppo circoscritta, si è prestata particolare attenzione alla trascrizione del dialetto, indicando segni grafici e fonetici abbastanza fedeli e uguali per tutti i poeti senza modificare i contenuti originali.

Possiamo osservare che al presente si riduce sempre di più il numero di coloro che parlano il dialetto e a farne uso sono le persone più anziane; quel che resta di un patrimonio tanto prezioso si conserva soprattutto nei paesi. Per una serie di motivazioni, spesso errate, esso è stato quasi sempre considerato esclusivamente come la lingua del popolo; a ciò si aggiunga lo scarso interesse di ragazzi e giovani, che scaturisce dagli atteggiamenti di preclusione delle famiglie e dall’indifferenza della scuola: «L’italiano non è più un patrimonio di pochi e dunque non c’è bisogno di condannare il dialetto per salvarlo». Se ne può dedurre che «Non ci sono dunque ragioni funzionali per abbandonare il dialetto mentre ci sono ragioni culturali e d’identità, al contrario, per mantenerlo. Ė una sfida che vale la pena di raccogliere».

Nel piccolo l’abbiamo raccolta e ora speriamo che il nostro contributo possa stimolare gli animi che il più delle volte sono assopiti, rinunciando alla sfida. Deve far riflettere che i poeti più giovani fra quelli menzionati hanno superato i cinquant’anni! Se l’impegno per recuperare non viene supportato dalla voglia di offrire un futuro migliore alla lingua dialettale, il tentativo risulta pressoché vano. Non dobbiamo dimenticare che un’altra fonte di rischio è il mondo globale e culturale in continuo fermento i cui confini sono incontrollabili ed esposti a fratture sociali che produrranno chissà quali cerimoniali. Oggi ogni idioma vero va salvaguardato con fermezza e impegno dall’arrembante omologazione del tutto.

Per tutti questi motivi salutiamo con gioia la pubblicazione della silloge Poeti dialettali di Agnone. Quali che siano i suoi meriti artistici, essa costituisce un irripetibile bene culturale ed un esempio da imitare anche in altre realtà nazionali. E, dunque, nella speranza che possa diventare punto di riferimento per future ricerche, le auguriamo tanto successo.

 .

Il libro di formato A5 (cm 14,8 x 21)  è di 336 pagine. La presentazione è stata curata dal critico letterario Prof. Nicola Fiorentino. In copertina, cartonata plastificata lucida, si può ammirare il dipinto di Pasquale Verdone Red horizontal, 2004.Opere dello stesso pittore sono gli schizzi delle biografie (Poeti dialettali di Agnone, 2014), la copertina del libretto e le serigrafie dei CD (Rosso Carminio, 2004).

Infatti al volume sono allegati due CD-Audio registrati e ottimizzati dalla Viscion Studio di Giuseppe Viscione. Le poesie sono declamate da Saverio La Gamba (Amicarelli, Carlomagno, Labanca), Antonino Patriarca (Delli Quadri, Di Rienzo, Patriarca), Domenico Meo (Nero, Pannunzio, Di Ciero, Meo), Ugo D’onofrio (D’onofrio), Giuseppe Merola (Merola) e Nicole Massanisso (Porrone).

Prenderanno parte all’evento il Sindaco di Agnone Michele Carosella, il presidente della Pro Loco della cittadina altomolisana Giuseppe Marinelli, il critico letterario Prof. Nicola Fiorentino, il Presidente del Centro Studi Alto Molise Ida Cimmino, il compositore e cantante Michele Delli Quadri, i poeti Felice Pannunzio, Ugo D’onofrio, Giuseppe Merola, Antonino Patriarca e Domenico Meo e ancora Saverio La Gamba e Nicole Massanisso con le loro ottime voci.

MANIFESTO PRESENTAZIONE LIBRO DOMENICO MEO

Prezzo di copertina € 25,00
La sera della presentazione il libro sarà venduto a 20 euro.
Prenotazione sig. Domenico Meo, mail: meo1961@alice.it; tel. 0865-78647, cell. 331-4907476.

Prezzi compresi di spedizione postale:
Italia € 25, Europa € 30, Stati Uniti d’America e Canada  € 35,  Australia € 40.
Il pagamento può essere effettuato tramite Bonifico bancario
Banca Unicredit Agenzia di Agnone
Codice IBAN  IT66L0200878071000400115484
(per estero) BIC UNCRITM1NA1

Domenico Meo[1]

 

____________________
[1]
Domenico Meo, Abruzzese di Castelguidone (CH), ma agnonese di fatto, lavora alla Asrem di Agnone (IS). Si occupa, in termini scientifici, di dialetto, riti, usi e tradizioni popolari. Tanti i suoi libri, su cui giganteggia il Vocabolario della lingua di Agnone.

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.