Home / Cultura / Cultura Popolare / Nonna Raccontami … Un Amore Eterno

Nonna Raccontami … Un Amore Eterno

Racconto  di Mario Forni.[1

Amore-eterno

IL MIO NOME È MARIO e sono molto contento di raccontarvi, con un’intervista, l’amore tra i miei nonni.


Nonna, come hai conosciuto Mario?

«Frequentavo la Quarta Elementare e mi ha colpito immediatamente il suo fascino, era un ragazzo bellissimo e soprattutto simpatico. Durante le lezioni scolastiche lo fissavo per ore intere e lui inizialmente fingeva di ignorarmi. Pian piano, però, abbiamo iniziato a conoscerci meglio e scambiarci i primi regali. Io gli regalavo sempre dei pettini di mio padre mentre lui delle mollette molto particolari».

Quando è avvenuto il fidanzamento?
«Avevo quattordici anni stavo accudendo le pecore, arriva lui chiedendomi di fidanzarci ed io ho accettato senza indugi. Quel giorno lo ricordo come fosse ieri! Col passar del tempo ho compiuto diciotto anni e finalmente ho chiesto a mio padre se potevo fidanzarmi ufficialmente con Mario. Purtroppo però un evento mi sconvolse, infatti lui mi lasciò, andandosene a Napoli. Ero davvero molto confusa, non mi spiegavo il perché di quella decisione improvvisa, ma dopo ne ho scoperto il motivo. Infatti il padre di Mario gli aveva detto di lasciarmi e in cambio gli avrebbe regalato una bellissima motocicletta. A quei tempi, caro nipote, avere una motocicletta era magnifico per i giovani, ma tuo nonno si è nuova- mente recato da me scusandosi. Mario ed io eravamo ormai troppo legati e quindi, malgrado i litigi tra le rispettive famiglie, ci siamo uniti in matrimonio nel 19 febbraio del 1961. La cerimonia è stata fantastica ed abbiamo festeggiato a casa mia con circa centocinquanta invitati, e tanti tavoli all’aperto. Mi ricordo che il padre di Mario non ha voluto spendere soldi per la nostra unione ed ha dovuto organizzare tutto mio padre. Che santo!…».

Che cosa avete mangiato?
«Un antipasto molto ricco ed abbondante con prosciutto e mozzarella, poi la pasta col ragù, e come secondo l’insalata accompagnata dal pollo e dalla carne arrostita. In conclusione la frutta e una torta molto decorata, ma tutto ciò lo preparò mia zia di Milano, una cuoca ottima».

Nonno Mario dopo il matrimonio è partito?
«Marietto, devi sapere che questo è un tema importantissimo della nostra vita poiché ha cambiato innumerevoli cose. Sia io che tuo nonno siamo partiti per la Svizzera ed è stato proprio lì che abbiamo concepito il primo figlio. Dopo i consueti nove mesi siamo tornati a Pagliara (vicino Benevento) dove è nato tuo papà Antonio, il 16 luglio del 1962. E così abbiamo fatto anche con la nostra seconda figlia, Irma, due anni dopo. Avevo ventiquattro anni e già ero madre di due bambini.

Nonna, so anche di un tuo figlio che purtroppo dopo la nascita è morto.
«Sì, il suo nome era Roberto. Sfortunatamente aveva una brutta malattia tanto da ucciderlo e ancora oggi sento un vuoto nel mio cuore che non si colmerà mai. Come sai però nel 1974 è nato un altro Roberto, il terzo dei figli, ad Avellino, nuova città in cui ci eravamo trasferiti. E solo dieci anni dopo siamo ritorna- ti nel paesino dove siamo oggi».

Proprio due giorni fa avete festeggiato con tutti noi i vostri cinquant’anni di matrimonio! Che emozioni avete provato?
«Emozioni grandiose, poiché ho rivissuto le mie prime nozze ed ho anche riflettuto che cinquant’anni sono davvero tanti. È stato bellissimo condividere con figli e nipo- ti una tale gioia, e ammetto che cinquant’anni con tuo nonno sono stati davvero unici, con sofferenze e gioie».

Ecco! Cosa consigli ad una coppia per giungere alle nozze d’oro?
«Marietto, consiglio solo di affrontare gli ostacoli e di accettare i litigi perché sono formativi per una coppia. Poi consiglio di vivere spontaneamente, che è la cosa migliore e soprattutto di essere concreti nell’amore, senza astrattismi».

Grazie nonna!

 


[1] Questo racconto è stato presentato al concorso “Nonna Raccontami” organizzato nel 2012 dalla Rivista La Perla del Molise diretta da Michela Mastrodonato. Il Racconto è riportato nel  n. 29-30-31 – (Sett 2011-Ago 2012) della Rivista stessa ed è stato pubblicato anche sul sito: www.associazioneabam.it.

Musica: Richard Clayderman… A comme amour
Editing: Enzo C. Delli Quadri

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Un commento

  1. Antonia Anna Pinna

    E già! Gli astrattismi nuocciono gravemente alla salute del matrimonio. Bellissima intervista. Auguri ai nonni

Rispondi a Antonia Anna Pinna Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.