Home / Cultura / Cultura Popolare / Canzoni e Filastrocche / Pit’ P’telle in Altosannio

Pit’ P’telle in Altosannio

di Benedetto Di Sciullo, Giovanni Mariano,  Minella Busico Marcovecchio,  Flora Delli Quadri

Questa filastrocca era usata comunemente per fare la conta. Spesso però, nelle sere d’inverno, veniva recitata per fare un gioco che si chiamava appunto pite pitelle”. I partecipanti si mettevano seduti in cerchio (di solito intorno al camino o ad un braciere) e uno di loro, estratto a sorte, iniziava la conta dei piedi dei concorrenti recitando la filastrocca seguente. Quando la conta finiva, il piede su cui cadeva l’ultima sillaba della filastrocca, doveva essere tirato indietro dal concorrente. La conta poi ricominciava saltando i piedi che si trovavano in posizione arretrata. Vinceva chi, per ultimo, restava con un solo piede in avanti.

Nei ricordi di Benedetto Di Sciullo, Giovanni Mariano di Fallo CH

Pite pitelle
caruòfene bielle
taglia pane e ficche curtielle
iesce fore tu pillastrelle

Pite pitelle
garofani belli
taglia pane e ficca coltello
esci fuori tu pollastrella

.

camino 1

Nei Ricordi di Minella Busico Marcovecchio di Agnone

Pit p’tella c’lor s’s bella,
Santa Maria ru scalcator
figle de re figle de re,
artira su’ ped ca tocca a te

Pite  p’tella  d’oro s’imbella
Santa Maria, lo scalcatore (colui che leva il calcagno)
Figlia di re, Figlia di re
Ritira il tuo piede, perché tocca a te.

.

camino 1

Nei ricordi di Flora Delli Quadri di Agnone

Pit  p’tella c’l’or s’s bella
Santa Maria ru scalcator
pit p’ccion m-nit a jucà
Figlia d re, figlia d re
Artira su ped ca tocca a te

Piede, piedino d’oro s’imbella
Santa Maria lo scalcatore (colui che leva il calcagno)
piede piccino (e non piccione) venite a giocare
figlia di re, figlia di re
ritira il piede, perchè tocca a te

Copyright Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.