Home / Cultura / Cultura Popolare / Me scì ‘ccioise! – Mi hai ucciso

Me scì ‘ccioise! – Mi hai ucciso

Poesia di Giuseppe Jacovone

.

Me scì ‘ccioise!

S’è ditte e s’aredoice, e nn’è busciojja,
ru fatte de nu buone vecchiarielle
che iette a Dun Andogne Cardarielle
pe fàrese levà la mmalattòjja.

Decette Dun Andogne (all’use sojja):
“Attiente a le magnè; statte ‘nciurvielle;
mo niente pòipe e niente ciuciarielle,
nnò sagne e nnò presutte, e ‘ssa fa ‘Ddojja….

E manghe vòine! Gna sentette “vòine”
ru povere banèome se facette
de faccia gnè na faccia de cusciòine….

Decette: “Sciò,la dieta l’arespette,
ma chella de lo vòine… è troppe pòise….
Ss’è chesse, Dun Andò, mo me scì ‘ccioise!”.

.
undefined

.

“Mi hai ucciso”

Si è detto e si ripete, e non è bugia
il fatto di un buon vecchietto
che andò da Don Antonio Cardarelli
per farsi curare una malattia.

Disse Don Antonio, all’uso suo
“Attento a quel che mangi, stà attento
adesso niente pepe e “leccornie”
niente sagne e prosciutto e lascia fare a Dio

E neanche vino! Nel sentire “vino”
il pover’uomo fece
una faccia come quella di un cuscino

Disse: Sì, la dieta l’accetto
ma quella del vino … è di troppo peso
Se è così, Don Anto’, mi hai ucciso.

editing: Enzo C. Delli Quadri

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.