Home / Cultura / Cultura Popolare / Nu core grosse

Nu core grosse

Poesia di Rodrigo Cieri [1]
tratta dal suo libro “Memoria è Anima” Campobasso 2017.

Nu core grosse

«Papà, arconte lu maeštre a le uagliune
ca vo nu bbene matte a tutte quante,
te‟ a lu core pušte pe‟ ognune
e cchiù ne po creà‟ ancore tante.»

«Lu Pape ancore cchiù ne te‟ de spazie
pe‟ tutte le fedele e chi nen crede.»
«Ma gna è ca lu core nné šta sazie?
Nn‟arrive lu mumente che po‟ cede?»

«L‟amore è sentimente troppe forte
e pe‟ quanda ne tié n‟finisce maie.
E nen l‟avvence manche nu culosse.»

«L‟amore té pe‟ mamme nen z‟è scorte.
Ssu core te‟ pe‟ case spazie assaie?»
«Lu core mé!… Sapisse quante è grosse!»

 

Celenza sul Trigno, 14 dicembre 2005

 

Un cuore grande

«Papà, racconta il maestro ai bambini
che vuole un bene matto a tutti quanti,
ha nel cuore un posto per ognuno
e   ne   può   creare   ancora   tanti.»

«Il Papa ancora di più ha spazio
per tutti i fedeli e per chi non crede.»
«Ma com’è che il cuore non sta mai sazio?
Non arriva il momento in cui può cedere?»

«L’amore è sentimento troppo forte
e per quanto ne hai non finisce mai.
E non lo vince nemmeno un colosso».

«L’amore tuo per mamma non è finito.
Il tuo cuore per caso ha molto spazio?»
«Il cuore mio!… Sapessi quanto è grande!

 


[1] Rodrigo Cieri, abruzzese di Celenza sul Trigno, di madre molisana, una vita dedicata alla Scuola, da docente e poi da Preside, dedito all’impegno sociale e la promozione culturale che porta avanti con testardaggine, in paese e neIl’ Alto Vastese. Coltiva un’antica passione, la pura poesia, in lingua, o più spesso in vernacolo, ottenendo consensi e premi.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright: Altosannio Magazine

About Rodrigo Cieri

Rodrigo Cieri, abruzzese di Celenza sul Trigno, di madre molisana, una vita dedicata alla Scuola, da docente e poi da Preside, dedito all’impegno sociale e la promozione culturale che porta avanti con testardaggine, in paese e neIl’ Alto Vastese. Coltiva un’antica passione, la pura poesia, in lingua, o più spesso in vernacolo, ottenendo consensi e premi.

Un commento

  1. Un momento di POETICA RIFLESSIONE! Colloquio fra padre e figlio… un figlio indirettamente si sente ancor più rassicurato…quando due genitori si amano…Che dire???!Questo sentimento una volta più palesemente diffuso, ahimè oggi sembra quasi anacronistico! IL CUORE oggi è costretto a diventare sempre più “grosse”…

Rispondi a marisa gallo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.