Home / Cultura / Cultura Popolare / “Nonna Ada”: Tengo le mie cose

“Nonna Ada”: Tengo le mie cose

di Flora Delli Quadri

donna che legge

“Nonna Ada”  figlia del tempo, costretta a muoversi tra pregiudizi e suggestioni,  un po’ ignorante ma sapiente, cerca di sopperire con la lettura alla mancanza di cultura ufficiale, soddisfacendo così il suo desiderio di sapere con il ragionamento e la logica..


 

Tengo Le Mie Cose

in lingua altosannita (più giù c’è la traduzione)

Jie nn’haie fatte le scole grosse, m’haije ferméata alla quinda elemendéare, però me pìjeàce lègge tutte chelle che me capeta sott mìan.

la br
sə n’éva abbrəugnìa

Nu ijùarne, dendre a nu giurnalette də rə tesctmoniə də Geova, truvìatt na fréas che, dicən léur, scta scritta sopra le Sacre Scritture: “Quando una donna abbia flusso di sangue … la sua immondezza durerà sette giorni; chiunque la toccherà sarà immondo fino alla sera!”

Appena l’hajiə lett m’è rmnìute all’ammend  ca, quandə eva cənenna, la femməna chə na volda a rru màis tənàiva, con rispetto parlando, ru ciclo (gna le chieman meuuə rə mìadəchə), mica puteva dicər“tengo le  mesctruazioni”. Macché! Eva dicər “Tengo Le Mie Cose”, quasə ca sə n’éva abbrəugnìa!

Non szolo! N’ghirə ijuarn nən puteva  fa cubbell, nən puteva accidərə ru pùarchə, nən puteva fa la salciccia, n’zə puteva manghə laveà rə pìadə e fəgùratə l’aldr càus!

n’zə puteva manghə fa le péane
n’zə puteva manghə fa le péane

Tand’ennə fə, quandə ijavam a vələgnìja  sott alla Ròipa alla vigna də zijenma, cə sctava nu vijacchiə chə, appena vədaiva niuuə giuvənétt chə ijavàm a ijətùa, cumənzéava a prədəcheà e ce uardéava chə cert ùacchiə stùart gna se fussem sctat lə viperə chə  ij’eva squaccià la coccia. Second’iss, se dendr alla vesca cə capteàva nu cùacchiə d’ìuua arraccolda da na uagliéuna chə tənàiva ru cicl, tuttə le vòine se sarìa fatt d’aciòit. Menumeàl ca po’ se murette, pacə all’anima saija!

Inzomma, alla pòvəra femməna ijə facevan credərə ca tutt chell chə tucchéava se uastùava:  la cunzèrva se nnacədòiva, lə piànd sə səccàvan, lə péan nən crəsciàiva; n’zia mia ca fəcchèvan la ponda də ru pòid dendr all’acqua, n’zə sapàiva chell che puteva succedərə!

n’zə puteva manghə fa le pəmmadeur
n’zə puteva manghə fa le pəmmadeur

N’ann mamma facett le pəmmadeur e ijə mə scurdìeatt də dicərə ca “tenevo le mie cose”.  Mbeh, cunvess ca pə n’ann seàn so sctata chə sctu pənzìarə, e iva a spəìja lə buttigliə pə vedaijə se scuppiavan. E invece, propria quir ann scijearn una cchiu megliə dell’aldra!

Ah, chess è?  Mo və faccə vədé ijoijə, pənzìatt! Allora cumənzìatt a lavarm rə pìad, mə lavìatt la coccia e me facieàtt pur ru bidè; ammassiéatt le péan e faciéatt pur le pəmmadéur! Solə la salciccia n’avìatt ru curaggə də farla, ca sə chella sə uasctùava eva nu capətéal!

Apùa, parecchiə temb dopp, scuprìatt d’addò mənivan tutt chell fssaroìje che c’evane miss nghéap! Evanə lə Sacre Scritture chə c’arrgnévan la coccia de chiècchiar!

