Home / Cultura / Cultura Popolare / N’ le facce chiù

N’ le facce chiù

E se guardanne ‘nciele quacche sera… … … … 

Poesia di Bruno Marinelli [1]

bambino conta le stelle

N’ le facce chiù 

“Chella stelluccia ‘nciele è mamma teja”,
decevane quand’ie seva uaglione,
tant’eva brava, accuscì santa e bella,
ca, iuta ‘nciele, è addeventata stella.
E mo tamente ‘mieze a sta muntagna,
guarda cerca e te trova,
e da la ‘ncoppa sempre t’accumpagna
pe chella strada dritta che canosce
suole ru bene che te vo la mamma.
Ma se n’si buone, chella allora chiagne,
e pe n’se fa vedè dall’ate stelle,
dent’a ru ciele nire s’annasconne.
E se guardanne ‘nciele quacche sera,
ie chella stella nen vedeva chiù,
m’addenucchiava e chelle mane accocchie:
“mamma perdone n’ le facce chiù”.

  


[1] Bruno Marinelli, molisano di Rionero Sannitico, costretto ad abbandonare gli studi universitari per dedicarsi al lavoro in banca, ha operato nel sindacato, senza mai abbandonare la sua passione per la poesia dialettale.

Copyright  Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

 

About Bruno Marinelli

Bruno Marinelli, molisano di Rionero Sannitico, costretto ad abbandonare gli studi universitari per dedicarsi al lavoro in banca, ha operato nel sindacato, senza mai abbandonare la sua passione per la poesia dialettale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.