Home / Cultura / Na Speranze… …pe patreme

Na Speranze… …pe patreme

Poesia di Antonio Cieri

Rondinelle sul Trigno

Na Speranze…pe patreme 

Abbandunate ‘n cima
a culle lette de la speranze,
culle povere vicchie
areveve e repenze
a le timpe assai luntane:
de le terre calle africane,
de le gele d’oltralpe !
de le spute de la gente duminatore
entre a le gabbie spinate !
la spose luntane disperate !
le fije chiagnenne
che le calzune arepezzate
che cominciane a chiamà:
pà.., addò stì,
arevì a cunsulà mamme,
daije nu’ccone de pane !
le rennelelle che scappane
e z ‘entreccene abballe per le Frainile,
‘mmezze a lu cile culurate 
de speranze,
mentre lu core de lu vicchie scunsulate
sembra vulè sunà
come na grancasse stunate.
Eppure,
chulle core tante care
ha già perdunate tanta gente
e assai bene ha regalate a chille fije
che le calzune arepezzate,
che mò vivene ad altre timpe,
forse peggiure, 
pecché senne sempre mijurà,
ma tante e tante mije
di chille mumente triste,
annebbiate, omai luntane,
accarezzate da le foije
di chelle cerche ‘lluminate
e arruscite la sere
da lu sole, che è la speranze
de tutte le jurne destinate,
e che dichene sempre:
arivì pure a ddumane, 
a redà vite e forze a lu core scunsulate
de culle povere vicchie,
c’ha chiuse l’ucchie
pe nu mumente
e pe l’areprì n’altra volte,
pure a ‘ddumane…..! ?

(primavera 1977)

Una Speranza…per mio padre 

Abbandonato su
quel letto della speranza,
quel povero vecchio
rivive e ripensa
ai tempi assai lontani:
delle terre calde africane,
del gelo d’oltralpe!
dello sputo della gente dominatrice
entro le gabbie spinate!
la sposa lontana e disperata!
i figli piangendo
con i calzoni rattoppati
che cominciavano a chiamare
papà, dove stai,
torna a consolar mamma,
dacci un po’ di pane!’
le rondinelle che fuggono
e si intrecciano lungo il Trigno
nel cielo colorato di speranza!
mentre il cuore del vecchio sconsolato
sembra voler suonare
come una grancassa stonata.
Eppure,
quel cuore tanto caro
ha già perdonato tanta gente
ed assai bene ha regalato a quei figli
con i calzoni rattoppati,
che ora vivono in altri tempi,
forse peggiori,
perché dovranno migliorarsi,
ma tanto e tanto meglio
di quei momenti tristi,
annebbiati, ormai lontani,
accarezzati
dalle foglie
di quella quercia illuminata
e arrossita la sera
dal sole, che è la speranza
di tutti i giorni destinati
e che dicono sempre:
torna pure domani,
a ridar vita e forza al cuore sconsolato
di quel povero vecchio,
che ha chiuso gli occhi
per un momento 
e per aprirli un’altra volta
anche domani……….!?

(primavera 1977)

____________________________________
Copyright: Altosannio Magazine; 
EditingEnzo C. Delli Quadri

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.