Pantàsema: stregheria negli Abruzzi (XII) – La biastème de la stré – La maledizione della strega

0
759

di Rita Cerimele[1]

strega osteria

Streghe e Zingare: sempre più confusione aleggia nell’aria, anche davanti a un bicchiere di vino all’osteria, dove ci si recava per smaltire le fatiche di una giornata di lavoro o per una partita a carte con gli altri uomini del paese. Sempre più confusione regnava nei cuori, troppe erano le credenze, troppe le superstizioni e le maledizioni in cui si credeva.
Delle streghe si tornerà di nuovo a parlare per non dimenticare chi fossero in realtà queste donne, il cui appellativo è sopravvissuto fino ai nostri giorni, con aneddoti, racconti, documenti.
Il tutto per restituire loro la giusta dignità e far sì che quelle ceneri non rimanessero perdute nel vento.
Il racconto che segue, di Maria Pia Palesse nel dialetto di Sulmona, è tratto da Voce e Cultura:  Malincontri-Quaderno Peligno n.12 a cura di Marco Del Prete e Concettina Falcone.

><><><><

«Tatóne se truhève a la cantine nghe la cricche de i sì de lu quartiére denanze a lu huccale de le vine pe iucà a carte mmà tutte le sére. Malappé cumenzì la passatélle s’appresentò na zengaraccia nére a rentrunà de cante le cervélle nghe chéla vócche gna na cemenére. Tatóne mì, che jève n-pó’ ngazzuse e se stève a scuccià de chéla lagne, mméce a dàje du só’, cummà s’aùse, auzì la mane a dàrie na papagne. La zéngara lendanne avè pijate na rénze, biasteménne la pianéte ntraménte mmà nu jéle ève calate na la stànzie dattórne a la cungréghe.
Dapù che repejìsene lu fiate s’arrabbellì chi stève a la cantine cóntr’a tatóne mì ch’avè gnuriate na zéngara ca ève malandrine. E a mézza vócche vune je decì ca chéle putèv’éssere na stréhe, e lésta-lèste n-brónte se segnì p’alluntanà da isse la biastème. Tatóne, ca ‘n s’hulève dà pe vinte ma sótte-só’ tené na cacavèsce d’arremané iucà, facì la finte pe nen fasse addunà ch’avé la prèsce.

«Mio nonno si trovava alla cantina con la cricca degli amici del quartiere, seduto dinanzi al boccale di vino, per giocare alla partita, come ogni sera. Appena iniziò la passatella si presentò una zingaraccia nera, a stordirgli le cervella con i canti, e la sua bocca pareva una ciminiera. Il nonno mio, un poco permaloso, si stava infastidendo con quella lagna e invece di darle i soldi, com’era d’uso, alzò la mano minacciando uno schiaffone. La zingara scappando via, lanciò ai presenti un anatema che solo a sentirlo, nella stanza dov’era riunita la congrega, calò un gran gelo.
Le persone che erano con mio nonno, appena ripresero fiato, si ribellarono contro di lui, perché aveva osato insultare la zingara, una zingara malandrina. Uno di loro a bassa voce sussurrò che si poteva trattare anche di una strega, così, di nascosto, si segnò la fronte per scongiurare la bestemmia blasfema. Nonno, che non voleva darsi vinto ma dentro di sé teneva la paurella di restare a giocare, fece finta, per non dare a vedere, di avere fretta.

 

strega osteria2

Gnunte che fu alla case, arrepensève chéle che se dicé n-chélla ccasióne quanne t’avé mannate la biastéme na zéngare, nu maghe, o nu strióne. Se curechì nghe tutta la famije, na stànzia sóle, mmà a chie tiémpa chì, lu cetelille n-miézz’a móje e fije, pe fallu sta cchiù calle lu mettì. Quanne je rehescì de pijà suónne, a péte de na cérque cungrehate sunnì le stré allu cìtele attuórne l’antussecà nghe iérve affatturate. A mézza nótte apù se resbejì, alle scure attentì pe la lettiére lu cìtele, ma nen lu retruhì, pirciò s’auzì a pijà lu cannelière. S’arcurdì de la stré e de la biastéme, na sudarélle je calì pe la schine, n’azzecchève a truhà chéla lumére, e dapù ‘n s’appeccève lu stuppine; ma manche nghe la lume se vedève, cuscì treménne cumma nu cunìje arresbejì la móje che durmève e s’arsbejirne pure j’àutre fije.
Nen se pó’ dice quala parapije succedì na la stanzie chéla nótte quanne s’auzì la móje nghe i fije e la rehutechirne sópre e sótte. La móje ch’allucchève ma na bèlve i fije che zumbìvene nde qua e là e pensénne sta’ fa’ nnascunnarélle mpeccìvene chiuttóste ch’aiutà.
Ma n-miézze a stu rehuóteche mbernale che putève fernì fenanche male, cirche ca cirche ndò sta lu quatrale, s’ève nzaccate sótte nu huanciale!»

Giunto che fu a casa, ripensava a quello che si diceva in quell’occasione, quando t’aveva gettato la maledizione una zingara, un mago o uno stregone. Si coricò con tutta la famiglia in una sola stanza, come si usava, sistemando il piccolino in mezzo a moglie e figli per farlo stare al caldo. Quando infine riuscì a pigliar sonno, ai piedi di una quercia sognò le streghe attorno convenute, che avvelenavano il piccolino con erbe stregate. A mezzanotte, poi, si risvegliò cercando a tastoni nel buio, per il letto, il piccolino ma non lo trovò, perciò si alzò a prendere il candelabro. Ripensò alla strega e all’anatema e un sudore freddo gli corse per la schiena,  tremava e non riusciva a trovare il lume e, trovatolo, non riusciva ad accendere lo stoppino; ma neppure con la lampada si vedeva, perciò tremando come un coniglio svegliò la moglie che dormiva, e con lei si svegliarono anche gli altri figli.
Quella notte nella stanza ci fu una grande confusione.
La moglie urlava concitata, i figli saltellavano di qua e di là pensando di giocare a nascondino, e invece di aiutare, intralciavano.

Fu così che in tutto quel parapiglia, cerca che ti ricerca dove stava il bambino… questo, quatto quatto, s’era infilato sotto al suo cuscino!»

 

_____________________________
[1] Rita Cerimele: molisana di Agnone (IS), ama scrivere racconti memory, fantasy e favole. Compone poesie in tutte le sue forme, da quelle tradizionali, Endecasillabi e Sonetti a quelle più innovative, come l’Haiku e altri componimenti di origine giapponese traslitterati nella propria realtà occidentale. Tra le sue pubblicazioni si annoverano due favole adatte a tutti: “La Bambina con la Valigia Rossa” e “Abbiamo Tanto da Dire” Casa Editrice – Etica Edizioni.

[divider] Editing: Flora Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine [divider]

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.