Home / Cultura / Cultura Popolare / Pillola di folklore 3 –  I giorni della vecchia

Pillola di folklore 3 –  I giorni della vecchia

di Domenico Di Nucci
tratta da “Agnone, il paese dov’era sempre mezzogiorno”[1]

foto by Lisa Knechtel

In questo mondo spietatamente tecnologico, in nome di un’equivoca e malintesa esigenza di civiltà, c’è sempre meno spazio per la fantasia.

I modi di vivere sono mutati profondamente e lentamente tutto un patrimonio culturale basato sull’esperienza si dissolve nel nulla. Oggi le previsioni del tempo sono conseguenza di fotografie trasmesse dai satelliti, di elaborazioni elettroniche, di modelli matematici; un tempo, da padre in figlio, si tramandava tutto un bagaglio di nozioni, di osservazioni, di leggende.

La tradizione, nel tentativo di dare comunque una spiegazione ad ogni fenomeno, attribuiva anche ai mesi un carattere che in parte rifletteva le predominanti condizioni climatiche dei suoi giorni: aprile dolce, febbraio corto e fetente, marzo pazzo. Però, come in tutte le cose di questo mondo, spesso erano le eccezioni a solleticare la fantasia alla ricerca di spiegazioni che oggi possono essere riviste con un sorrisetto malizioso.

E’ ancora viva nella nostra cultura la simpatica e piacevole spiegazione riguardante le variabili condizioni meteorologiche dei primi giorni di aprile.

Narra la leggenda, che un’arzilla vecchina vivesse in una casupola e traesse di che vivere da un piccolo gregge. Non si sa perché e non si sa come, ma marzo, il pazzo, decise che quella vecchina dovesse morire in uno dei suoi giorni; però anche la vecchia, avendo consultato una strega preveggente, sapeva che doveva guardarsi dai capricci di marzo e così evitava perfino di uscire dalla casupola non fidandosi affatto né del cielo sereno, né delle nuvole sparse. E più la vecchia si salvaguardava, più marzo si accaniva e giù acqua e sole, vento e saette a ciel sereno. Alla fine, marzo, esasperato, impotente e furioso più che mai, si recò da aprile e tanto fece e tanto disse che lo convinse a prestargli almeno 5 giorni. La vecchia non seppe dell’imbroglio e fiduciosa, proprio il 5 d’aprile, portò le pecore al pascolo; finì i suoi giorni in un’apocalittica tempesta! Ma marzo, pazzo com’era, si dimenticò di restituire al dolce aprile quanto avuto in prestito e tanto meno il dolce aprile si azzardò mai a reclamare indietro quanto prestato ed ecco che quei giorni, prolungamento di marzo, sono ancora oggi indicati come i giorni della vecchia (coda dell’inverno).


[1]  In questo libro,Domenico, nativo di Capracotta, abbandona la nostalgia per i posti a lui familiari e si immerge nel territorio scelto da suo padre detto Carmǝnuccǝ ru salaruólǝ, (usava dire: La tua patria, è il posto dove stai bene. E scelse di vivere in Agnone). Tesse, così, un arazzo intrecciato dai variopinti fili della storia, del folclore, dell’aneddotica e dei ricordi che vengono esposti intre sezioni:  Pillole di Storia, che o vanno a colmare lacune e omissioni dei testi finora pubblicati o sono degli inediti, convinto di dare così un apporto costruttivo al grande mosaico che è la storia di Agnone; Pillole di Folclorecon l’evidenziazione di usi e costumi persi nel tempo, come le “cacciòttǝ” di frutta, il fuoco di San Michele, La scuracchjéata, la frasca, la candóina, la passatella, e altri; Personaggi, tratteggiati con perizia, maestria e malinconia perché conosciuti da vicino oppure attraverso i loro racconti. Le foto provengono dal suo archivio e da archivi privati; le parole o le frasi contenute tra due parentesi sono sue note. Cliccando su questo link potrete accedere alla Prefazione e all’Introduzione del libro http://www.altosannio.it/agnone-il-paese-dovera-sempre-mezzogiorno-prefazione-e-introduzione/.Chi fosse interessato al libro può scrivere a dinucci.domenico@gmail.com.

EditingEnzo C. Delli Quadri
Copyright: Altosannio Magazine 

 

About Domenico Di Nucci

Domenico Di Nucci, Molisano di Capracotta(IS), già Prof. di Matematica, oggi in pensione. Giornalista, sportivo, adora la tradizione della sua terra. La racconta con scritti storici, ma anche satirici e ironici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.