Home / Cultura / Cultura Popolare / Gustavo Tempesta Petresine – Mulise

Gustavo Tempesta Petresine – Mulise

Questa poesia esprime, in particolar modo nell’ultima strofa, tutta la sofferenza dell’umano sentire della popolazione dell’Altosannio : “Tu credevi che i tuoi figli potessero tornare…. …..si sono sparpagliati per il mondo e di loro è rimasta solo l’ombra”.

.
Pescopennataro
Pescopennataro

.

Mulise

Atterteruate ‘n bacce all’appennine
t’jene annascuoscte all’uocchie de nesciune
t’jene ‘nzerrate,e fore ciele e terra
fiène cunbine gne re mesengune.

T’jene lassate ciende e ciende pecra,
re pecheriere ca ze n’jene jute
e ‘n gé menute manghe criscte muorte
a pasce chiscte terre cannarute.

Tu t’ire crise ca re figlie tié
turnassere a ssa mandra.
Ma z’jene sparpagliete pe re munne.
De lore te arremascta sole n’ombra.

About Gustavo Tempesta Petresine

Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.