Adamo ed Eva
Adamo ed Eva

“La religgione è l’oppio dei popoli” , deciàiva nu crsctieàn chə mo nən m’arcord gna sə chiaméava. Pə carità, ijə cə vagliə alla cchieasa e pénz  ca lə cosə bbéun rə prìait lə dicənə, ma lə fémmən l’éne sembr trattéat mmalamend, səmbr a pənzeà a Adamo e Eva e ca la femməna induce al peccato! Chirə, l’ùammən, so pùarcə pə cund léur, aldre chə màila e sərpend.

Invece gli andropologi,  chir serijə che sctudian le usanze də r’andoichə,  dicənə ca siccome “le donne col ciclo non sono feconde”, cioè nən pon armanì  incinde, allora “non portano bene”! Mbeh, sta cosa mə cuinvingə na nzé də cchiù, ca la fecondità è sèmbr stata prupizia a tutt lə càus.

Ləijénn ləijénn, haijə scuperta pur n’aldra causa, e cioè ca quand rə macellìar andòichə évan assumərə nu garzéun, ijə məttevanə ru termomətr, ca sə moggliaddòija évan nanz’é cchiù call dell’eldr  nən putevan sfascià la carn ca  chəmmua lə call də lə mìan la faceva uasctùa. Pə’ fforza  eva essə lvàire, ndann  mica cə sctavan rə frəgurifər gne meuuə!.

E siccome in quei giorni pur la femməna  é gne sə tənesse la fròivə, cioè é nanzé cchiù calla dell’eldr  ijuarn, ecchə pronda la rəsposcta al fatto ca nən puteva fa la salciccia!

Aldro che “immondo e immondezza”! Ije pozza afferrà ru tocche a tutt chóire che m’ene custretta pe n’anne sane a i cuntrullann le buttigliə də pəmmadéure, ijə lə spacchéra nghéap  a ìjuna  a ìjuna.

Lə bbìell lə sapàit qual é? Ca meuuə, che saccə tuttə sctə causə, ru pùarchə nə l’accid cchiù, la salciccia l’accatt bell’e fatta a ru macəlléar, lə pəmmadéur e lə péanə lə treuuə a ru supermercatə e la vigna l’aijə vənnìuta!

 

Le nonne Ada
Nonna Ada

 

Tengo Le Mie Cose 

in italiano, per i forestieri

doveva vergognarsi
doveva vergognarsi

Io non ho fatto le scuole grosse, mi sono fermata alla quinta elementare, però mi piace leggere tutto quello che mi capita a tiro.

Un giorno, sopra a un giornaletto dei testimoni di Geova, trovai una frase, che, dicono loro, sta scritta sopra alle Sacre Scritture. “Quando una donna abbia flusso di sangue … la sua immondezza durerà sette giorni; chiunque la toccherà sarà immondo fino alla sera!”

Appena l’ho letto mi è tornato alla mente che, quando ero piccola, la femmina che una volta al mese aveva, con rispetto parlando, il ciclo (come lo chiamano i medici) mica poteva dire “Tengo le mestruazioni”! Macché! Doveva dire “Tengo Le Mie Cose”, quasi come se si dovesse vergognare.

Non solo! In quei giorni non poteva fare niente, non poteva uccidere il porco, non poteva fare la salsiccia, non si poteva manco lavare i piedi e figurati le altre cose.

non si può fare neanche il pane
non si può fare neanche il pane

Tanti anni fa, quando andavamo a vendemmiare sotto la Ripa alla vigna di mia zia, ci stava un vecchio che, non appena vedeva noi giovinette che andavamo ad aiutare, cominciava a predicare e ci guardava con certi occhi storti come se fossimo state le vipere cui avrebbe voluto staccare la testa. Secondo lui, se dentro la vasca ci capitava un acino d’uva raccolto da una ragazza che teneva il ciclo, tutto il vino si sarebbe fatto d’aceto. Menomale che poi morì, pace all’anima sua.

Insomma, alla povera donna le facevano credere che tutto quello che toccava si guastava: la conserva si inacidiva, le piante si seccavano, il pane non cresceva; se infilavano la punta del piede dentro l’acqua, non si sapeva quello che poteva succedere.

non si potevano fare i pomodori
non si potevano fare i pomodori

Un anno mamma fece i pomodori e io mi scordai di dire che “tenevo le mia cose”. Beh, confesso che per un anno intero sono stata con questo pensiero e andavo a spiare le bottiglie per vedere se scoppiavano. E invece proprio quell’anno uscirono una meglio dell’altra.

