Home / Cultura / Cultura Popolare / Papà – Poesia

Papà – Poesia

di Tiberio La Rocca[1]

padre e figlio

Papà

Papà, arepeteva,
papà, e mmò ndo stè?
Stè mmène a le Signore,
e i’ penze sempre a te.

Le miedeche menette,
facette tarde assè
è muorte può decette,
pecchè è secciesse a te.

I’ me garduova attorne,
e nonna che chiagneva
n-teneva cchiù le lacreme,
che pena che faceva.

Trentènne so passate,
pur i’ mò so papà
però chella matina,
chi ze la pò scherdà.

Papà, arepete angora,
papà e mmò ndo stè?
Stè mmene a le Signore,
e i’ penze sempre a te.

 

Papà

Papà, io ripetevo,
papà, adesso dove sei?
Sei nelle mani del Signore,
ed io penso sempre a te.

Il dottore venne,
ma fece molto tardi
è morto, poi disse,
perché è successo a te.

Io guardavo intorno a me,
e nonna che piangeva
non aveva quasi più lacrime,
faceva una gran pena.

Sono passati già trent’anni,
sono papà anch’io
ma quella mattina,
è impossibile dimenticarla.

Papà, ripeto ancora,
papà, adesso dove sei?
Sei nelle mani del Signore,
ed io penso sempre a te.


___________________________
[1] Tiberio La Rocca, Molisano di Poggio Sannita (IS), coltiva da sempre la passione per la poesia e in particolare per il dialetto di origine; ha pubblicato molte raccolte di poesie, con le quali ha ottenuto riconoscimenti e premi.

 

About Tiberio La Rocca

Tiberio La Rocca, Molisano di Poggio Sannita (IS), coltiva da sempre la passione per la poesia e in particolare per il dialetto di origine; ha pubblicato molte raccolte di poesie, con le quali ha ottenuto riconoscimenti e premi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.