Home / Cultura / Cultura Popolare / Nenguende

Nenguende

Poesia di Tommaso Giuliante

nevicata

Nenguende

Muntagna chiare, juorne arlucende.
Lu vicchiarelle guarde la marine;
si spanne pi lu ciele matutine
li nùvile ca sponde da Urjente.

Trummente da la marine nu vende
sforze e ciùffile da la matine,
lu vjecchie cacce ‘na rocchie di spine,
‘rcape lu ticchie a core cundende.

Passe lu juorne, arrive la sere;
s’allisseje ddu cice gni lu sale,
spinileje lu vascielle di nere.

‘Ntorn’a lu foche, ‘mmane nu vicale;
lu ticchie fa ‘ncallà la ciuminjere,
s’appose lu vende…e nengue guale.

Nevicata

Montagna chiara, giorno lucente.
Il vecchierello guarda verso il mare;
si spandono per il cielo mattutino
le nuvole che sorgono da Oriente.

Tormenta dal mare un vento
sforza e soffia dalla mattina,
il vecchio tira fuori un fascio di spine
sceglie un grosso ceppo con cuore contento.

Passa il giorno, arriva la sera;
lessa due ceci con il sale,
spennella la botticella di nero.

Intorno al fuoco, in mano il boccale;
il ceppo fa surriscaldare il camino,
cala il vento…e nevica uguale.

 


[1] Tommaso Giuliante, bibliotecario e catalogatore presso l’Università G. D’Annunzio di Chieti, partendo dal Dizionario Abruzzese e Molisano curato da Ernesto Gianmarco, ha sviluppato e approfondito i vari dialetti delle province abruzzesi e, di conseguenza, ha raccolto nella lingua dialettale, da lui tanto amata,  poesie, proverbi, modi di dire, ricette e tradizioni.

Copyright  Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

2 commenti

  1. COMPLIMENTI: bel sonetto : poesia calda e …gustosa, che sa del “nero” della botticella, ma anche di dolce sentimento di abbandono e di attesa …Quando c’è una tormenta di neve solo intorno ad un camino si trova la ragione di aspettare che essa cessi e torni il bel tempo…
    E’ un motivo caro ai poeti d’OGNI TEMPO… GIACOMO ZANELLA”..In chiuso loco gaio frattanto il vecchierel vicino si asside al foco. Tien colmo un nappo…

  2. basciano simone

    bellisma poesia, complimenti all’autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.