Home / Cultura / Paese mè, mantiemme sempre štrette

Paese mè, mantiemme sempre štrette

Celenza sul Trigno by Abruzzo Turismo

Rodrigo Cieri

L’amore forte j’ha lehate
a mè e tè pe na vite. 
Tempe de guerre 
e paese occupate 
forte la mane me si ’fferrate
e piane piane 
la forme me si date.

Paese  dištese a la culline, 
paese addò ze sajje da la valle
e scegne da lu monte,
e dentre truve tante de scalette; 
t’aggire turne turne
e gude lu cchiù belle panorame; 
te ’ncante la Maielle 
e llà  lu mare addò lu Trigne 
che t’abbagne ze porte appresse  
le suspire e la speranze.
T’arivešte lu sole pe la fešte;
puranche ncappucciate da le nuvele 
lu vente tu respire
che t’arrenne l’aria fine.

«E mo attocche a tè a fà la parte!»
 la chiamate forte e chiare m’è rrivate 
«t’attocche a fà lu cape!»
La scole e la culture, 
cumune e la pulitiche;
l’unore me si date e t’aringrazie,
alte lu nome tè le so tenute. 
Eppure na ferite 
troppe a fonne è iute. 

La luntananze appicce lu pensire
che vole sempre a tè.
Ma bašte che t’arvede pe nu ccone
ogne prete è nu ricorde: 
ujje come ire
lu core vatte forte d’emozione.
E camine camine 
a lu sole che cale, 
ma quanne è fatte notte
mantiemme sempre štrette.

Paese mio, tienimi sempre stretto

L’amore forte ci ha legati / me e te per una vita. / Tempi di guerra / e paese occupato / forte la mano mi hai afferrato / e piano piano / la forma mi hai dato. //

Paese disteso sulla collina, / paese dove si sale dalla valle / e si scende dal monte, / e dentro trovi tante di scalette: / ti giri torno torno / e godi il più bel panorama; / t’incanta la Maiella / e là il mare dove il Trigno / che ti bagna  si porta appresso / il sospiro e la speranza. / Ti riveste il sole per la festa; / anche se incappucciato dalle nuvole / il vento tu respiri / che ti rende l’aria fine. //

«Ed ora tocca a te far la parte!» / la chiamata forte e chiara mi è arrivata / «Ti tocca fare il capo!» / La scuola e la cultura / il  comune e la politica. / l’onore mi hai dato e ti ringrazio, / alto il nome tuo ho tenuto. / Eppure una ferita / troppo a fondo è penetrata. //

La lontananza accende il pensiero / che vola sempre a te. / Ma basta che ti rivedo per un attimo / ogni pietra è un ricordo: / oggi come ieri / il cuore batte d’emozione./ E cammino cammino al sole che tramonta, / ma quando è fatto notte / tienimi sempre stretto. 

About Rodrigo Cieri

Rodrigo Cieri, abruzzese di Celenza sul Trigno, di madre molisana, una vita dedicata alla Scuola, da docente e poi da Preside, dedito all’impegno sociale e la promozione culturale che porta avanti con testardaggine, in paese e neIl’ Alto Vastese. Coltiva un’antica passione, la pura poesia, in lingua, o più spesso in vernacolo, ottenendo consensi e premi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.