Home / Cultura / Cultura Popolare / Papa Wojtyla la baciò, Chicca non scalciò

Papa Wojtyla la baciò, Chicca non scalciò

Successe in Agnone il 19 marzo 1995

bacio Papa a Chicca 19.3.95 (2)

Nella vita avere opportunità di incontrare e parlare con un Santo è un privilegio unico. Giovanni Paolo II ha dato questa opportunità a molti. A me ha concesso due grandi emozioni.

La prima emozione è legata ad un sentimento del tutto mio. Quando baciò mia figlia Francesca e la benedisse. Parliamo della storica visita del 19 marzo 1995, quando Karol Wojtyla venne anche ad Agnone. Nonostante il Pontefice barcollasse perché non in perfetta forma fisica, mentre stava scendendo le scale del palco eretto lungo il corso di Agnone (in quella che dovrebbe essere e purtroppo non è piazza Giovanni Paolo II°), appoggiato ad un bastone, si girò subito al mio richiamo. “Santità la benedica” gridai sollevando fino a dove l’estensione delle mie braccia lo consentissero, Chicca (Francesca) che allora non aveva ancora due anni. Il Papa immediatamente stava facendo ritorno sui propri passi quando un bodyguard mi strappò la piccola dalle mani e la portò al cospetto del Santo Padre. Wojtyla ripetette il gesto che aveva fatto precedentemente con Antonio Melom, il piccolo bimbo di colore e di una simpatia unica (lo è tutt’ora) della comunità di Lisetta D’Onofrio. Baciò e benedisse Chicca. Era, quello di mia figlia, il periodo che scalciava con tutti gli estranei. Io con mia moglie Floriana tribolammo per il timore che la piccola rifilasse un calcio al Papa sotto gli occhi attenti di migliaia di fedeli e gli obiettivi di fotografi e cineoperatori. Ma tutto andò, fortunatamente, liscio.

Papa ad Agnone 1Papa ad Agnone 6

La seconda emozione, appartiene alla mia vita giornalistica. Grazie ad Enrico Marinelli, responsabile allora della sicurezza del Papa, come inviato di TVI (Teleisernia) con il cameraman, ci posizionammo nell’aula Nervi a pochi metri da Giovanni Paolo II°. Mi sentivo quasi ridicolo con la nostra piccola telecamera color arancione vicino ad attrezzature super professionali della Rai, della televisione Canadese, Francese e di altre parti del globo. Quando finì l’udienza del Santo Padre, i “colleghi” con i loro nuovi tecnologicamente radio-microfoni (quelli senza filo) si avvicinarono per le interviste di rito al Papa. Noi avevamo il microfono con il filo e per giunta corto. Arrivai ad un paio di metri dal Pontefice quando il filo teso al massimo non mi diede la possibilità neanche di fare un passo in più. Mi girai sconsolato verso il cameraman per comunicargli solo con lo sguardo la mia delusione di non poter registrare la voce di Wojtyla. Fu lo stesso Pontefice, che aveva seguito tutti i miei passi, a comprendere il mio disagio. Fu lui ad avvicinarsi e portare con sé tutti i giornalisti a seguito, dandomi l’opportunità di potergli avvicinare il microfono. Lo ringraziai con un sorriso. Lui mi rispose con un sorriso e con uno sguardo intenso che non dimenticherò mai.

Wojtyla: il più grande comunicatore ed evangelista che la Chiesa cristiana ha avuto dopo Gesù.

 

Vittorio Labanca[1]

 

_________________
[1] Molisano di Agnone (IS), lavora all’Asrem di Agnone. Giornalista appassionato,  ha collaborato con testate nazionali (Il Tempo e Il Mattino) e regionali, sia radio-televisive, sia cartacee.  Scrive, oggi, per Il Quotidiano del Molise e da oltre 22 anni è Direttore Responsabile del mensile agnonese L’Eco dell’Alto Molise.

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.