Paese

1
820

di Antonia Anna Pinna [1]

Villalago
Villalago

Povere paese meje; abbandunate.
Le vie so’ pulite; o so’ ammantate?
L’ case se strignene forte m’piette
P’ resenti na voce o nu lamiende.
C’ remeneva sempre   ’mende
quande stevame tutte; cor a core.
La casa me pareve na’ stazione
Chi n’dreva e sciva tutti i quart’ore.
I quatranielle stevane dafore
A fa sembre cummeddia e confusione.
Mo’ quanta gente è jita assai lundane
P’ fa na’ vita bona e repusata.
Soltante l’orologge de la torre, n’sa’…
Che c’ ‘ne remaste sul’isse, a fa curagge
A viecchie, lupe, urze j poca gregge.
Le tiembe bielle de na vota
So’ ite a repusa dendre alla gende
Pe fa n’scrigne de recuorde d’ore
Che s’ rabbivane d’estat’ sulamende.

Villalago
Villalago

Povero paese mio; abbandonato.
Le vie sono sgombre o ha nevicato?
Le case si stringono forte il petto
Per risentire una voce o un lamento
e ritornava sempre alla mente
Quando stavamo tutti; cuore a cuore.
La casa mia sembrava una stazione;
Chi entrava o usciva ogni quarto d’ora.
I ragazzini stavano di fuori
A fare lo scompiglio e confusione.
Ora quanta gente è andata assai lontano
Per fare una vita buona riposata.
Soltanto l’orologio della torre non sa’…
Che è rimasto solo lui, a fare coraggio
A vecchi, lupi, orsi e poco gregge.
I tempi bello di una volta
Sono riposti dentro al cuore della gente
Per fare uno scrigno di ricordi d’oro
Che rivivono d’estate solamente.

30/11/2015

_______________________________
[1] Antonia Anna PinnaAbruzzese di Villalago (AQ), lavora in Banca d’Italia. Ama la scrittura e, in particolare, la poesia che nasce dal suo profondo amore per ogni forma di vita, dal suo essere donna, madre e moglie.

[divider] Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine [divider]

 

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.