Home / Cronaca / Attualità / Economia e Politica / Petizione ai Governatori Chiodi e Frattura: Fiscalità agevolata per l’Alto Sannio

Petizione ai Governatori Chiodi e Frattura: Fiscalità agevolata per l’Alto Sannio

Ai governatori dell’Abruzzo, Gianni Chiodi e del Molise, Paolo di Laura Frattura e ai consiglieri regionali delle due regioni.

.

 

clicca qui e firma http://chn.ge/1gt9z59

.

Chiediamo che il territorio dell’ Almosava-Altosannio venga RIAGGREGATO e che venga dotato diFISCALITA’ DI VANTAGGIO E BUROCRAZIA FACILITATA.

Nel peggior momento socio-economico che l’Italia sta vivendo dal secondo dopoguerra ad oggi, concedere una fiscalità di vantaggio per il territorio dell’Almosava-Altosannio che attualmente si annovera tra i meno densamente popolosi della nazione (parliamo di centri abitati ormai ridotti al lumicino, poche migliaia di residenti in un area di centinaia di chilometri quadrati), non comporterebbe un aggravio di spesa insostenibile e sarebbe l’unico veicolo perseguibile per porre un argine all’emorragia demografica in quanto si verrebbero a creare, a breve termine, posti di lavoro non occasionali e non precari.

ALMOSAVA, acronimo di AL-to MO-lise SA-ngro VA-stese, sta a indicare quella terra che, intorno al corso medio alto del Sangro, con il Verrino e l’Alto Trigno, fu il luogo di origine della nazione sannita(ALTOSANNIO) che per almeno cinque secoli (VI – I a.C) ebbe il suo cuore pulsante tra Castel di Sangro , l’antica Aufidena, gli altopiani di S. Pietro Avellana, Carovilli e Vastogiradi, CapracottaPescopennataro,Agnone e Pietrabbondante. Quelli che oggi sono territori di confine, in origine confine non avevano. Fu da qui, secondo il Mommsen le cui teorie oggi vengono confermate dai più recenti scavi di Pietrabbondante, che essi fecero migrare generazioni di giovani per espandersi nelle valli di Isernia-Venafro e Bojano-Sepino per costituire i Pentri e poi, un secoli di primavere sacre, verso Benevento e la Campania per formare Caudini, Hirpini e Lucani. Il santuario di Pietrabbondante fu il luogo politico e sacro ove tutti i Sanniti si riconobbero come nazione fino alla fine (82 a.c.). Una storia straordinaria che il nostro amico Nicola Mastronardi ha portato alla luce con il suo romanzo Viteliù e che dovrebbe consentire a tutti gli almosaviani di rialzare la testa.

Esso è stato sfregiato da chi lo ha pian piano smembrato fino a sottoporlo, 50 anni fa, a 2 regioni e 4 province, creando condizioni di desertificazione morale e materiale inaccettabili. Con il PROGETTOALMOSAVA lo si vuole riaggregare. Nel caso esso non venisse riaggregato sotto una sola Regione, lo sfregio continuerebbe. Un vero Sacrilegio.

La riaggregazione è resa possibile dalla modifica che la Goverance Italiana sta subendo sotto i colpi della Crisi Finanziaria Nazionale e Internazionale, con le note ricadute sull’Ordinamento dello Stato e, conseguentemente, delle Regioni, delle Provincie e dei Comuni.

La fiscalità di vantaggio e una burocrazia facilitata possono essere riconosciute risparmiando sulle spese della politica, a risarcimento della suddetta desertificazione,  con l’obiettivo di una inversione di tendenza.

.

clicca qui e firma http://chn.ge/1gt9z59


 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.