Home / Cultura / Cultura Popolare / Nu vìecchjə maštrə

Nu vìecchjə maštrə

Poesia di Felice Pannunzio[1],
tratta dal libro “Poeti Dialettali di Agnone” curato da Domenico Meo[2]
13466039_1023757874368565_8951854077623599068_n-copia

Nu vìecchjə maštrə

Nu vìecchjə maštrə, arrétə a na vətróina,
sə védə angóra, céttə, ógni matóina:
davéndrə la pətòica, mbulvərata
cóm’e na cósa armašta abbandunata.
Fa cacché calzungillə, o na ggiacchétta;
e chéuscə chjénə chjìenə, sénza frétta.
Nə ndé nu lavurandə, ndé nəscìunə
chə j’arrégnə ru fìerrə də carvìunə
o jə fa, arru vəštóitə də nu spéusə
o a na zzəmarra, tuttə lə bbərtéusə.
Próima chélla pətòica mbulvərata
da tanda lavurèndə év’affullata
sóttə Natalə, fin’a mésanòttə
štàvanə a méttə pundə, a fa cappòttə.
Ma pó la cunfəzziéunə fu mməndata
e l’artə fu dəštrutta e səttərrata;
ca ognìunə s’accattava ru vəštóitə
davéndrə arru nəgòziə, ggià cuscióitə.
Tu vìecchjə maštrə, chə té uttand’ènnə,
fatijə angàura, ndə sci vulutə arrènnə;
ma tə tréma la mìenə mèndrə chìuscə,
e tə chjìegnənə r’ùocchjə də naschìusctə.

 13427993_1023757214368631_5807029854684023158_n-copia

Un vecchio mastro

Un vecchio mastro, dietro una vetrina,
si vede ancora, presto, la mattina:
dentro la bottega impolverata
come una cosa rimasta abbandonata.
Fa qualche pantalone, o una giacca;
e cuce piano piano, senza fretta.
Non ha un lavorante, non ha nessuno
che gli riempia il ferro di carboni
e gli faccia, al vestito dello sposo
o a una zimarra, tutte le asole.
Prima quella bottega impolverata
da tanti lavoranti era affollata
sotto Natale, fino a mezzanotte
stavano a mettere punti, a fare cappotti.
Ma poi la confezione fu inventata
e “l’arte” fu distrutta e sotterrata;
perchè ognuno comprava il vestito
dentro il negozio, già cucito.
Tu vecchio mastro, che hai ottant’anni
lavori ancora, non ti sei voluto arrendere;
ma ti trema la mano mentre cuce,
e ti piangono gli occhi di nascosto.

_______________________________
[1]Felice Pannunzio. Molisano di Agnone, dedito alla politica, giornalista, novelliere e poeta. La sua poesia è spesso temperata da un’atmosfera crepuscolare e mitografica, nella quale si percepisce un mai sopito sentimento di nostalgia verso le cose avite e gli affetti dell’infanzia.
[2] Domenico Meo, Abruzzese di Castelguidone (CH), ma agnonese di fatto, lavora alla Asrem di Agnone (IS). Si occupa, in termini scientifici, di dialetto, riti, usi e tradizioni popolari. Tanti i suoi libri, su cui giganteggia il Vocabolario della lingua di Agnone.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

2 commenti

  1. Francesco Saverio Granchelli

    Che dire ? Questa è per me Poesia dell’anima, temo di farle male. Grazie all’Autore e grazie alla Musica che ci ha accompagnato. Ho sognato o son desto?Erancesco

  2. DELICATO MOMENTO DI NOSTALGIA ANCHE PER ME CHE SONO INTORNO AD OTTANTA… E PUR NON AVENDO LAVORATO IN “BOTTEGA” HO VISTO QUEL LAVORO CHE VI SI SVOLGeVA CON PASSIONE ED “arte”. Complimenti: la poesia è deliziosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.