Home / Cultura / Piette – Seno

Piette – Seno

Poesia di Antonia Anna Pinna
in dialetto di Villalago

Bernardo Strozzi – Natura Morta con Donna Figurante

Piette

Volesce darte le piette meje
pure se sacce ca le muccechisce a sangue
Le delore teje a fatte le gire de le munne
ma è remenute a magna
Sacce quile ch’è patejete, le sacce b’bune
m’ma fusce a ne quadre de natura morta
m’ma na fegoura ca dejece i che fa’
Niente ‘cene sparagnate
le calece ce l’eme n’gullate a forza
ma ce remaste n’ganne
Eme perdute la n’genuità j nen puteme lavà
le piande nuostre che nesciune sapone
La mane tremande de Deje; sol’essa c’accoglie
che le carezze ca ce facescene sendeje angora le stesse

Seno

Vorrei offrirti il mio seno materno
anche se so che lo morderesti a sangue
Il tuo dolore è andato in giro per il mondo
ma è tornato per cena
So quello che hai patito, ne ho certezza
che mi dipinge in un quadro di natura morta
come figura narrante e partecipe
Niente ci è stato risparmiato
il nostro calice l’abbiamo ingollato a forza
ma ha corroso il canale di discesa
Abbiamo perso l’ingenuità e non possiamo lavare
il nostro pianto con nessun sapone
La mano tremante di Dio; solo lei ci accoglierà 
con carezze che potranno farci sentire ancora uguali.

Copyright: Altosannio Magazine
EditingEnzo C. Delli Quadri



About Antonia Anna Pinna

Antonia Anna Pinna, Abruzzese di Villalago (AQ), lavora in Banca d’Italia. Ama la scrittura e, in particolare, la poesia che nasce dal suo profondo amore per ogni forma di vita, dal suo essere donna, madre e moglie.

Un commento

  1. FINE SENSIBILITà POETICA…CON CHIARI SPUNTI DI FEDE E DI RIFLESSIONI UMANE…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.