Home / Cultura / Cultura Popolare / Nonna Raccontami – ……. Angelone e il coprifuoco

Nonna Raccontami – ……. Angelone e il coprifuoco

Racconto di Carlo Di Carlo.[1]

UN NONNO DI SCANNO CI HA RACCONTATO QUESTO FATTO.
Durante la Seconda Guerra mondiale, gli scannesi non riuscivano a mandar giù l’idea che, a nessun’ora dopo il tramonto, si potesse uscire, per paura di essere acchiappati dai soldati tedeschi che erano sempre pronti a brandire il mitra se qualcuno non avesse rispettato la regola del coprifuoco. Le persone (soprattutto i giovani) che erano viste per le vie del paese dopo le diciannove, venivano immediatamente arrestate e condotte al carcere che si trovava nella scuola elementare. Accadeva, però, che alcuni prigionieri venivano scarcerati il giorno seguente perché i tedeschi erano facilmente corruttibili e quindi, al prezzo di una decina di uova o altri generi alimentari, ridavano la libertà ai “donatori”.

Una volta un certo giovane di nome Angelo, soprannominato Angelone, era di- ventato chissà come amico di un generale tedesco che abitava nei ricchi palazzi della cittadina. Quest’“amicizia” permetteva soltanto ad Angelone di poter usci- re dai confini del paese armato di un piccolissimo fucile, per andare a caccia nei boschi montani, e ogni preda catturata nelle sue battute di caccia doveva andare al generale amico. Non vi era giorno, quindi, che non facesse comparsa sul tavo- lo del tedesco una lepre in salmì o una pernice alla cardinale.

Una triste sera d’inverno nemmeno Angelone riuscì a scappare all’amara leg- ge del coprifuoco e fu rinchiuso, insieme con altri giovani scannesi, in prigione. Mentre il nostro povero amico era bloccato dietro le sbarre, ecco che gli si presentò innanzi il famigerato generale tedesco. Il giovane pensò che il tedesco lo avrebbe liberato, ma non fu così perché il generale, vedendolo, disse con tono di presunzione: «Una notte o due in gattabuia non te le toglie nessuno!».

Ma Angelone ribatté con sicurezza: «Peggio per te!».

E il generale urlò: «Come ti permetti?!? Lo sai chi sono io?!? Per questo resterai qui altri cinque giorni!».

Lo scannese, allora, fece una proposta al generale: «Facciamo così, domani mattina mi farai uscire e se riuscirò a rubare un paio di quegli stivali (ed indicò un mucchio di stivali neri di cuoio che erano messi in un angolo dello stanzone) tu mi farai una bella certificazione scritta nella quale sarà detto chiaramente che io, Angelo De… ho il permesso di girare per il paese con stivali tedeschi per me- riti di guerra».

Il generale accettò. L’indomani Angelone uscì di prigione. Il teutonico, vedendolo senza gli stivali, scoppiò in una risata beffarda ma era troppo presto per festeggiare. Lo scannese, infatti, con aria indifferente, proseguì avanti per una decina di metri fino a quando non si chinò a terra ed estrasse dalla neve (che quel giorno cadeva fitta su Scanno) un paio di stivali tedeschi che la notte precedente aveva gettato dalla finestra della sua cella. Il generale, rimasto di stucco, fu costretto a prendere carta e penna e fare la certificazione ad Angelone.

Ad Angelone la “vittoria” degli stivali non interessava. La vera cosa che lo ri- empiva di felicità era la sconfitta dei tedeschi e della loro prepotenza contro la furbizia e la semplicità di un unico uomo.



[1] Questo racconto è stato presentato al concorso “Nonna Raccontami” organizzato nel 2012 dalla Rivista La Perla del Molise diretta da Michela Mastrodonato. Il Racconto è riportato nel  n. 29-30-31 – (Sett 2011-Ago 2012) della Rivista stessa ed è stato pubblicato anche sul sito: www.associazioneabam.it.
Nel presentare i racconti del concorso, Michela Mastrodonato ha scritto: abbiamo ancora negli occhi le immagini vive, colorate, talvolta struggenti, germogliate dai testi raccolti in occasione del concorso letterario Nonna raccontami!. L’impresa è stata più lunga del previsto, e faticosa per le poche forze di cui dispone la nostra rivista, giunta ormai a festeggiare il suo decimo compleanno. Ma il veliero del concorso salpato ormai due anni fa è stato condotto in porto sicuro.
Tante persone – uomini, donne, ragazzi, bambini – hanno partecipato mettendo in gioco la propria voglia di rievocare in modo critico, nostalgico, o semplicemente sognante, un mondo rurale di cui ormai non sentiamo più neanche l’odore, per usare un’espressione che in qualche riga ho felicemente ritrovato («In quei tempi si mangiava un po’ di carne, ma a volte solo l’odore»).
Restituire nella sua interezza, nelle pienezza delle emozioni vissute, un’umanità lontana e per sempre svanita, un’atmosfera, un sussulto del cuore, un dolore insinuatosi per un attimo, secoli fa, in un angolo dell’anima nel bel mezzo di un bosco o sulla soglia di una porta, ricreare un’esperienza dal nulla se non a partire dai racconti di persone ormai vecchie e stanche eppure traboccanti di memoria, ebbene un prodigio simile è un atto di creazione vera e propria. Un atto di magia.
Se  è vero che gli animali si tengono con la capezza, è altrettanto vero che  le persone, la loro vita  e i loro affetti eterni,

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.