Ah, questo è? Mo vi faccio vedere io, pensai. Allora cominciai a lavarmi i piedi, mi lavai la testa e mi feci pure il bidet; ammassai il pane e feci pure i pomodori! Solo la salsiccia non ebbi il coraggio di farla, perché se quella si guastava era un capitale.

Dopodiché, parecchio tempo dopo, scoprii da dove venivano tutti quei pregiudizi. Erano le sacre scritture che ci avevano riempito la testa di chiacchiere!

“La religione è l’oppio dei popoli” diceva un cristiano che adesso non mi ricordo come si chiamava, Per carità, io vado in chiesa e penso che le cose buone i preti le dicono, ma le femmine le hanno sempre trattate male, sempre a pensare ad Adamo ed Eva e che la femmina induce al peccato! Quelli, gli uomini, sono porci per conto loro, altro che mele e serpente.

Adamo ed Eva
Adamo ed Eva

Invece gli antropologi, quelli seri che studiano le usanze degli antichi, dicono che siccome “le donne col ciclo non sono feconde”, cioè non possono rimanere incinte, allora “non portano bene”. Beh, questa cosa mi convince un po’ di più perché la fecondità è sempre stata propizia a tutte le cose.

Leggendo leggendo, ho scoperto pure un’altra cosa, e cioè che quando i macellai antichi dovevano assumere un garzone, gli mettevano il termometro perché se non sia mai erano un po’ più caldi degli altri, non potevano sfasciare la carne perché il caldo delle mani la faceva guastare. Per forza doveva essere vero, allora mica ci stavano i frigoriferi come adesso!

E siccome in quei giorni pure la femmina è come se tenesse la febbre, cioè è un po’ più calda degli altri giorni, ecco pronta la risposta al fatto che non potevano fare la salsiccia!

Altro che “immondo e immondezza”! Che possa venire un tocco a tutti coloro che mi hanno costretta per un anno sano ad andare controllando i pomodori, glie le spaccherei in testa ad una ad una.

Il bello sapete qual è? Che adesso che so tutte queste cose, il porco non l’uccido più, la salsiccia la compro bell’e fatta dal macellaio, i pomodori e il pane li trovo al supermercato e la vigna l’ho venduta.


Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

5 commenti

  1. Se ancora ai giorni nostri, ci sono persone che la pensano in quel modo…siamo messi proprio male!

  2. cara FLORA SEI UN’AFFABULATRICE NATA E CRSCIUTA! LE “TUE COSE” sai bene quando dirle e come dirle, in modo da suscitare con la tua sottile ironia un garbato sorriso anche a me, che essendo più vecchia di te dicevo ahimè purtroppo anch’io ogni mese “HO LE MIE COSE”- ma solo per un giorno -per il forte dolore mestruale che fortunatamente cessava…e gli altri due tre giorni passavano inosservati!
    Scrivi più spesso, ma sempre che siano “LE TUE COSE” NON DI ALTRI!

    • Leonardo Tilli

      Uno splendido, colorito racconto, che ci mostra ancora una volta la costrizione della cultura dominante verso la donna.
      Un precetto inculcato e fatto pesare che aumentavano , nella donna, le difficoltà da affrontare anche nella vita normale di ogni giorno …
      In altri posti, in altri tempi vi era anche un alone di religione, come anche per i precetti nei confronti dei cibi e di altro.
      Flora Delli Quadri, ha saputo raccontare, ha saputo interessare il lettore, ha saputo far trascorrere ” un’ora lieta” a quanti si sono avvicinati al suo scritto, in cui si racconta di un tempo in cui, “le cose” quando si dovavano dire, si accennavano, quasi con ritrosia e di sfuggita e sempre sottovoce!
      Ciao, Flora Delli Quadri, per me, oltre per la cultura del tempo, è stato istruttivo leggerti anche nella versione dialettale …
      Grazie!

  3. Io non ho potuto lavarmi i capelli per oltre un anno in gravidanza, né piedi, né doccia. A proposito della salsiccia e conserva di pomodori la mamma mi domandava sempre: “N’è ca tié ru maise”

Rispondi a gustavo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.